Rai: via libera del cda a ''Tivý'', la FreeSat italiana

News inserita da:

Fonte: Il Velino.it

S
Satellite / Estero
  venerd√¨, 06 giugno 2008
 00:00

Rilanciare sul satellite, in un unico bouquet gratuito che si chiamer√ɬ† √ʬĬúTiv√ɬĻ√ʬĬĚ, tutto quello che viene trasmesso sul digitale terrestre. √ɬą questo il progetto discusso dal cda del 21 maggio scorso e poi varato nell√ʬĬôassise di mercoled√ɬ¨ 28.

Un progetto naturalmente aperto a tutti gli operatori, a partire da Mediaset e TiMedia, che sottrarrebbe a Sky Italia (oltre ai programmi criptati dei sette canali generalisti) l√ʬĬôattuale monopolio del √ʬĬúcielo√ʬĬĚ, e che consentir√ɬ† al segnale televisivo del nuovo consorzio (tramite decoder naturalmente) di coprire tra dtt e satellite il 100 per cento (o quasi) della popolazione italiana.

E quindi anche quel quattro-sei per cento che comunque nel 2012 √ʬĬď data del fatidico switch off - non sar√ɬ† raggiungibile con le frequenze terrestri per questioni legate alle asperit√ɬ† del territorio. In sostanza potrebbe accadere in Italia quello che proprio in queste settimane √ɬ® accaduto in Inghilterra: il varo di FreeSat.

Oltremanica l√ʬĬôidea √ɬ® frutto di una joint-venture tra Itv e Bbc, punta a una copertura del 98 per centro della popolazione √ɬ® offrir√ɬ† un bouquet di circa 80 canali, che entro l√ʬĬôanno potrebbero diventare 220: tutti gratis e alcuni anche in hd. √ʬĬúTiv√ɬĻ√Ę¬Ä¬Ě far√ɬ† dunque il verso al modello inglese di Freeview (sul digitale terrestre) e di FreeSat (sul satellite). Un modello che piace anche a Francia, Spagna e Germania. E ora che il settimo piano ha dato il proprio l√ʬĬôok, anche l√ʬĬôItalia si √ɬ® messa in fila.

Gianluca Vacchio
per "Il Velino.it"

Palinsesti TV