La Sede milanese della Rai: tutti i programmi prodotti in Mecenate e Sempione

News inserita da:

Fonte: Il Giornale

T
Televisione
  domenica, 08 febbraio 2009
 00:00
Il trasferimento della sede da Milano a Roma di Palcoscenico, il programma di Giovanna Milella su Raidue dedicato al teatro, ha provocato un terremoto.

Sindacati, istituzioni, artisti, politici sono scesi in campo per protestare contro l'improvvisa decisione del direttore di rete, il leghista Antonio Marano, di sottrarre a Milano, capitale del teatro, uno dei programmi culturali più apprezzati della tv pubblica. Ennesimo colpo di Roma alla Rai ambrosiana, come sostentano in molti?

In attesa di sviluppi, siamo andati a vedere come funziona e cosa produce la sede Rai di corso Sempione e il nuovo centro di produzione di via Mecenate. «Parliamo di una realtà con grande potenziale di crescita -spiega Massimo Ferrario, che dal 2002 è direttore del centro di Milano - che complessivamente conta da 850 a 1000 dipendenti e si relaziona con ben undici editori Rai fra reti, testate giornalistiche, emittenti radio. Qui si producono regolarmente i telegiornali regionali e programmi come La domenica Sportiva, Che tempo che fa, Glob, Tv Talk, L'Italia allo specchio, L'Isola dei famosi...».

Nessuna rivalità con viale Mazzini, spiega Ferrario, ma una netta e precisa differenziazione di programmi e contenuti: «A Roma fanno spettacolo. Qui, invece, curiamo produzioni complesse: dalla diretta dei grandi eventi esterni. Soprattutto, è la sede di Milano a coordinare le riprese delle grandi manifestazioni: dalie Olimpiadi di Torino al Giro d'Italia,passando per il festival di Sanremo, Miss Italia, la Formula 1 il concerto di Capodanno di Venezia... In pochi considerano, infatti, che dietro a un grande evento mediatico c'è un'enorme macchina produttiva itinerante, imponente anche sotto il profilo  logistico e organizzativo: autotrasporti, pullman di regia, studi esterni che vengono montati e smontati a ogni spostamento, vigilati giorno e notte. E centinaia tra cameraman, giornalisti, autisti, elettricisti, manovali».

Il motore di questa gigantesca macchina è proprio il Centro Rai di Milano, che dal 3 gennaio 1954, nell'elegante palazzo di corso Sempione 25 progettato dall'architetto Gio Ponti negli anni '40 come sede radiofonica, non ha mai smesso di produrre, Qui sono nati programmi come Rischiatutto, Portobello, Fantastico, che appartengono non solo alla storia della tv, ma al costume del Paese degli ultimi cinquantanni.

Oggi alla storica sede si è aggiunto il nuovissimo polo televisivo di via Mecenate che dal 2007, con i suoi 1 Ornila metri quadrati di spazi, fra i quali lo Studio 2000, il più grande d'Italia e uno dei maggiori d'Europa (un teatro di 2.400 metri quadrati e 800 posti), ha sostituito i gloriosi capannoni della Fiera. «Quando la Fiera decise di vendere l'insediamento storico - continua Ferrano - la Rai affittò l'area degli ex stabilimenti Caproni: nel giro di otto mesi la sede era completata».

Valentina Terruzzi
per "Il Giornale Milano"

Ultimi Video

Palinsesti TV