Spagna, Zapatero taglia la pubblicitÓ: ''Ridurremo quella sulla tv pubblica''

News inserita da:

Fonte: Apcom

E
Economia
  marted├Č, 14 aprile 2009
 00:00
La Spagna come la Francia: Madrid mira a ridurre la pubblicit├â┬á nella televisione pubblica. E l'annuncio viene dal presidente del governo socialista, Jos├â┬ę Luis Rodr├â┬şguez Zapatero, che lo ha detto oggi a deputati e senatori del Psoe riuniti in seduta plenaria per discutere le prossime leggi che l'esecutivo invier├â┬á in Parlamento.
 
Il leader socialista ha annunciato che il governo manderà alle Camera una nuova proposta di legge sulla riforma del settore audiovisivo; un precedente testo nella scorsa legislatura si era arenato per mancanza di consenso. Nella nuova legge sarà indicato come obiettivo proprio quello che chiedevano le televisioni commerciali. Ovvero, come ha detto Zapatero caldamente applaudito dai suoi stessi parlamentari, "una drastica riduzione della pubblicità nella tv di Stato", i canali della TVE.
 
In novembre, la Unione delle televisioni commerciali (Uteca) aveva ribadito all'esecutivo l'esigenza che la Tve non trasmetta pubblicit├â┬á e che si finanzi esclusivamente con fondi pubblici, e la richiesta che la tv di Stato si concentri a trasmettere eventi per cui non entri in competizione con le televisioni commerciali. Sotto tiro in particolare il pagamento da parte della Tve di 60 milioni di euro per i diritti di vari campionati di calcio, cifra che secondo l'Uteca ├â┬Ę il triplo di quanto avevano precedentemente pagato le tv private.
 
ZapateroLa decisione di Zapatero rischia di ridurre di parecchio il raggio d'azione della tv pubblica, rendendola di fatto dipendente in modo totale dalle sovvenzioni del governo in carica (che, caso raro in Europa, non prevede un canone diretto dei telespettatori). Va ricordato che dopo il ritorno della democrazia, Tve - con un unico canale generalista al quale qualche anno dopo se n'├â┬Ę aggiunto uno regionale - non ├â┬Ę mai stata sottoposta a un processo di "lottizzazione", ma occupata in toto dall'esecutivo al potere. Di fatto, Tve ├â┬Ę sempre stata un strumento a disposizione dei governi ma non dei partiti, che hanno alleati pi├â┬╣ preziosi - e in teoria pi├â┬╣ al riparo da incertezze elettorali - nei grandi gruppi privati.
 
La legge dovrebbe infatti favorire il potere di acquisto delle televisioni commerciali, le sole a dividersi la torta dei ricavi pubblicitari - relegando Tve ai telegiornali e a format poco costosi, e sperando quindi di ridurre l'entità della spesa totale necessaria al suo finanziamento.
 
Un dibattito simile ├â┬Ę avvenuto poche settimane fa in Francia, dove il presidente conservatore Nicolas Sarkozy ha presentato e visto approvare una legge che riduce progressivamente e drasticamente la trasmissione della pubblicit├â┬á sui canali di France Television, la tv di Stato (peraltro in Francia finanziata anche con il canone). I critici hanno affermato che Sarkozy voleva in primo luogo favorire i proprietari dei canali commerciali e privati, molti dei quali sono suoi amici personali.
 

Ultimi Video

Palinsesti TV