Bolloré: ''Pay-tv? Adoro l'Italia ma per metà Cda Vivendi non è buona idea''

Bolloré: ''Pay-tv? Adoro l'Italia ma per metà Cda Vivendi non è buona idea''

News inserita da:

Fonte: Adnkronos

E
Economia
  venerdì, 05 giugno 2015
 20:58

Bolloré: ''Pay-tv? Adoro l'Italia ma per metà Cda Vivendi non è buona idea''«Adoro l'Italia ma non sono l'unico a votare e almeno la metà del Consiglio di sorveglianza del gruppo pensa che non è una buona idea». Così il presidente del Consiglio di sorveglianza di Vivendi, Vincent Bolloré, rispondendo ad una domanda di 'Investir' in merito ad un interesse del gruppo a svilupparsi nel settore della pay tv in Italia. Il finanziere bretone, riferisce 'Investir' sul proprio sito rendendo conto dell'Assemblea di ieri del gruppo Bolloré, comunque, si dice favorevole «ad un polo culturale latino perché le culture latine sono molto ambite nel mondo».

Più che all'intera Mediaset, Vivendi, infatti, potrebbe guardare con interesse a Mediaset Premium. Il gruppo guidato dal finanziere bretone, Vincent Bolloré, grazie alle numerose cessioni effettuate negli ultimi mesi (il secondo operatore francese di telefonia mobile Sfr in primo luogo ma anche Maroc Telecom, la brasiliana Gvt e Activision-Blizzard) e nonostante l'acquisto di Dailymotion, la piattaforma francese di video sharing, possiede oltre 10 miliardi di liquidità che potrebbe permettergli di avviare una lunga campagna acquisti che potrebbe focalizzarsi soprattutto su acquisizioni medio piccole piuttosto che su operazioni di grande dimensione. Un eventuale acquisto di una partecipazione in Premium, quindi, potrebbe avere un senso a livello industriale per Vivendi che sembra orientata proprio a concentrare i suoi sforzi sulla pay tv. L'acquisto di una quota del 51% di Mediaset Premium, secondo gli analisti, rappresenterebbe un investimento di circa 600 mln di euro.

Ultimi Palinsesti