Vivendi, scioperi a Canal+ e  i-Telé contro la nuova strategia di Bollorè

Vivendi, scioperi a Canal+ e i-Telé contro la nuova strategia di Bollorè

News inserita da:

Fonte: Ansa

S
Satellite / Estero
  mercoledì, 29 giugno 2016
 22:16

Vivendi, scioperi a Canal+ e  i-Telé contro la nuova strategia di BollorèSale la tensione nelle redazioni del gruppo Canal+, per protesta contro la netta riduzione delle ore di trasmissione in chiaro e la cancellazione dei principali programmi di news, oltre che per solidarietà con la rete all news i-Telé, di proprietà del gruppo, minacciata di forti tagli al personale.

Oggi, una sessantina dei dipendenti del canale pay tv Canal + hanno votato uno sciopero immediato, e sono così andati a unirsi ai numerosi reporter e tecnici di i-Telé che sono ormai al terzo giorno di sciopero. La decisione non ha al momento generato cambiamenti nella programmazione, a differenza di quanto succede da lunedì alla rete all news, costretta a cancellare numerosi dei suoi appuntamenti quotidiani, in particolare quelli con più giornalisti in studio come i programmi del mattino.

L'ira dei dipendenti di i-Telé ha cominciato a montare in maggio, poco dopo la nomina da parte di Vincent Bolloré, presidente del gruppo Vivendi a cui la rete appartiene, di un nuovo direttore, Serge Nadjar. Il nuovo numero uno aveva annunciato di non aver intenzione di rinnovare i circa 50 contratti a tempo determinato delle redazioni, che rappresentano circa un quarto degli effettivi, di voler cominciare a realizzare del reportage pubbliredazionali e aumentare la quota di informazione sportiva, per attirare gli inserzionisti. La redazione ha reagito indignata, prima votando a una maggioranza vicina al 90% una mozione di sfiducia al direttore, e poi decidendo, per la prima volta in 17 anni di storia della rete, uno sciopero ad oltranza.

Ultimi Video

Palinsesti TV