Campionato: curiosit, novit ed errori nelle trasmissioni tv

News inserita da:

Fonte: Il Corriere dello Sport

S
Sport
  lunedì, 27 agosto 2007
 00:00
Magda Gomes«Guida», guarda che Magda!
E' la prima a partire, intorno all'ora di pranzo. Guida al campionato su Italia1 ha il solito stile. Mino Taveri che la conduce per la seconda stagione consecutiva chiosa «siamo la più antica trasmissione sportiva Mediaset, è il diciannovesimo anno... ». Magda Gomes, cammeo del gentil sesso, sfida il debutto tv con un abitino lilla-tendente al viola che lascia poco spazio alla fantasia, si esibisce con la scopa per pulire lo studio e alla lavagna confonde il primo posto con il terzo. Ci sono il finto Marcello Lippi, Maurizio Mosca vero e il suo doppio, l'edicola della domenica, il clone di Sandro Piccinini, il vero Ciccio Graziani, la caricatura di Capello, un colorito Cassano e un sarcastico Arrigo Sacchi (imitato) al telefono. Riciclata una Alessia Fabiani in versione cameriera. Troppo fumo in quel pentolone per le bombe di mercato di Mosca.
 
«Poi dicono: "stadi vuoti"»
Adriano Galliani nel prepartita Sky spazia da Puerta (cui manda un messaggio affettuoso) alla gara di Marassi senza tifosi del Milan: «Io non so perchè è stata presa questa decisione, sono trascorsi dodici anni da quel tragico incidente. Il prossimo che sarà l'anno 13 cosa si fa? Però io non faccio il prefetto, quindi va bene cosi non ci sono i tifosi della squadra campione d'Europa. Il Genoa torna in A e sfida il Milan, ci sono solo i 21mila abbonati e altre 3.500 persone, tanti sono i biglietti venduti. Poi dicono che cala il pubblico negli stadi». Il contributo di Massimo Mauro alla causa è: «Non bisogna lasciare cadere la cosa, si potrebbe far fare un tentativo a uno come Eranio, doppio ex, altrimenti non ci saranno mai tifosi rossoneri a Marassi e genoani a San Siro».
 
Scaramanzie
Prima dell'inizio di Napoli-Cagliari, su Sky Calcio Show c'è Gianluca Di Marzio dal
San Paolo: «Il primo estratto del Lotto, su Napoli, è stato il 23. E qui a Napoli sono convinti che il primo gol azzurro sarà del 23, ovvero Gargano». Alla partita (2-0 per il Cagliari) evidentemente, il Lotto non interessava. E a proposito di scaramanzie. Massimo Mauro a Massimo Moratti: «L'Inter vincerà lo scudetto con 10 punti sulla seconda». Risposta: «La ringrazio, mi tira su di morale». Chissà se il presidente nerazzurro avrà pensato la stessa cosa dopo il pareggio dell'Udinese

Moratti e Ghirardi faccia faccia
E' campionato ma anche mercato. Ilaria D'Amico ha in collegamento il presidente del Parma Tommaso Ghirardi: si parla di Adriano, al volo flash da San Siro con Massimo Moratti: «so e ringrazio dell'interesse, spero in rapporti profìcui con il Parma, ma ancora non si è deciso nulla». La replica: «E' un onore, abbiamo parlato con Branca, speriamo nella collaborazione». Su Adriano aggiunge Moratti: «Studieremo la soluzione migliore, anche un eventuale prestito».
 
Diabolico Marianella
Sono appena finite le partite della serie A. Su Sky Supercalcio iniziano le dirette non-stop del calcio estero. Linea a Manchester (c'è lo United contro il Tottenham). Manca l'audio, improvvisamente il silenzio è rotto da una diabolica - e sguaiata - risata di Massimo Marianella, che non sa di essere in onda. Dal telecronista più «british» non ce lo saremmo mai aspettato...

Calci, abbracci e ligue biforcute
Il calcione di Silvio Baldini a Domenico Di Carlo finisce - ovviamente - in diretta tv. Ai microfoni di Sky Calcio Show si chiariscono lo stesso Di Carlo e il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, che poi abbraccia il collega Tommaso Ghirardi e dice di aver ricevuto un'accoglienza esemplare a Parma. Ma nel fuori onda si sente Di Carlo dire a Pulvirenti: «Se fossi io il presidente manderei via Baldini ha la lingua biforcuta. Gliela tagli, presidente. Guardi, se leggo qualcosa di sbagliato sull'episodio poi ci va di mezzo il Catania e ne risponde lei». Nota: Baldini, invitato davanti alla tv per chiarire l'accaduto, non si è presentato. Tanto per non rischiare di stemperare gli animi...
 
La bomboletta di Galliani
Durante Genoa-Milan, Clarence Seedorf viene ammonito perché si lamenta con l'arbitro Saccani per la distanza della barriera. Adriano Galliani ai microfoni di Sky Calcio Show lancia la brillante iniziativa: «Mi dispiace molto per l'ammonizione di Seedorf. In Brasile fanno una cosa semplicissima. L'arbitro tira una riga con una bomboletta spray, i giocatori si mettono lungo quella riga e poco dopo il segno va via. La trovo una cosa intelligentissima, mi sento di proporla, così finiscono tutte le polemiche». Domanda (cattiva): l'ad del Milan l'avrebbe proposta anche in caso di giallo a un avversario?
 
Il conduttore chi è?
Sempre Sky Calcio Show, l'onnipresente Adriano Galliani invita in diretta tv il tecnico del Genoa, Gian Piero Gasperini: «Altrimenti mi aspetta troppo tempo...» sottolinea Galliani anche conduttore: è possibile che Sky ci pensi, caso mai la D'Amico sia costretta a saltare una puntata.
 
Una lunga estate calda
La polemica del giorno è sul caldo. Tutti si sono lamentati per le alte temperature che rendevano molto difficile dare il meglio in campo. A Sky Calcio Show il più duro è Roberto Mancini: «Lo dico da tempo, ci fanno giocare alle 20,30 in gennaio e alle 15 ad agosto, con 40 gradi. Non capisco perché non si poteva giocare alle 18 magari». Stessa trasmissione, il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis: «Giocare con questo caldo è un attentato alla salute dei calciatori e dei tifosi sugli spalti».
 
Cagni si lamenta da Bargiggia
A Domenica stadio su Italia 1, parole a caldo dai campi e, gioco di parole a parte, regna il gran caldo. Paolo Bargiggia conduce con Gigi Simoni e la bella Patrizia Hnatek in abito con taglio imperiale verde acqua. Interviene l'allenatore Gigi Cagni e dice: «Ci fanno giocare alle 15 ad agosto e alle 20.30 a dicembre».
 
L''autogol di Mauro
Don Chisciotte ha il volto e la voce di Massimo Mauro, colonna di Sky Calcio Show.
L'ex di Juventus e Genoa è stato - suo malgrado - protagonista di un clamoroso autogol. Rivolto a Galliani: «Molti presidenti si lamentano del gran caldo. Oltre alla proposta della bomboletta spray, perché non proponete di far giocare le gare a orari più consoni per il mese di agosto?». La risposta di Adriano Galliani lo gela: «Si lamentano per il troppo caldo? Non sento gli stessi lamenti quando c'è da prendere 63 milioni di euro, evidentemente non si ricordano che l'accordo in Lega prevede gare alle 15 anche per permettere di produrre gli highlights». Povero Mauro: si preoccupava per la qualità di alcune partite e il rendimento dei giocatori, ma lo ha denunciato dalla televisione (Sky) che più paga - e che più decide, di conseguenza - quando si parla di diritti televisivi e orari delle partite. Forse qualche dirigente della tv di Murdoch gli rinfrescherà la memoria come ha fatto Galliani con i presidenti di A?
 
La D'Amico e li povero «Tordo»
Chiusura di Sky Calcio Show con il botto. Ilaria D'Amico vorrebbe spezzare una lancia per Francesco Toldo, portiere dell'Inter: «Sfortunato sul gol dell'Udinese, facciamo un applauso al povero Tordo». Massimo Mauro non gliela perdona: «Hai detto Tordo... ». Alla D'Amico non resta che giustificarsi: «Un lapsus...». Ma Freud intendeva per lapsus proprio l'esprimere un pensiero inconscio: forse la D'Amico voleva dare del «tordo» (dal vocabolario: specie di uccello, ma anche persona sempliciotta) al povero - davvero - Toldo.
 
Giù le mani dalla Canalis
In blu con scollatura incrociata e pendente a farfalla. Giù le mani dalla Elisabetta Canalis, signora delle opinioniste Mediaset. Confermatissima da Sandro Piccinini al suo Controcampo Ultimo minuto su Italia 1 a partire dalle 18.20. Si sprecano le battute su lei e Valentino Rossi e il presunto ma smentito bagno all'alba (e nudi) nelle acque (congelate, garantiamo) di Alghero zona Lazzaretto. Peccato, nessuno fra quelli che li hanno visti aveva un telefonino o altro per immortalarli...
 
Telecronaca da tifosi
Su Mediaset Premium c'è la possibilità di ascoltare la telecronaca delle gare con il commento di giornalisti «tifosi», apertamente schierati. L'effetto è semplice: urla dirompenti al gol della propria squadra, scarsa analisi dell'avversaria, abuso dei soprannomi dei calciatori. Va bene un po' di colore, ma agli spettatori piacerà?
 
Il labiale di Foti
No, lui proprio non ci sta. Al rigore assegnato dall'arbitro Brighi all'Atalanta, il presidente della Reggina Lillo Foti è stato chiaro: per tre volte dalla sua postazione in tribuna gli ha gridato: «Venduto». E alla moviola confermano: la presunta trattenuta di Valdez su Zampagna non è tale da giustificare la decisione dell'arbitro. Cosa dirà Pierluigi Collina?
 
Montezemolo inaugura la DS
La nuova Domenica Sportiva su RaiDue ha aperto con un ospite d'eccezione, Luca Cordero di Montezemolo. Che ha commentato così la vittoria della Juventus nell'anticipo di sabato: «La squadra ha iniziato bene, ha persino esagerato... Un ottimo risultato per la classifica, mi sono piaciuti anche i giovani». E su Totti: «Sono molto legato a lui, perché a Italia 90 lui e mio figlio facevano i raccattapalle assieme». Ma non basta: il capitano della Roma è stato intervistato addirittura da Fabio Capello. I due non si sentivano da tre anni.
 
Colantuono o Spafietti?
Dopo che Zamparini aveva definito Colantuono «il mio Spalletti», su Controcampo-diritto di replica (Italia1) dallo studio il conduttore Alberto Brandi annuncia il tecnico del Palermo ai microfoni, in realtà c'è lo Spalletti originale. Mettiamoci d'accordo... Mette invece tutti d'accordo Mikaela Calcagno, in collegamento diretto da Napoli: oscar per l'eleganza.
 
Francesca Fanelli e Andrea Fani
per "Il Corriere dello Sport"

Ultimi Video

Palinsesti TV