Zupping (Gazzetta) - E il povero Pazzini fa anticamera in tutte le televisioni

News inserita da:

Fonte: La Gazzetta dello Sport

S
Sport
  lunedì, 10 marzo 2008
 00:00

Che motivo c'è di proporre ogni domenica un minestrone di oltre un'ora e mezza quando, come è successo ieri, bastano appena cinquanta minuti?

A «Controcampo ultimo minuto» (Italia Uno), nonostante i limiti di tempo imposti dal Mondiale di motociclismo, non si sono fatti mancare niente. Solito clima di suburra in platea (Moratti, collegato dall'esterno, subito fischiato senza che neppure aprisse bocca), Elisabetta Canalis sempre informatissima su quella che sarebbe la sua Inter («Sarà dura mercoledì»), Giampiero Mughini a promuovere le sue opere di pensiero (dal libro sulla Juve siamo passati addirittura all'ode sull'Inter), marchettoni autocelebrativi sul sito Mediaset e sul libro di moto, immancabile errore nella grafica (ben due servizi attribuiti a Franco Ligas e non sapremo mai chi ha firmato Torino-Atalanta). Sono riusciti perfino a inondarci di spot prima e dopo i gol. E che ci siamo persi, rispetto alla versione tradizionale? Le chiacchiere da studio e gli urli, presi dalle dirette del Digitale, dei cosiddetti telecronisti tifosi, in realtà solo ultras strappati alle curve. C'è qualcuno in Italia e nel mondo che sì è sentito defraudato di qualcosa?

DIMENTICATO -  A «Domenica stadio» a un certo punto appare Pazzini. Lo intervistano subito? Macché, chiunque passi dagli spogliatoi è più interessante di lui, da Malesani a Spallettì. Gli va meglio mezz'ora dopo, quando lo chiamano a Sky? Neppure, perché incoccia in un Lotito straripante oltre il solito che ai precedenti ruoli di presidente, general manager, addetto stampa e al marketing aggiunge ora quello di allenatore («Fatemi domande tecniche e io risponderò. Il presidente sceglie il tecnico e quindi può parlare anche di questi temi»). Tutto più importante dell'abbacchiatissimo Pazzini. Vedi che succede a sbagliare un gol come quello...

IL MIRACOLO -  Per la prima volta nella storia della televisione italiana, un giornalista sportivo fa un'intervista senza a sua volta finire nello schermo! L'eccezionale performance ieri a «Domenica sprint» (Rai Due) nel servizio dedicato al possibile rientro di Cipollini nella Milano-Sanremo. L'inviata parla al ciclista e le telecamere inquadrano, oltre al campione, il tifoso del campione, l'ex ct del campione (Martini), le miss che fanno contorno al campione, tutto il mondo che si muove attorno al campione e solo alla fine intuiamo il volto della giornalista, riflesso dagli occhiali da sole portati da Cipollini. E brava Alessandra De Stefano, meriteresti una festa delle donne tutta per te.

LE ULTIME PAROLE FAMOSE Emanuele Dotto a «Radiorai» durante Genoa-Juventus: «Trezeguet attraversa un pessimo periodo di forma e non sappiamo quando tornerà al gol». Più o meno cinque minuti.

Vincenzo Cito
per "La Gazzetta dello Sport"

Palinsesti TV