Visti in Tv (Mattino)- Tutti fuori dallo spogliatoio la festa è su Inter Channel

News inserita da:

Fonte: Il Mattino

S
Sport
  lunedì, 19 maggio 2008
 00:00

La giornata più lunga, la giornata della gioia e del dolore. La giornata in cui Sky regala emozioni in diretta con il canale 205, quello di «tutto il calcio minuto per minuto in tv». E poi la festa a San Siro. La giornata degli addii.

PROFETA. Una settimana dopo, Maurizio Mosca è ancora protagonista nel finale di Guida al campionato. Stavolta «vede» lo scudetto dell’Inter. E fanno gli scongiuri sia i tifosi nerazzurri che quelli giallorossi.

ESCLUSIVA. Tutti fuori dallo spogliatoio dell’Inter: Sky, Mediaset, Rai, tv private. L’esclusiva è di Inter Channel. Serve un abbonamento anche per festeggiare.

BAGNO. Spogliatoio dell’Inter blindato. «Stankovic, come avete festeggiato?». L’interista: «Non lo so, sono andato in bagno».

SILENZIO. Mentre le immagini di festa al Cibali e al Tardini invadono le tv, Mediaset dà spazio ad un silenziosissimo Foro Italico: c’è la finale degli Internazionali di tennis femminili. Un paio di scambi valgono più della festa scudetto.

ROSICONE. Sky mette in collegamento Stankovic e De Rossi. Il primo fa i complimenti al secondo che risponde: «Non mi sento di prostrarmi, sono un po’ rosicone».

LACRIME. A Controcampo c’è aria di chiusura. Piccinini: «Se Mediaset non acquista i diritti, questa sarà l’ultima trasmissione». E la Canalis, di nerazzurro vestita, come il suo cagnolino Piero, piange a fine trasmissione per l’emozione. E lo scudetto non c’entra.

TELEFONATA. Controcampo regala una chicca: il collegamento con l’interista Valentino Rossi, trionfatore in Francia. «Che bello: di solito quando vinco io l’Inter fa fatica, invece è stato un trionfo». Poi, la rivelazione: «Dopo il rigore sbagliato con il Siena, ho telefonato a Materazzi e ho cercato di stargli vicino». Un vero amico.

COMICA. Botta e risposta Corsi-Pulvirenti. «Sapevamo che se l’Inter avesse chiuso il risultato, il Catania avrebbe pareggiato. Il gol è stato una comica», l’accusa del numero uno dell’Empoli. Al quale il presidente etneo replica: «Lui è abituato, il 3-3 con la Reggina dell’anno scorso fu una farsa».

AUTOGRAFO. Osvaldo aspetta la telefonata di Batistuta che gli autorizzi l’esultanza con la mitraglietta. Poi rivela: «Maradona mi chiese maglia e autografo, ma io non ci sono riuscito. Mi tremavano la mani».

FINE. Bandiere dappertutto. A piazza del Duomo attendendo l’Inter, a Fiumicino attendendo la Roma, al Franchi di Firenze attendendo la Fiorentina e a Cagliari dove si festeggia la salvezza su un pullman scoperto. È finita.

Antonio Sacco
per "Il Mattino"

Ultimi Video

Palinsesti TV