Celentano & Benigni: La cultura in tv e i bimbi a letto

News inserita da:

Fonte: Il Secolo XIX

T
Televisione
  domenica, 02 dicembre 2007
 00:00
Celentano e i celentanizzati. Su Celentano è stato detto di tutto e di più, quindi non ci dilungheremo, ma consentiteci alcune osservazioni poco frequentate. Prima di tutto i meriti: grande professionalità, buone canzoni, ottima fotografìa e scenografìa originale. Quando canta è sempre lui, ma forse col fior fiore dei musicisti che si ritrova in studio poteva farlo dal vivo e non in play back, e invece nell'unica volta che ci prova (nel duetto con Carmen Consoli) approccia il pezzo con un tono così calante da rasentare la stonatura. Detto questo, e data per scontata la superlativa caratura artistica del personaggio, resta da registrare il fenomeno suggestivo di massa che consente a una trasmissione tutto sommato mediocre di diventare un evento di tale portata solo per il fatto che sia Celentano a condurla. Inutile entrare più di tanto nel merito dei monologhi, un inno alla demagogia e al qualunquismo, fino alla barzelletta finale di quando invita gli ultra a mettere fiori nei loro bastoni. È interessante invece osservare come tutti gli ospiti che dialogano con Celentano, quasi fossero affetti da una sorta di sindrome di Zelig, si celentanizzino all'istante. Vicino al Maestro e folgorati dal suo carisma, tutti diventano surreali, ieratici e misteriosi, trasformandosi, per una manciata di minuti, in tanti piccoli celentanini.
 
Mai prima delle dieci.  Ci sono solo due persone che quando vanno in tv mettono d'accordo tutti: Fiorello e Benigni. Giovedì sera Benigni ha messo d'accordo anche noi, tranne che per una cosa. Il suo show era di fatto diviso in due parti, nella prima ci siamo goduti il solito Benigni, quello che entra in scena saltellando sulla musichetta, quello che se ci fosse stato Del Noce seduto in prima fila, e quanto gli deve essere costato non esserci stato, gli avrebbe strizzato le palle. Un Benigni travolgente che però non ci ha travolto, anzi, pur restando incantati dalle sue straordinarie doti affabulatorie e registrando qualche buona battuta, non possiamo non dire che i contenuti del pezzo satirico ci sono sembrati piuttosto scontati. Poi, liberatosi dal giogo della satira nazionalpopolare, l'uomo si è trasformato e abbiamo assistito a un miracolo. In quello che si potrebbe definire uno stato di grazia artistica, Benigni ci ha parlato di Dante e di poesia, dell'Amore e dell'unicità dell'individuo, di Dio e della realistica possibilità che non sia tutto qui. Infine, rivolgendosi ai giovani, ha detto una cosa rivoluzionaria, soprattutto per questi tempi di berlusconismo galoppante, e cioè che la bellezza della vita sta anche nella paura di non farcela, nel senso di inadeguatezza che talvolta ci coglie.
 
Ma veniamo al motivo del nostro disaccordo: intorno alle 22, nell'introdurre la seconda parte, il comico si è raccomandato di non mandare a letto i bambini. Questo è il punto, perché purtroppo, caro Benigni, a quell'ora i bambini erano già a letto. Invece ci sarebbe piaciuto che nostro figlio di nove anni avesse potuto appassionarsi quanto noi a quel meraviglioso racconto che davvero pareva rivolto ai bambini. Ma forse la colpa non è di Benigni, ma della paura che si ha nel proporre cultura in tv prima delle dieci di sera. Forse con un po' di coraggio si sarebbe potuto invertire i blocchi, forse si sarebbe fatto un milione di telespettatori in meno, ma un milione di bambini in più avrebbero potuto sentir parlare di Paolo e Francesca invece che di quella "Topa della Santanché".
 
Lorenzo Licalzi
per "Il Secolo XIX"

Ultimi Video

Palinsesti TV