Corrado Guzzanti: ''Sky e La7 sono spazi liberi, in Rai c'è terrore''

News inserita da:

Fonte: Ansa / TMNews

T
Televisione
  giovedì, 09 giugno 2011
 15:24

Corrado Guzzanti: ''Sky e La7 sono spazi liberi, in Rai c'è terrore''"Santoro? Penso che abbia fatto bene a risolvere la cosa con la Rai. Non si può vivere in una situazione d'assedio in cui l'editore ti è nemico". Così Corrado Guzzanti, che ha presentato oggi lo speciale Aniene che andrà in onda su Sky Uno domani alle 21.10, ha commentato la risoluzione del rapporto tra il giornalista e la Rai.

"Mi incuriosisce solo vedere cosa accadrà adesso - ha aggiunto lo showman - perché La7 alla fine potrebbe essere piena di front-man giornalisti, piena zeppa di personalità".

Quanto alla questione del rinnovo dei contratti dei volti di punta di Rai3, "mi sembra sbagliata - ha detto Guzzanti - l'idea di dissolvere Rai3. Ormai ci sono anche delle leggende come quella che a Fazio avrebbero offerto di fare il programma dei pacchi (Affari tuoi)".

Infine sempre dal comico un ricordo dell'ultima sua esperienza a Viale Mazzini: "L'ultima volta che sono stato in Rai c'era già un clima di terrore da parte di molti dipendenti che si sentivano detestati dal proprio editore. Per fortuna che c'é Sky che può essere insieme a La7 uno spazio libero".

L’attore comico torna domani in tv dopo 9 anni di assenza per raccontare con il tono dell’assurdo la politica e la società italiana. Guzzanti porterà in tv vecchi e nuovi personaggi, una decina in tutto: tornerà “il Massone” che questa volta deve gestire le ragazze cacciate dall’Olgettina e Scilipoti, e si vedrà il finto spot per il referendum che invita a “godere dei giorni di festa perché il referendum è una forma di democrazia volgare per gente stravagante”.

Per la prima volta comparirà la nuova creatura di Guzzanti, Aniene, semidio di serie C mandato sulla terra per aiutare gli uomini a ritrovare la retta via, e torneranno il Mafioso che festeggia i 150 anni dell’organizzazione criminale, l’anziano Licio Gelli che ricorda i vecchi tempi “con Cossiga e Andreotti”, oltre ad un irresistibile Antonello Venditti che canta: “subiamo abusi, insulti e corruzione, ma ci arrabbiamo per l’esondazione dell’Aniene”.

Guzzanti ha affermato di aver scelto Sky per la totale libertà sui testi che gli offriva la rete. Nel programma si accennerà alla situazione politica attuale e all’incertezza sul futuro del governo, “si parlerà molto dei politici ma non farò nessuna imitazione” ha affermato. Unica presenza di un politico: la voce fuoricampo di Scilipoti. In merito allo spot che dissuade gli elettori a votare per il referendum Guzzanti ha detto: “L’ho inventato dopo aver visto quelli veri e il continuo tentativo di sabotaggio dai canali Rai”.

Più esplicito il coautore del programma, Andrea Purgatori: “Su Sky siamo stati liberi di fare quello che volevamo in un momento in cui quello che sta succedendo in tv supera i confini del lecito. E ci saranno delle sorprese che scoprirete domani” ha affermato.Sul futuro della satira dopo Berlusconi, Guzzanti ha le idee chiare: “Io ho cominciato a fare satira prima di Berlusconi, dopo di lui ci saranno nuovi soggetti. Anzi sarà meglio perché in questi anni forse l’indignazione ha spinto la satira troppo oltre”.

Sul suo futuro in tv Guzzanti ha reso noto che Aniene è solo il primo passo di una collaborazione tra lui e Sky che dovrebbe portare dopo l’estate ad un nuovo programma: “Ho un’idea di cui dobbiamo vagliare la fattibilità, che prevede una parte di satira e una parte di fiction: non vorrei fare uno show del sabato sera ma una cosa più anarchica”.

Ultimi Video

Palinsesti TV