Maratona ''Cinema ritrovato'' su IRIS con Tatti Sanguineti

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

D
Digitale Terrestre
  sabato, 04 febbraio 2012
 16:55

Il cinema valorizzato da oculate scelte di programmazione a tema è - da sempre - prerogativa di Iris. Ed è seguendo e incrementando questa linea, che la Rete affida alcune delle sue operazioni culturali più importanti a Tatti Sanguineti.

Dal 4 febbraio 2012, l'eclettico critico e autore (dopo esser stato voce e volto di retrospettive dedicate a Walter Chiari, Fellini, De Sica e Monicelli) torna su Iris per svelare, ricordare e commentare, sotto una luce inedita, la produzione di due talentuosi registi italiani di assoluto culto, Enzo G. Castellari e Ferdinando Di Leo, assieme al meglio del genere poliziottesco, con un omaggio a Tomás Milián (che il prossimo 3 marzo compirà 80 anni).

La rassegna prenderà il via con una maratona di film di Enzo G. Castellari, il maestro dei film d'azione al quale Quentin Tarantino ha dedicato una retrospettiva ad Hollywood. La stima del regista americano di origini italiane per Castellari è tale e tanta da averlo omaggiato anche con il titolo del suo ultimo successo Inglorius Basterds, chiaramente ispirato al titolo internazionale di Quel maledetto treno blindato (Inglorius Bastards). Ciò che rende unico il cinema di Castellari è un'attenzione maniacale per il montaggio, inquadrature molto particolari e una complessa tecnica di ripresa. Il meglio della sua produzione, 8 pellicole, è al centro di una maratona serale e di 3 appuntamenti in day-time.

Il 4 febbraio 2012, dalle ore 21.00 in poi: Jonathan degli orsi (1994), La polizia incrimina la legge assolve (1973), Ammazzali tutti e torna solo (1968), Il cittadino si ribella (1974), Colpi di luce (1985).

A seguire, alle ore 11.00, il 7 febbraio, Ammazzali tutti e torna solo (1968); l'8, Il cacciatore di squali (1979); il 9, La battaglia d'Inghilterra (1969).

Serata Corbucci&Milián è la mini-maratona che, il 6 febbraio, dalle ore 23.00, vede proposti quattro cult dell'artista di origini cubane: Squadra antiscippo (1976), Delitto al ristorante cinese (1981), Delitto sull'autostrada (1982), Delitto in Formula Uno (1984).

Fernando Di Leo: l'aristocratico di genere è il titolo della rassegna dedicata all'autore, sceneggiatore e regista di grande talento definito il Don Siegel italiano, sempre da Quentin Tarantino.

Di Leo, nella carriera, ha spaziato tra vari generi, dal western al poliziesco sino allo spionistico: ha scritto la sceneggiatura di Per un pugno di dollari di Sergio Leone, ha trasposto sul grande schermo il personaggio di Ringo ed è stato consacrato regista di culto con una serie di noir tratti dai romanzi di Scerbanenco. Iris riscopre i suoi film sia come regista, sia come autore, con 7 pellicole programmate in day-time e in seconda serata.

Apre, alle ore 13.00, il 12 febbraio, Kiss Kiss Bang Bang (sceneggiatore, 1966), seguito da, il 13, alle ore 22.45, I padroni della città (regista, 1976); il 14, Città sconvolta: caccia spietata ai rapitori (regista, 1975); il 15, Il ritorno di Ringo (sceneggiatore, 1965); il 16, Al di là della legge (sceneggiatore, 1968); il 17, Una pistola per Ringo (sceneggiatore, 1964). 

Serpico all'italiana, infine, racconta le diverse facce del poliziesco Made in Italy, che di volta in volta assumono le sembianze di Tomás Milián, Franco Gasparri e Maurizio Merli. Un viaggio nelle città violente degli Anni 70', in compagnia di commissari integerrimi e poliziotti infiltrati, capaci di combattere una delinquenza feroce e spavalda usando solo il pugno di ferro.

L'apertura, il 20 febbraio, alle ore 13.00, spetta a Squadra antiscippo (di Bruno Corbucci, 1976) seguito da, il 21, La banda del Gobbo (di Umberto Lenzi, 1977), il 22, Il cinico, l'infame e il violento (di Umberto Lenzi, 1977), il 23 da Roma a mano armata (di Umberto Lenzi, 1976) e, in chiusura, il 24, da Mark il poliziotto (di Stelvio Massi, 1975). 

"Cinema ritrovato" è una trasmissione a cura di Annamaria Fontanella. Produzione esecutiva di Daniele Boschetto. Regia di Elva Ciampi.

Ultimi Palinsesti