Antonino Chef Academy 3a edizione, da stasera su Sky e streaming NOW

Antonino Chef Academy 3a edizione, da stasera su Sky e streaming NOW

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  domenica, 29 agosto 2021
 11:55

Antonino Chef Academy 3a edizione, da stasera su Sky e streaming NOWDieci nuovi e giovanissimi chef sono pronti per tornare tra i banchi, nell’Accademia culinaria più sfidante della tv italiana. In cattedra, troveranno il professore e mentore più irresistibile (e amato), Chef Antonino Cannavacciuolo, pronto a insegnare tutti i segreti del mestiere nelle lezioni di Antonino Chef Academy, in arrivo da domenica 29 agosto per sei settimane su Sky e NOW.

La produzione originale Endemol Shine Italy per Sky riparte per la sua terza edizione con una nuova classe di giovanissimi professionisti – l’Accademia è aperta a ragazzi tra i 18 e i 23 anni – in gara per conquistare l’ambitissimo posto ai fornelli della celebre e prestigiosa cucina di Villa Crespi, ristorante stellato dello stesso Cannavacciuolo.

Lo chef guiderà il percorso formativo che i dieci affronteranno nel corso delle puntate. Tra teoria e pratica, per loro sarà un percorso pieno di sfide e prove complesse, tecniche e rigorose, alcune delle quali si terranno anche in location esterne.

Gli studenti - tutti già con esperienze più o meno importanti nei curriculum della propria seppur breve carriera - dovranno mettere in campo tutte le conoscenze professionali e personali in loro possesso per dimostrare di poter fare il salto di qualità: in palio, per il vincitore, ci sarà infatti l’approdo all’interno della prestigiosa cucina di uno dei ristoranti più esclusivi d’Italia, Villa Crespi, 2 stelle Michelin. Un ristorante che è una vera esperienza di vita, un luogo unico in cui la filosofia dello Chef fa incontrare il territorio piemontese, al cui interno sorge, e quello campano, sua terra natìa. Due culture enogastronomiche in apparenza lontane tra loro, che però Cannavacciuolo fonde in una cucina giovane e solare.

Le prove di Antonino Chef Academy – al via il 29 agosto, ogni domenica per sei settimane alle 21.15 su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455), sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW - vedranno ogni concorrente realizzare dei piatti sulla base di quanto appreso durante le lezioni di Chef Cannavacciuolo, sempre affiancato dal fedelissimo sous chef Simone Corbo. Al termine di ogni prova, ai giovani chef verrà assegnato un voto, la cui somma andrà a determinare la classifica finale: il concorrente che avrà totalizzato il voto più basso sarà costretto ad abbandonare l’accademia.

GLI OSPITI - Anche quest’anno, molti gli ospiti che accompagneranno lo Chef Cannavacciuolo nelle sue lezioni: il Food Designer Paolo Barichella; il fisico e pioniere della cucina molecolare in Italia Davide Cassi; lo Chef Lorenzo Cogo, una stella Michelin conquistata quando aveva 25 anni; lo Chef Quique Da Costa, premiato con 5 stelle Michelin per i suoi ristoranti; Fabrizio Fiorani, nominato Miglior Pasticcere dell’Asia nel 2019 e membro dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani; lo Chef Vincenzo Manicone, premiato con una stella Michelin dopo soli tre anni di attività; l’esperta di foraging Valeria Margherita Mosca, fondatrice del primo e unico food lab al mondo che lavora esclusivamente sul wild food; la Chef Chiara Pavan, premiata nel 2019 come “Cuoca dell’anno” per la Guida dell’Espresso e Chef Internacional per la rivista Elle in Spagna e, nel 2020, come Miglior chef donna per la guida Identità Golose 2020; lo Chef Floriano Pellegrino, una stella Michelin e 4 cappelli nella Guida dell’Espresso col suo ristorante a Lecce, inserito nel 2018 nella lista di Forbes 30 Under 30 nella categoria Arte; il panificatore Eugenio Pol, da molti definito “il padre del lievito madre”; lo Chef premiato con 4 cappelli dalla Guida dell'Espresso Wicky Priyan; il coffelier, ossia il “sommelier del caffè”, Fabio Sipione; il giovanissimo Chef una stella Michelin Nicola Somma; il mastro birraio Antonio Terzi, premiato con il simbolo della Chiocciola, il più importante, da Slow Food, che l’ha definito “un modello per tutto il settore”. Fiorani, Pavan e Pellegrino, insieme all’imprenditrice e moglie di Antonino Cinzia Primatesta e, ovviamente, allo Chef in persona, saranno gli speciali e integerrimi componenti della commissione d’esame che dovrà giudicare, nel corso della finale, gli chef studenti dell’Accademia arrivati allo scontro decisivo.

LE PROVE - Per la prova sulle tecniche di cucina, gli studenti dovranno mettere in pratica le tecniche basilari della cucina insegnate da Chef Antonino. Ogni concorrente, alla propria postazione, dovrà realizzare un piatto in base a quanto appreso dalla lezione. Una volta esaurito il tempo a disposizione e dopo l’assaggio di chef Cannavacciuolo, verrà assegnato il voto.  A seguire, i test fuori sede: in una location esterna gli sfidanti, suddivisi in piccoli gruppi e alla presenza dell’ospite che affiancherà il prof. Cannavacciuolo, dovranno mettere alla prova le loro abilità professionali. Al termine della prova ogni team riceverà il voto sulla prova. Infine, il test di approfondimento, una manche individuale che vedrà coinvolti i ragazzi in una sfida sulle nozioni apprese durante la lezione specialistica tenuta da un “professore” ospite. I concorrenti, sotto la supervisione di Antonino, affronteranno l’ultimo giudizio, che non verrà svelato ma annotato su un registro per arrivare così al verdetto finale. 

GLI STUDENTI DELL’ACCADEMIA - Anche quest’anno, gli studenti che arriveranno tra i banchi dell’Accademia saranno 10, tutti con già all’attivo esperienze professionali importanti. Sono Antonella Rocco, 21 anni di Palermo; Darlyn Malbran, 23 anni di Genova; Erion Fishti, 23 anni di Montescaglioso (Matera); Fabiana Quadrelli, 23 anni di Bari; Gabriele Gambarelli, 22 anni di Montecchio Emilia (Reggio Emilia); Luca Guidetti, 23 anni di Savona; Nicolo’ Cacciatori, 20 anni di Desenzano del Garda (Brescia); Patrizio Cafiso, 21 anni di Ragusa; Sebastiano Zorgno, 21 anni di Casale Monferrato (Alessandria); Vivien Aglioni, 23 anni di Calcio (Bergamo).

  • ANTONELLA ROCCO 21 ANNI, PALERMO
    Antonella ama la cucina più di ogni altra cosa: vuole sempre studiare, sperimentare e scoprire nuove tecniche. Carattere forte e grintoso, per lei la cucina è passione ma anche dedizione e forza di volontà. Le piace mettersi alla prova e vorrebbe studiare gli alimenti dal punto di vista chimico per poterli modificare alla radice. Ha il diploma per i servizi dell’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, un attestato di intaglio thailandese e attestati per aver partecipato alle competizioni nazionali organizzate dalla Federazione Italiana Cuochi. Diverse esperienze lavorative all’attivo, molte in Sicilia.

  • DARLYN MALBRAN 23 ANNI, GENOVA
    Di origini cilene, Darlyn è espansiva e sempre pronta a imparare. Determinata, sa quello che vuole e sa far sentire la sua voce. L’amore per la cucina nasce da piccola: per lei è un gesto d’amore e le piace cucinare per i suoi cari. La sua famiglia l’ha sempre sostenuta, appoggiando la sua scelta di lavorare sulle navi da crociera. È creativa e ama sperimentare, unendo spesso la tradizione cilena e quella italiana. Cerca sempre di fare squadra: per lei in una brigata è fondamentale lo spirito di collaborazione. Diplomata all’Alberghiero e all’Accademia della Marina Mercantile “Cuoco di bordo”, ha avuto anche esperienza in alcuni ristoranti di Genova.

  • ERION FISHTI 23 ANNI, MONTESCAGLIOSO (MT)
    Erion è molto competitivo e desideroso di raggiungere l'eccellenza, tanto che a volte la sua sicurezza può farlo apparire arrogante. Si è avvicinato alla cucina grazie alla nonna. Negli anni ha avuto esperienze in sala e al bancone dei cocktail, ma oggi è convinto che la sua vocazione sia la cucina. Ama la cucina moderna, il suo stile si ispira all’arte e alla natura, il suo obiettivo è creare qualcosa di nuovo, non semplicemente rivisitare qualcosa di già visto. Di origini albanesi, è diplomato presso la Scuola Superiore IPSEOA A. Tuti di Matera, ha frequentato l’ALMA, Scuola Internazionale di Cucina Italiana, e avuto diverse esperienze lavorative.

  • FABIANA QUADRELLI 23 ANNI, BARI
    Nasce come pasticcera ma non disdegna la cucina salata, è estrosa e desiderosa di crescere. Non proviene dal canonico percorso seguito dagli altri concorrenti: nonostante sia da sempre amante della cucina, ha studiato al liceo scientifico per poi seguire la sua passione e preferire un corso di Alta Pasticceria all’università, e i suoi genitori l’hanno sempre sostenuta. La sua grande manualità e creatività - fin da quando è piccola disegna, scrive e dipinge - l’hanno sempre molto aiutata nella cucina con cui trasmette tutto il suo entusiasmo. Ha già avuto diverse esperienze lavorative.

  • GABRIELE GAMBARELLI 22 ANNI, MONTECCHIO EMILIA (RE)
    Ha imparato a cucinare grazie alla nonna e al Manuale di Nonna Papera, già a 10 anni aveva capito che la sua passione per la cucina sarebbe diventata un lavoro. È un ragazzo legato alle tradizioni emiliane ma anche un grande amante della cucina moderna: ha sperimentato l’uso dell’azoto liquido e di altre tecniche e attrezzature particolari. Per questo, ama unire la tradizione italiana con le culture enogastronomiche del mondo, creando nuove associazioni di sapore. È diplomato all’istituto alberghiero G. Magnaghi di Salsomaggiore Terme. Sono seguiti corsi, stage e diverse esperienze lavorative.

  • LUCA GUIDETTI  23 ANNI, SAVONA
    Ama pescare, è un talento nella cucina di pesce. Legato al territorio e alla cultura gastronomica ligure, ai suoi prodotti e alla stagionalità. La passione per la cucina nasce in famiglia, con la prima pasta fatta in casa e le “lezioni” del nonno: il piatto che gli evoca più emozioni è il ciupin, cucinato sempre dal nonno, che gli ricorda l’odore del mare e della sua Liguria. La sua idea di cucina è un mix di tradizione e innovazione: recuperare le ricette del passato e documentarsi, studiare, conoscere nuove tecniche. Dopo il diploma all’Istituto Alberghiero A. Migliorini di Finale Ligure, ha lavorato presso diversi ristoranti, anche stellati.

  • NICOLO’ CACCIATORI 20 ANNI, DESENZANO DEL GARDA (BS)
    È il più giovane della classe di quest’anno. La sua passione per la cucina nasce sin da piccolo: quando ha pochi anni sa già di voler diventare un cuoco. È attento all'estetica, sia nel suo look che nell’impiattamento. La sua cucina è pulita, precisa, moderna e non troppo legata alla tradizione, le sue parole d’ordine sono innovare, sperimentare e creare. È timido, capace però di trasformarsi ai fornelli: ambizioso e determinato, sul lavoro è rispettoso delle gerarchie e dei ruoli. Ha frequentato la Scuola alberghiera di Desenzano del Garda, quindi ha lavorato per diverse strutture della sua zona.

  • PATRIZIO CAFISO 21 ANNI, RAGUSA
    Sempre con la battuta pronta, è un cuoco che ama le tradizioni della sua terra, la Sicilia, pur avendo viaggiato molto sia per piacere sia per lavoro: ha vissuto in Turchia, è stato in Germania, Lussemburgo, Isole Canarie, mentre negli ultimi due anni ha lavorato a Vienna. Patrizio è figlio d’arte: la passione per la cucina nasce infatti grazie a sua madre cuoca. In cucina tiene molto a pulizia e precisione. Gli piace la competizione, che per lui è uno stimolo per migliorarsi e imparare cose nuove. È diplomato alla Scuola Alberghiera presso l’Istituto di Istruzione Superiore Galileo Ferraris di Ragusa. Ha frequentato diversi corsi e lavorato in numerose strutture.

  • SEBASTIANO ZORGNO 21 ANNI, CASALE MONFERRATO (AL)
    Sebastiano è un ragazzo sportivo e competitivo, ama mettersi alla prova e, in ogni competizione, il suo desiderio non è quello di partecipare ma di vincere. A 8 anni ha chiesto a Babbo Natale la sua prima cucina giocattolo, ha poi coltivato la passione per la cucina anche attraverso la tv, passando intere serate a guardare programmi sul food e imitare i grandi chef, capendo così di voler diventare lui stesso un cuoco. Semplicità, gusto, modernità e pulizia sono le caratteristiche della sua cucina. Diplomato all’Istituto alberghiero, ha conseguito il terzo livello dell’Associazione Italiana Sommelier. Ha già esperienze lavorative in ristoranti stellati.

  • VIVIEN AGLIONI 23 ANNI, CALCIO (BG)
    Nato in Costa D’Avorio, Vivien è stato adottato da una famiglia italiana all’età di 4 anni. È appassionato di cucina sin da quando era piccolo, e questa passione per il buon cibo nasce proprio grazie ai suoi genitori adottivi. È un ragazzo curioso, in cucina è estroso e attento all'estetica. Come cuoco è sempre pronto ad azzardare con gusti e abbinamenti particolari. Si definisce tranquillo ma competitivo e gli piace il lavoro di squadra. Diplomato presso l'IPSSAR San Pellegrino Terme, ha due attestati di qualifica cuoco e diverse esperienze lavorative in tutta Italia, anche in ristoranti stellati.

Il programma è stato realizzato nel pieno rispetto della normativa relativa alle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e delle direttive previste dal Protocollo condiviso per la tutela dei lavoratori del settore cine-audiovisivo del 07/07/2020.

Sky Brand Solutions, dipartimento di Sky Media, insieme a Endemol Shine Italy ha portato a bordo della terza edizione di “Antonino Chef Academy”: Electrolux, Foxy, Gruppo Eurovo, Tognana.

PER SEGUIRE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU ANTONINO CHEF ACADEMY

ANTONINO CHEF ACADEMY:
dal 29 agosto ogni domenica alle 21.15 su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455),
sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go, su smartphone, tablet e PC
anche in viaggio nei Paesi dell’Unione Europea, e in streaming su NOW.

Ultimi Video

Palinsesti TV