Europa League Terzo Preliminare, AC Milan v Bode-Glimt, Diretta DAZN

Europa League Terzo Preliminare, AC Milan v Bode-Glimt, Diretta DAZN

News inserita da:

Fonte: Digital-News (original)

D
DAZN
  giovedì, 24 settembre 2020
 18:10

Europa League Terzo Preliminare, AC Milan v Bode-Glimt, Diretta DAZNTerza partita (ore 20, diretta DAZN telecronaca di Ricky Buscaglia, commento tecnico Simone Tiribocchi, bordocampo Tommaso Turci, presentazione a cura di Marco Russo e Massimo Donati) in una settimana per il Milan [DIRETTA DAZN, CLICCA QUI PER VEDERLA] che non può permettersi passi falsi. Stefano Pioli, contro il Bode-Glimt nel terzo turno preliminare di Europa League, deve mantenere alta la concentrazione dei rossoneri e per questo parla di «partita della vita» preparata come «una finale» perché «solo se si è allo stesso livello di attenzione e intensità dell'avversario, allora la qualità può fare la differenza».

Ma il tecnico dovrà dosare le energie della squadra - che domenica sarà di nuovo in campo con Crotone - e a complicare ulteriormente i piani del Milan c'è la positività al Covid-19 di Leo Duarte. Il brasiliano si è sottoposto a tampone icome il resto della squadra e, una volta emersa la positività, ha iniziato la quarantena domiciliare. Duarte, che era entrato al 27' della ripresa della partita contro il Bologna giocata lunedì sera a San Siro, si aggiunge però alla lunga lista di indisponibili nel reparto difensivo.

«Il Covid ha avuto il coraggio di sfidarmi. Pessima idea»: il coronavirus ha colpito anche Zlatan Ibrahimovic. La voce che si rincorreva dal mattino si è trasformata in notizia ufficiale nel primo pomeriggio, a poco più di cinque ore dall'impegno del Milan in Europa League contro il Bodo/Glimt: lo svedese è risultato positivo nel giro di tamponi gestito dalla Uefa a cui si è sottoposta la squadra dopo che Leo Duarte aveva scoperto di essere contagiato attraverso il tampone di martedì. Il centravanti, 39 anni il 3 ottobre, al momento è completamente asintomatico. Lo conferma lui stesso con un post su Instagram:

«Sono risultati negativo al Covid ieri e positivo oggi. Nessun sintomo né nulla. Il Covid ha avuto il coraggio di sfidarmi. Pessima idea». «Informate le autorità sanitarie competenti, il giocatore è stato prontamente posto in quarantena a domicilio - si limita a rendere noto il club -. Tutti gli altri tamponi effettuati sul gruppo squadra sono risultati negativi».

Ovviamente Ibrahimovic non è stato incluso fra i convocati (fuori anche Paquetà) per la sfida di San Siro, dove al suo posto dovrebbe fare il suo debutto Lorenzo Colombo, 18 anni, meno della metà del campione che dovrà sostituire. La notizia della positività al coronavirus ha portato non poca preoccupazione a Milanello, dove il gigante di Malmoe era tornato in grande forma dopo un'estate trascorsa in barca anche in Sardegna, e una trattativa serrata per il rinnovo del contratto. Con tre gol nelle prime due partite, il centravanti si era subito ripreso il ruolo di leader tecnico ed emotivo della squadra di Stefano Pioli, finendo per paragonarsi a Benjamin Button, il personaggio fantastico che con il passare degli anni ringiovanisce. Ora deve però fare i conti con il coronavirus, che in questi mesi ha già fermato diversi calciatori di Serie A, pochi dei quali hanno avuto sintomi evidenti e una scia di problemi fisici. Comunque dovrà osservare una quarantena di 14 giorni, poi dovrà essere la Ats a dichiararlo guarito, in seguito a due tamponi consecutivi con esito negativo a distanza di 48 ore.

Quindi il calciatore, da protocollo, dovrà sottoporsi a una serie di esami per riprendere l'attività agonistica. Se la malattia evolverà in modo non aggressivo, e dovessero bastare un paio di settimane o poco più anche per Ibrahimovic, complice la pausa per le nazionali, finirebbe per saltare soltanto tre o quattro partite: l'eventuale ultimo turno di qualificazione di Europa League e due o tre gare di campionato. L'orizzonte potrebbe essere il derby con l'Inter del 17 ottobre. Con il coronavirus, però, non si possono fare prognosi come per gli infortuni. Anche se c'è chi, come Gary Lineker, è convinto che a rischiare di più non sia il malato ma lo sgradito ospite. «I miei pensieri - ha twittato l'ex calciatore inglese con la sua consueta ironia - sono per il virus in questo momento difficile»

Contro i norvegesi del Bodo-Glimt che «hanno giocato 20 partite ufficiali, ne hanno vinte 18 e perse due», mette in guardia Pioli, non ci saranno neppure Leao e Rebic che deve scontare ancora due giornate di squalifica. L'allenatore valuterà le condizioni della squadra e non esclude cambi rispetto alla sfida di Dublino: «Diaz? Sì potrebbe giocare dall'inizio ma non ho ancora deciso, certamente è pronto». Valutazioni e calcoli per un Milan che, nonostante le difficoltà, ha finora dimostrato di poter fare bene. La qualificazione ai gironi di Europa League è il primo obiettivo stagionale. In caso di vittoria contro il Bodo-Glimt, il Milan affronterà la vincente di Besiktas-Rio Ave. Tutte gare secche in cui non sono ammessi errori.

Ultimi Video

Palinsesti TV