London Calling, BBC Knowledge festeggia i 60 anni di regno di Elisabetta II

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

D
Digitale Terrestre
  domenica, 27 maggio 2012
 18:30

Quando gli occhi del mondo saranno puntati su Londra, BBC Knowledge, BBC World News e Global BBC iPlayer trasmetteranno in contemporanea ‘London Calling', una serie di programmi unica nel suo genere che celebra la musica, la moda, l'arte, la cultura e la storia della capitale del Regno Unito.

La nuova serie di programmi London Calling andrà in onda in Italia sul canale BBC Knowledge (canale 342 del digitale Mediaset Premium) a partire dal 27 maggio e nel periodo maggio-luglio.

L'apice della programmazione sarà raggiunto con i live dalle spettacolari celebrazioni previste per i 60 anni di Regno della Regina Elisabetta II e con il programma di Andrew Marr: Elisabetta II: 60 anni di regno, un intero documento dedicato al Regno della regina Elisabetta, con interviste esclusive ai membri della Famiglia Reale. Un vero e proprio sguardo dietro le quinte della più antica, estesa e frequentata rete metropolitana del mondo sarà offerto con il programma La metro, mentre i telespettatori saranno invitati a scoprire le residenze ufficiali di Sua Maestà ne I palazzi della Regina.

London Calling: la città del 2012 prende vita grazie a BBC.

GLI EVENTI LIVE

Le celebrazioni per i 60 anni di regno della Regina Elisabetta II saranno trasmesse in diretta su BBC Knowledge. La manifestazione si svolgerà nel corso di tre giorni all'inizio di giugno e l'evento dal vivo sarà coperto nel Regno Unito da BBC ONE, mentre in Italia sarà visibile in streaming su BBC Knowledge. I festeggiamenti saranno presentati da Huw Edwards, giornalista e presentatore di BBC News, che verrà affiancato da conduttori in collegamento dai diversi luoghi che ospiteranno l'evento a Londra, che riporteranno tutte le storie, gli entusiasmi e i festeggiamenti che animeranno il Regno Unito e il resto mondo.Le celebrazioni per i 60 anni di regno della Regina Elisabetta II saranno disponibili anche su Global BBC iPlayer.

Elisabetta II, 60 anni di regno: corteo sul Tamigi
Domenica 3 giugno


La cerimonia solenne si terrà lungo il Tamigi, con uno spettacolare corteo che vedrà impegnate oltre 1.000 imbarcazioni provenienti da tutto il Regno Unito, dai paesi del Commonwealth e da tutte le parti del mondo.Sarà una delle flottiglie più imponenti mai radunate su un fiume fino ad oggi, con imbarcazioni di ogni genere e dimensioni, barche storiche e navi a vapore; alcune imbarcazioni saranno riservate esclusivamente ai passeggeri per trasportare fino a 30.000 spettatori, che direttamente dal centro della scena (o meglio del fiume) saluteranno la Regina che sarà a bordo della chiatta reale.La Regina, il Duca di Edimburgo e gli altri membri della Famiglia Reale assisteranno alla parata a bordo della Lancia Reale (la Royal Barge), che attraverserà il fiume da Putney a Tower Bridge. Il lungo percorso dalla flottiglia (a partire dall'adunata, fino a tutto il tragitto di navigazione) si estende da Hammersmith a Greenwich, per un totale di circa venti chilometri.

Elisabetta II, 60 anni di regno: il concerto
Lunedì 4 giugno

Una vera parata di stelle internazionali del mondo della musica, dal rock al pop, ai migliori artisti di musica classica e di musical, si esibiranno a Buckingham Palace in occasione del Grande Concerto per i 60 anni di regno di Elisabetta II, lunedì 4 giugno.Questo storico concerto, vuole essere una celebrazione musicale dei 60 anni di regno della Regina e verrà presenziato da Sua Maestà, da Sua Altezza Reale il Duca di Edimburgo e dagli altri membri della Famiglia Reale.Sarà allestito nello spettacolare scenario del Queen Victoria Memorial di fronte a Buckingham Palace, dove la BBC insieme a Gary Barlow, il leader dei Take That, sono riusciti a riunire insieme i migliori talenti del mondo della musica.Il concerto prevede l'esibizione in grandi pezzi di repertorio di artisti del calibro di Dama Shirley Bassey, Sir Elton John, Tom Jones, Sir Paul McCartney, Stevie Wonder, Kylie Minogue, Jools Holland, Jessie J, JLS, Annie Lennox, Madness, Sir Cliff RichardAlfie Boe e Ed Sheeran.Il palco, unico nel suo genere, è stato disegnato dall'architetto di fama mondiale Mark Fischer ed è stato progettato per valorizzare la cornice storica in cui è inserito con effetti luminosi e proiezioni spettacolari.

Elisabetta II, 60 anni di regno: la messa e la processione
Martedì 5 giugno

Martedì 5 giugno, nella cornice della Cattedrale di St. Paul, si svolgerà la Messa di Ringraziamento a cui parteciperà la Regina insieme al Duca di Edimburgo e agli altri membri della Famiglia Reale.La messa verrà celebrata dal Decano di St. Paul, il Reverendo Dr. David Ison, mentre all'Arcivescovo di Canterbury sarà affidato il sermone. I 60 anni di regno verranno ricordati in una preghiera scritta proprio per l'occasione.Nel tardo pomeriggio, la Regina e il Duca di Edimburgo, il Principe di Galles e la Duchessa di Cornovaglia, il Duca e la Duchessa di Cambridge e il Principe Henry di Galles lasceranno il Palazzo di Westminster alla volta di Buckingham Palace, e attraverseranno il percorso della processione in carrozza, mentre la Regina e il Principe Filippo si sposteranno sul Landò di Stato del 1902.La processione sarà presidiata dai tre servizi militari lungo tutto il percorso, e sarà accompagnata dalla Scorta Reale. La King's Troop sparerà 60 colpi di pistola, in segno di saluto al passaggio delle carrozze.All'arrivo, la Regina, il Duca di Edimburgo e gli altri membri della Famiglia Reale si affacceranno al balcone del Palazzo Reale: in quell'esatto momento inizierà la parata aerea della Royal Air Force e dal cortile esterno verrà esploso un Feu de Joie ("Fire of joy", una cascata di colpi di fucile in segno di festeggiamento e di saluto dalla Guardia della Regina).

Highlight dalle Celebrazioni per i 60 anni di regno della Regina Elisabetta II
Sabato 9 giugno

Un programma che immortala i migliori momenti delle celebrazioni per i 60 anni di regno della Regina Elisabetta II, dallo spettacolare corteo sul Tamigi, al concerto a Buckingham Palace; dalla Messa di ringraziamento nella Cattedrale di St. Paul alla sfilata delle carrozze.

I DOCUMENTARI

Elisabetta II: 60 anni di regno
 (3 x 60)
Da domenica 27 maggio alle 21:00

Per la prima volta nella storia moderna un monarca festeggia i 60 anni di regno. In onore di questa ricorrenza, Elisabetta II: 60 anni di Regno è un intero documento dedicato ai sessanta anni di regno della Regina Elisabetta II, che ne ripercorre la sua storia, ne analizza il suo ruolo costituzionale e le sue responsabilità, oltre all'impatto che ha avuto a livello mondiale.Il giornalista Andrew Marr ha studiato da vicino l'influenza del nonno, del padre e della madre della Regina, le conseguenze dell'abdicazione e il particolare rapporto che sussiste tra il Capo di Stato e il suo governo. Nel corso del suo regno, la Regina ha visto alternarsi 12 Primi Ministri e Marr si sofferma proprio sulle relazioni esclusive avute con loro, intervistando in particolare David Cameron, Tony Blair e Sir John Major.

Marr ha seguito per oltre un anno e mezzo gli impegni di lavoro di Sua Maestà, che l'hanno portata dal Medio Oriente fino agli USA, fornendoci quindi uno sguardo sull'influenza globale della Sovrana sul commercio britannico e sulle relazioni internazionali. Il Duca di York esprimerà il suo punto di vista in merito al ruolo di Sua Maestà rispetto al commercio internazionale, mentre il Ministro degli Esteri William HagueDavid Cameron stimeranno gli effetti del suo governo rispetto all'attuale posizionamento britannico. Inoltre, il Primo Ministro irlandese Enda Kenny commenterà la visita della Regina in Irlanda nel 2011, un evento rivoluzionario che certamente rimarrà nella storia.Marr osserva anche la vita quotidiana della Famiglia Reale e raccoglie i contributi del Duca di Cambridge, del Principe Harry, del Conte di Wessex, della Principessa Anna e della Principessa Eugenia in merito alle straordinarie competenze che la Regina è riuscita ad acquisire nel corso degli ultimi 60 anni tra viaggi, visite di stato e ricevimenti. Sua Maestà ha un motto personale: "Devo essere vista ed essere credibile."

Questo programma mostra la straordinaria energia che mette in ogni impegno, dal più piccolo e semplice al più importante.Infine, Marr prende in esame alcune misure adottate dalla Regina nel corso degli ultimi 60 anni per cercare di modernizzare la monarchia: dall'abolizione delle feste delle debuttanti nel 1958, fino all'apertura dei Palazzi Reali, dai ricevimenti a tema e nei giardini a palazzo, fino al modernissimo matrimonio del Duca e della Duchessa di Cambridge nel 2011.Riflettendo sull'enorme successo riscosso in occasione del Matrimonio Reale, il Principe William e il Principe Harry parlano dell'influenza e dell'impegno che la loro nonna ha avuto in quel giorno, a partire dalla scelta delle loro uniformi!

Cosa dice la stampa britannica di Elisabetta II: 60 anni di regno:

  • "Il ritratto più intimo mai realizzato di un sovrano britannico." Daily Mail
  • "Nel corso di tutto il documentario, [Marr] è riuscito a mettere in evidenza la capacità peculiare della Regina di comunicare con gli altri e di elaborare delle solide valutazioni politiche, accanto a una grande gentilezza, a un profondo rispetto per ciò che fa e per le persone che incontra nell'espletare i suoi doveri." Telegraph

I palazzi della regina (3 x 50)
Da martedì 5 giugno alle 21:00

Le residenze ufficiali della Regina sono tre: la più famosa è Buckingham Palace, la più antica è il Castello di Windsor e la più romantica è il Palazzo di Holyroodhouse. Le dimore reali - tra le poche al mondo ancora in funzione ad oggi - fungono sia da residenze di famiglia sia da luoghi di rappresentanza della Monarchia. Ognuna di queste ha una sua storia particolare: vicende lunghe e complesse che rimandano ad epoche più o meno fortunate, trionfi e tragedie e, naturalmente, raccontano la vita di alcuni tra i Re e le Regine più conosciuti.Ad accomunarle sono alcune caratteristiche ricorrenti: custodiscono sorprendenti collezioni di tesori, testimonianza del gusto dei loro inquilini e dell'evoluzione delle correnti artistiche nazionali, descrivono la storia del Regno Unito e del suo popolo come nessun altro palazzo è in grado di fare.Nonostante Buckingham Palace sia uno dei palazzi più famosi al mondo, la sua storia è meno conosciuta. Fiona Bruce (Antiques Roadshow) riporta alla luce le vicende che, in arco di tempo di soli 300 anni, hanno permesso al palazzo più straordinario del Regno Unito di sorgere da un acquitrino paludoso. In questo viaggio di scoperta la conduttrice passerà dalle fogne di Londra alle meravigliose Sale di Stato; da una rimessa per cammelli ed elefanti allo splendore artistico della Venezia del XVIII secolo e, infine, dagli oggetti appartenuti al principe che richiamano motivi cinesi, ai segreti sugli attuali metodi di pulizia degli scintillanti candelabri del Palazzo.

Il Castello di Windsor è il palazzo più antico e più grande al mondo, antico quanto la storia inglese. L'aspetto che conosciamo oggi è il risultato di oltre 1.000 anni di lavori di costruzione: è stato usato come fortezza, come dimora dai cavalieri medievali, come palazzo barocco e, infine, come una fantasia romantica. Percorrendo il cammino che dalle profonde segrete del castello muove verso le vette dei suoi torrioni, Fiona si imbatte in tesori reali di ogni tipo: dal ritratto a tre teste del re che la testa la perse, alla casa delle bambole, con rubinetti ad acqua corrente e un giardino segreto nascosto in un cassetto della Regina Mary. Purtroppo tanti oggetti furono distrutti dal terribile incendio del 1992.

Tra i palazzi reali presenti nel Regno Unito, il meno conosciuto ma probabilmente il più ricco di fascino è quello di Holyroodhouse a Edimburgo, sorto all'ombra del vulcano dormiente di Arthur's Seat. Nonostante le sue trascurabili dimensioni, è stato teatro di eventi che hanno determinato il destino di tre paesi: Inghilterra, Francia e Scozia. Fu l'ultimo posto in cui un principe mise in discussione il diritto di un re inglese a sedere sul trono. Fiona Bruce porta alla luce straordinari oggetti appartenenti alla Royal Collection ed intimamente legati alla travagliata storia del palazzo: dal Darnley Jewel, che cela messaggi, ai ricami raffiguranti gatti e topi appartenuti ad una regina dal destino ormai segnato.

Kate, La Creazione Di Un'Icona (1 x 50)
Domenica 10 giugno alle 21:00

Nessun'altra modella come Kate Moss è apparsa così tante volte sulle copertine delle riviste, ha saputo attirare l'attenzione e la curiosità dei giornali e di un considerevole numero di ammiratori e ammiratrici.Ancora adolescente, Kate - che proviene da Croydon, un quartiere della periferia a sud di Londra - viene catapultata nel firmamento delle stelle dopo essere stata notata per caso in un aeroporto americano. Oggi la modella è contesa da tutti i maggiori stilisti. Versace, Gucci, Dior, Cavalli, Chanel, Yves Saint Laurent: Kate Moss è garanzia di successo, in termini di fatturato, per tutte le marche.

Dal famoso Damien Hirst, a Lucian Freud, leggenda del panorama pittorico inglese, vecchi e nuovi artisti non resistono al suo fascino e le loro opere hanno contribuito ad accrescere la sua fama e a consolidare il suo status di icona.Kate, La Creazione Di Un'Icona racconta la storia di come sia diventata un'icona, fin dagli albori della sua storia. Girato a New York, Londra, Parigi, Milano, Pechino, Zurigo e Berlino, questo documentario riporta le interviste esclusive al famoso giornalista di moda Colin Mc Dowell, ai fotografi Peter Lindbergh e Albert Watson, all'artista diventato famoso per le "injured fashion photos", Daniele Buetti residente a Zurigo, a Vivienne Westwood e al regista Mike Figgis, nel tentativo di spiegare le ragioni di tale successo e tanta ammirazione da parte di un'intera generazione.

La metropolitana londinese (6 x 60)
Da lunedì 11 giugno alle 21:00

La metropolitana londinese porta i telespettatori nel dietro le quinte della rete metropolitana più antica, più estesa e più frenetica al mondo. La serie prodotta dalla Blast! Films mostra i retroscena di uno dei momenti più critici nella storia della metro londinese: il più importante progetto di ampliamento di un sistema ferroviario mai realizzato al mondo.La gestione di un sistema realizzato e concepito nel 1863 per rispondere alle necessità degli abitanti del XXI secolo è un'impresa davvero straordinaria.

L'ampliamento della rete avverrà in un clima di incredibile tensione: si dovrà riuscire a tenere aperte e funzionanti tutte le linee metropolitane, riducendo al minimo i periodi di chiusura delle singole stazioni.Le telecamere accedono ai luoghi finora nascosti ai telespettatori, per mostrare loro ciò che da sempre hanno desiderato vedere: gli obiettivi televisivi arrivano fin dietro le impalcature per svelare i lavori di manutenzione di portata straordinaria che qui vi si svolgono; giungono al centro di comando per mostrare cosa implica la gestione di una tra le reti di treni più complesse al mondo e portano alla luce un universo sotterraneo nascosto che si anima soltanto di notte.

Nel corso delle puntate conosceremo altresì chi si occupa della metro e chi la utilizza per i propri spostamenti. Incontreremo sia Mike Brown, amministratore delegato scrupoloso, sia l'addetto alle pulizie che ogni notte percorre chilometri e chilometri per assolvere al suo compito: liberare i binari dall'immondizia.Infine, naturalmente, ci sono i passeggeri, i turisti, i pendolari, gli ubriachi che prendono l'ultimo treno verso casa, le scolaresche in libera uscita e anche i furbi che non pagano il biglietto.

Tra Splendore e Miseria; Il Passato Delle Metropoli (3 x 50)
Da venerdì 22 giugno alle 21:00

Nel vostro tragitto verso l'ufficio siete per caso costretti a dribblare tra escrementi umani o tra cadaveri in putrefazione?Se aveste vissuto a Londra, New York o Parigi quando in queste città regnava il disordine e la sporcizia, molto probabilmente vi sareste imbattuti in tutto questo. Avreste incontrato l'addestratore di maiali impegnato a liberare le strade di New York dalla spazzatura e il becchino parigino, determinato a fare i conti con le conseguenze in termini di perdite umane di una rivoluzione sanguinaria.Il documentario porta la tematica dei viaggi su un livello inedito.Grazie all'uso di dimostrazioni e di stunt, questo programma scava nel passato più oscuro dei periodi storici importanti, mostrando i dettagli più cruenti.Scoprirete così che ciascuna di queste moderne capitali è sorta dalla sporcizia: dopo essere stata una città Tra Splendore e Miseria è riuscita ad emergere come una delle metropoli più moderne al mondo.

Primi Fuoriclasse Olimpionici (1 x 50)
Domenica 8 luglio alle 21:00

Grazie a sistemi informatici d'avanguardia, a grandiosi effetti speciali e ad una fiction ricca di azione, Primi Fuoriclasse Olimpionici ricrea il mondo di quegli atleti che per primi si sfidarono nei Giochi Olimpici.L'interno di un sarcofago cerimoniale ritrovato nell'Italia meridionale custodisce lo scheletro di un atleta di origini greche di 2.500 anni fa.

In seguito ad approfonditi esami scientifici sono emersi dettagli interessanti sulla vita dell'atleta: una clavicola consumata da una massa muscolare estremamente sviluppata indica che probabilmente si trattava di un atleta esperto nel lancio del disco; alcune alterazioni alla spina dorsale fanno pensare che soffrisse di artrite, causata probabilmente dal rigore richiesto dalle gare sulla biga; infine, un'analisi chimica ha rivelato che nella sua dieta era molto presente la carne di cane, un regime raccomandato dagli allenatori degli atleti olimpici dell'antichità.Straordinari effetti speciali sono in grado di ricreare una panoramica sull'antica Olimpia e sui giochi che attraevano un pubblico di oltre 40.000 spettatori. Guardate gli atleti gareggiare nel pentathlon, incontrate personaggi resi così reali (tra cui il signor Spezzadita, il temuto lottatore che rompeva le dita dei suoi oppositori per assicurarsi la vittoria) e meravigliatevi di fronte allo spettacolo per eccellenza: la gara tra carri trainati da 160 cavalli lanciati alla carica, che potrebbe costargli la vita.

Mentre l'allestimento dei Giochi è cambiato negli ultimi 2.500 anni, i valori che li animano sono rimasti immutati: i vincitori venivano elevati al rango di stelle, mentre chi barava veniva punito. Allo stesso modo alcune discipline sono rimaste identiche: gli atleti moderni testano l'antico giavellotto per mostrarci cosa significa partecipare alle meravigliose cerimonie dell'antichità.

I commenti della stampa Britannica

  • "La brutalità dei Giochi Olimpici dell'antichità è evocata in modo impareggiabile." Independent on Sunday


La Premier League:  Il Nuovo Calcio
Domenica 15 luglio alle 21:00

Oggi, la Premier League inglese è uno dei campionati più famosi, più apprezzati e più seguiti del pianeta, e vede la partecipazione dei migliori e più popolari calciatori al mondo e di alcune delle squadre più importanti del panorama calcistico.In questa serie si festeggia il ventesimo compleanno del campionato britannico: ma perché è stato creato?

Chi l'ha inventato? Cosa ha determinato il passaggio dalla "vecchia" Prima Divisione inglese alla nuova?Il documentario oltre ad investigare e rispondere a tutte queste domande, proponendo immagini della Premier League e interviste a tutti coloro che vi hanno preso parte sin dalla sua inaugurazione, pone la riflessione sulla stato attuale di questo campionato, grazie al contributo di figure come il manager dell'Arsenal, Arsene Wenger, l'ex manager del Newcastle United e dell'Inghilterra e altri dirigenti e giocatori di spicco.

Ultimi Palinsesti