MasterChef Italia 2020, si riaccendono i fuochi su Sky Uno e NOW TV

MasterChef Italia 2020, si riaccendono i fuochi su Sky Uno e NOW TV

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  giovedì, 17 dicembre 2020
 06:00

MasterChef Italia 2020, si riaccendono i fuochi su Sky Uno e NOW TVMASTERCHEF ITALIA, il talent culinario di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, spalanca le porte delle sue cucine per la decima edizione, in onda dal 17 dicembre ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno e in streaming su NOW TV.Con entusiasmo e determinazione riparte la ricerca del migliore chef amatoriale d’Italia.

A giudicare le prove degli aspiranti chef torna il sempre più affiatato trio composto da BRUNO BARBIERI, pioniere del programma sin dalla prima edizione, che si è sempre distinto per la sua attenzione alla perfezione in cucina e la sua eleganza; ANTONINO CANNAVACCIUOLO, un mix di raffinatezza, simpatia e rigore; GIORGIO LOCATELLI, che porta in cucina spirito British e anima italiana, innovazione e attenzione al dettaglio.

Il livello è sempre più alto e gli aspiranti chef si dovranno confrontare con sfide ancora più intense. Per accedere alla cucina di MasterChef le selezioni sono state durissime: in una prima fase i giudici hanno valutato i concorrenti tramite Zoom, chiamando i migliori a presentarsi per i Live Cooking. Già in questa fase entra in gioco una novità: una dispensa grandissima in cui i concorrenti si perderanno cercando gli ingredienti necessari per la creazione dei loro piatti.

Chi riuscirà a convincere i giudici all’unanimità potrà accedere direttamente alla Masterclass. Chi, invece, guadagnerà due approvazioni su tre conquisterà il GREMBIULE GRIGIO, introdotto nella scorsa edizione, che dà accesso alle sfide per giocarsi il posto nella classe. Inoltre Barbieri, Cannavacciuolo e Locatelli avranno la possibilità, anche quest’anno, di scommettere su un candidato a testa firmando un grembiule grigio, consentendo l’accesso del concorrente alle sfide successive. Quest’anno, infine, per la prima volta, chi ottiene tre sì dai giudici, riceverà il tanto sognato GREMBIULE BIANCO CON IL PROPRIO NOME ed entrerà direttamente in Masterclass senza dover superare altre prove.

Il programma è stato realizzato nel pieno rispetto della sicurezza dei partecipanti e delle normative relative alle misure di contenimento del contagio da Virus Sars- Cov2 come da DPCM vigenti durante le registrazioni.  Le nuove regole da seguire sono state integrate nel format come spunto per nuove sfide sempre più complesse per gli aspiranti chef.

Una volta formata la Masterclass, variegata e multiculturale, dei 21 aspiranti MasterChef, comincerà la vera sfida.  Tornano le amate Mystery Box, l’adrenalinico Invention Test e il temutissimo Pressure Test. Viene confermato anche lo Skill Test, una prova che i concorrenti hanno imparato a temere, una sorta di “esame a sorpresa”: una prova eliminatoria molto tecnica, sviluppata su tre livelli di difficoltà crescente su una specifica abilità.

Fra gli illustri ospiti di questa edizione, torna il Maestro Iginio Massari,che testerà i concorrenti nell’insidiosasfida di pasticceria, da sempre banco di prova per gli aspiranti chef; anche il giovane e cosmopolita chef Jeremy Chan, detentore di una stella Michelin per il suo ristorante “Ikoyi” a Londra, che ha incantato il pubblico lo scorso anno, tornerà fra gli ospiti della cucina di MasterChef. Fra le novità Mauro Colagreco, lo chef pluristellato fondatore del ristorante Mirazur a Mentone, e l’enfant prodige Flynn McGarry, che a soli 22 anni ha ottenuto riconoscimenti a livello mondiale per il suo indiscusso talento.

Anche in questa edizione gli aspiranti chef affronteranno le prove in esterna grazie alle quali si confronteranno fra loro divisi in brigate. Fra le location, il meraviglioso Lago d’Iseo e Crespi d’Adda, villaggio industriale patrimonio dell’UNESCO, riconosciuto per il suo valore architettonico e storico.

Per conquistare il titolo di decimo MasterChef italiano, vincere 100.000 euro in gettoni d’oro e pubblicare il loro primo libro di ricette servirà talento e determinazione. I concorrenti dovranno dimostrare ai giudici il loro amore per la cucina, la loro forza di volontà e il coraggio di osare nei loro piatti.

Tutto il mondo MasterChef sceglie di essere – anche quest’anno – plastic free ed eco-friendly promuovendo il consumo consapevole ed ecosostenibile, rispettando l’ambiente e non sprecando risorse alimentari. La produzione adotta in tutti i luoghi di lavoro un approccio plastic free. Tutti i prodotti di consumo legati al cibo (piatti, bicchieri, posate, vassoi, tovaglioli) sono di natura compostabile ed ecosostenibile.

Accanto al rispetto per l’ambiente, MasterChef da sempre si impegna anche nella lotta contro gli sprechi e la gran parte degli alimenti non impiegati per le prove è stata donata all’Opera Cardinal Ferrari Onlus di Milano. Il programma si è avvalso della preziosa collaborazione di Last Minute Market, la società spin-off dell'Università di Bologna impegnata sul fronte della riduzione degli sprechi e della prevenzione dei rifiuti da oltre 10 anni.

LE PAROLE DALLA CONFERENZA STAMPA

Nils Hartmann (Senior Director Original Production Sky Italia):

«C'è stato un momento in cui ci siamo posti dei dubbi, ma poi abbiamo messo la barra dritta e siamo andati avanti, anche con tutte le difficolta' del caso. Abbiamo ritrovato i nostri chef in forma strepitosa e che nel tempo stanno dando prova anche di essere veri intrattenitori. Sul fronte dei concorrenti è stata fatta una grande ricerca. Alla decima edizione in un momento in cui ahinoi passeremo il Natale chiusi in casa a cucinare, Masterchef è una forma di entertainment molto azzeccata. Riguardo gli ascolti, ci aspettiamo di crescere anche quest’anno. La versione Celebrity, non la faremo perché i vip che sanno cucinare sono finiti. Stiamo lavorando alla seconda edizione di Family Food Fight. Se può nascere un nuovo format? Questi professionisti hanno sviluppato un'amicizia, una vis comica particolare, è evidente che c'è una grande performance da intrattenimento, quindi non si sa mai che nasca qualcos'altro. Pekin Express, dipenderà dalle tratte del viaggio. MasterChef, già a gennaio, riaccenderà i motori, così come X Factor. Sta continuando il lavoro anche per quanto riguarda le serie. Con qualche difficoltà, stiamo mandando avanti tutto».

Antonella D’Errico (Vice President Sky Entertainment Channels):

«MasterChef è un programma che viene visto molto on demand, nei giorni successivi. L’ascolto non è più lineare ma si accumula, anche per quanto riguarda i 28 giorni successivi la messa in onda. Lo speciale Indovina chi viene a cena, già in onda su Sky Uno ad esempio, ha superato gli 800mila spettatori in 4 giorni. Nella liturgia di Masterchef, ci sono cose entrate nella mente degli italiani, dalla Mystery Box al Pressure Test, una serie di termini che scandiscono il formato in maniera precisa e che hanno determinato il successo di questo programma. Oltre ciò, in questa edizione, ci saranno ulteriori guizzi. La selezione è avvenuta tramite Zoom, gli aspiranti chef sono stati invitati solo dopo. Inoltre, gli aspiranti concorrenti non si sono portati il cibo da casa per la prima volta. MasterChef è un programma eco-friendly: a questo, ci teniamo particolarmente. E’ un impegno attuale, visto il periodo, e quindi corretto. Sky vuole diventare la casa dell’intrattenimento italiano, con sempre più produzioni originali. Nel 2021, la novità, come già abbiamo annunciato, sarà Pekin Express. Ci sarà anche qualche altra perla che lanceremo nel momento giusto».

Leonardo Pasquinelli (CEO Endemol Shine Italy):

«MasterChef è una produzione che non si ferma praticamente mai. Quando è arrivato il lockdown, eravamo in piena fase casting. Ci siamo fermati e abbiamo iniziato a ragionare. Questo tipo di crisi porta ad esercitare la nostra creatività. Abbiamo trovato delle soluzioni. Abbiamo lavorato molto sul casting a distanza. I concorrenti hanno prodotto da soli dei video. Nel secondo step, non abbiamo consentito di portare il cibo per una questione di sicurezza. Ciò ha aumentato la qualità dei concorrenti che dovevano essere più abili. Queste difficoltà, quindi, sono diventate un valore che vedrete nel programma. Per i giudici, la pedana sarà più ampia. La distanza tra i concorrenti sarà più ampia. I concorrenti hanno affrontato 14 giorni di quarantena: tempi più lunghi e costi superiori. Gli chef non assaggeranno i piatti dallo stesso piatto. Abbiamo garantito il maggior livello di sicurezza possibile per le 130 persone che hanno lavorato a MasterChef. C’è stato un solo caso di positività che non è avvenuto all’interno del programma. Questa persona sta benissimo. E’ una produzione che volevamo fare: MasterChef è un grande evento di cui abbiamo bisogno. Più che mai, quest’anno, ce n’era bisogno».

Bruno Barbieri (Giudice MasterChef Italia 2020):

«Per il decimo anno era necessario alzare l'asticella e per questo ho detto anche tanti no durante le selezioni. Per la marcia in più della decima edizione servivano concorrenti veramente forti. Il fatto di avere messo dentro molte situazioni tecniche ha fatto si che avessimo bisogno di scegliere concorrenti fortissimi. Noi giudici siamo stati molto complici, nonostante fossimo slegati, con mascherine, separati... Non è stato facile, ma bellissimo e credo che gli spettatori si divertiranno molto. Abbiamo fatto un grandissimo lavoro, sara' un Masterchef ancora più bello. D'altronde era il decimo anno, c'era la necessita' di metterci quel quid in più. a cosa interessante di Masterchef è che oltre ad aver scoperto talenti ha dato la possibilita' a tantissimi piccoli produttori che non hanno la forza di arrivare al mercato, di farli conoscere. MasterChef ha sdoganato il cibo non solo in tv ma nelle case delle persone. La gente è informata. MasterChef ha scoperto talenti ma ha dato anche la possibilità a tantissimi produttori di far conoscere prodotti che non raggiungono la grande distribuzione. Questo paese, gastronomicamente parlando, è minimo tra i primi tre al mondo. Grazie a MasterChef, è successo tutto questo. Tutti siamo chef, come quando guardiamo la nazionale in tv, ma questo fa bene, fa bene a tutto il movimento. Questo lockdown ha anche aiutato chi, prima, cucinava solo due uova e adesso usa l’aceto balsamico. Ci voleva. Gli chef che abbiamo scelto sono tutti molto interessanti. Abbiamo fatto una grande fatica per capire chi eliminare. Ciò significa che abbiamo veramente alzato l’asticella, che abbiamo scelto bene. Abbiamo fatto un lavoro incredibile. Ci saranno concorrenti molto interessanti. In questo periodo, la passione è aumentata ancora di più. C’è stata più voglia di vincere. Si sono subito creati schieramenti e dinamiche. Lì, abbiamo capito che era arrivato davvero il momento di alzare l’asticella. I concorrenti sono diventati più tecnici. Abbiamo trovato gente che potrebbe già lavorare fin da subito nei ristoranti. Ci siamo davvero divertiti. Ciò è fondamentale per ottenere un grande lavoro. Abbiamo cercato di lavorare, dopo tanti anni, in un modo più “alto”, tecnicamente parlando. I concorrenti hanno anche reagito in un certo modo. Inizialmente, non è stato facile. Abbiamo cercato di sviscerare tutto quello che era possibile. Quest’anno, ancora di più. Fin dalle prime volte, come già detto prima, è stato difficile scegliere chi eliminare. Le prove tecniche che abbiamo inserito hanno fatto sì che i concorrenti studiassero, avendo capito dove noi volevamo arrivare. Abbiamo fatto un lavoro interessante, anche per il pubblico a casa. I telespettatori vogliono vedere dei grandi piatti»

Giorgio Locatelli (Giudice MasterChef Italia 2020):

«Tramite Zoom, siamo stati accolti nelle cucine di tutti i giorni dei vari concorrenti. Già lì, si può capire molto, grazie all’occhio dello chef. A me è piaciuto tantissimo. E’ stato come entrare in una storia più intima. Ciò che ha alzato il livello del programma è l’arrivo a Milano dei concorrenti dove hanno fatto la spesa all’ultimo momento e poi il piatto. Nelle difficoltà, bisogna aguzzare l’ingegno. Io mi sono trovato molto bene in questa “bubble” di 130 persone. E’ stato bellissimo vedere questi aspiranti chef provenire da tanti paesi. Ho visto un’Italia moderna, che riflette il futuro. MasterChef testimonia la passione della cucina italiana nel mondo. Gli autori hanno fatto un lavoro incredibile. Il fatto che la cucina italiana può raggruppare tutto ed è grande testimone dell'essere italiano nel mondo. Il messaggio è l'idea di una grande internazionalita' della cucina, quella che non divide, ma che fa vedere questa capacita' dell'uomo di stare insieme. Entrare nelle cucine dei concorrenti è stato importante perché si capiscono molte cose dall'ambiente in cui una persona pensa e lavora ai propri piatti. Si entra meglio nella storia quotidiana delle persone. C'è stato un grande lavoro di selezione degli aspiranti chef e un'apertura decisa ad un ottica internazionale. La cucina è un luogo di inclusione, multiculturale, dove si vede e si impara a conoscere la vera Italia di oggi. Quando sei abituato a fare una cosa e ti si aggiungono delle difficolta', aguzzi l'ingegno questo è il nostro caso».

Antonino Cannavacciuolo (Giudice MasterChef Italia 2020):

«Vorrei fare i complimenti a Bruno Barbieri perché è la nostra punta di diamante, ha fatto tutte le 10 edizioni. Non immagino un MasterChef senza Bruno. E’ un grande e gli mando un bacio. Faremo un film insieme! Vorrei fare i complimenti agli autori perché hanno trasformato qualcosa di brutto in positività. E’ stato molto interessante fare le selezioni tramite Zoom perché siamo entrati nell’intimità dei concorrenti. Ci siamo divertiti molto, dal divertimento, escono cose belle. In 10 anni, è cresciuta la penisola, l’Italia del food, c’è gente che va a cercare l’ingrediente. MasterChef ha inventato l’impiattamento, il “mappazzone”… Oggi siamo tutti diventati MasterChef. Questa è la magia di questo programma: lo devi guardare perché impari qualcosa di nuovo come ingredienti che, sul mercato italiano, non si vedono. Dobbiamo fare sempre ricerca e portare avanti questo lavoro»

Stefania Rosatto (curatrice Masterchef Italia 2020 per Endemol Shine Italy):

«La simpatia è un ingrediente utile per il programma ma se la persona non sa cucinare non va avanti. La simpatia è una caratteristica in più».

MASTERCHEF MAGAZINE

Tornerà anche il consueto appuntamento con MasterChef Magazine, la rubrica in onda da venerdì 25 dicembre, dal lunedì al venerdì alle ore 19.45 (sempre su Sky Uno), in cui giudici, chef ospiti e aspiranti chef realizzano ricette dal tema ogni volta diverso.

MC Magazine vedrà protagonisti quest’anno moltissimi Chef stellati. Oltre ai giudici Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli, si alterneranno nomi del calibro di Michelangelo Mammoliti, 2 stelle Michelin, Jeremy Chan, 1 stella, Chiara Pavan, 1 stella.

Molti i temi del Magazine, dalla sostenibilità in cucina al “comfort food”, dalla rubrica dedicata alla cucina mediorientale di Chef Barbieri a quella di Chef Locatelli sulla cucina di casa.  Tra gli ospiti, ci sarà anche il MasterChef in carica Antonio Lorenzon che illustrerà non solo alcune ricette, ma anche come allestire la tavola per diverse occasioni.

Inoltre, l’appuntamento con MC Magazine diventerà sempre più interattivo. Ogni settimana, infatti, tre ricette saranno pubblicate sul canale YouTube di MasterChef Italia, mentre sui social verrà lanciata la rubrica #Instafood. Gli aspiranti chef realizzeranno ogni settimana un piatto ispirato a uno tra gli hashtag più di tendenza del mondo food, postando poi la foto sui social di MasterChef e invitando il pubblico a fare lo stesso per condividere la propria versione del piatto.

Sky Brand Solutions, dipartimento di Sky Media, insieme a Endemol Shine Italy ha portato a bordo dei nuovi episodi di “MasterChef Italia” Hotpoint, Voiello, Regina Asciugoni, Cirio, Acqua Minerale San Benedetto, Amadori, KitchenAid, Olio Filippo Berio, Molino Spadoni, Siggi, Zwilling Ballarini Italia, Ubena Spezie, NH Hotels, Hopla', Mazzetti l’Originale, Eurovo, So Wine So Food, Tagliabene, Riserva San Massimo. RTL 102.5 è media partner del programma. Si rinnova la partnership con la casa editrice Baldini&Castoldi che curerà e pubblicherà il libro di ricette del vincitore di MasterChef.

MasterChef Italia è prodotto da Endemol Shine Italy per Sky. Un programma scritto da Paola Papa e da Emiliano Eredia, Sonia Soldera, Ilaria Barosi, Alessandra Tomaselli, e con Luca Colocucci, Silvia Bizzotto, Francesca Valenti, Francesca Mazzantini, Anna Ferrajoli, Francesco Stefanucci, Maria Chiara Salvi, con la consulenza di Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Giorgio Locatelli.  Direttore della fotografia Flavio Toffoli. Scenografie Francesco Mari. La regia è di Umberto Spinazzola. MasterChef è basato su un format creato da Franc Roddam in associazione con Ziji Productions. Executive Producer Franc Roddam e distribuito da Banijay Group.

PER SEGUIRE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU MASTERCHEF ITALIA

  • Sito web ufficiale masterchef.sky.it
  • Hashtag #MasterChefIt
  • Twitter twitter.com/MasterChef_It | twitter.com/SkyItalia 
  • Facebook facebook.com/MasterChefItalia | facebook.com/skyitalia
  • Instagram instagram.com/masterchef_it |instagram.com/skyitalia
  • TikTok tiktok.com/@masterchef_it 

    MASTERCHEF ITALIA: DAL 17 DICEMBRE OGNI GIOVEDÌ ALLE 21.15  SU SKY UNO
    (CANALE 108, DIGITALE TERRESTRE CANALE 455),
    SEMPRE DISPONIBILE ON DEMAND, VISIBILE SU SKY GO, SU SMARTPHONE, TABLET E PC,
    ANCHE IN VIAGGIO NEI PAESI DELL’UNIONE EUROPEA, E IN STREAMING SU NOW TV.

Articolo di Simone Rossi
per "Digital-News.it"
(twitter: @simone__rossi)

Ultimi Video

Palinsesti TV