Schermaglie Olimpiche - Entusiasmo beach volley ma attenti al fuori onda

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

S
Sport
  domenica, 10 agosto 2008
 00:00
Prima maratona con le gare. Il fuso orario è favorevole in alcuni casi, un disastro in altri. La cosa più esaltante di giornata - il volley femminile - era alle 4 di notte, il nuoto ha illuso tutti a mezzogiorno ma le finali sono anch'esse invisibili. Le repliche vanno in onda tardi perché ci sono comunque dirette fino alle 5.

Prime scelte opinabili sulle gare da trasmettere: sacrificata la ginnastica, Raidue ha mandato per mezzo pomeriggio il beach volley, ma quello maschile che non ha assolutamente - ne siamo certi - il fascino di quello femminile.

Che per fortuna si è visto su internet sui famosi canali Rai in streaming, che un po' funzionano e un po' no, danno parecchio judo e non gli sport di squadra. C'è tempo per migliorare.

***

Nota di servizio per Antinelli e De Giorgi, commentatori del beach volley. Sui medesimi canali internet ieri si sentivano i loro commenti pre-collegamento. Pensavano di essere al sicuro e scherzavano sulle atlete. Va detto, a titolo di merito, che ci sono andati leggerissimi.

***

E' abbastanza elevata l'età media degli opinionisti che affollano la tribunetta di Raisport nelle fasi di commento. Questo porta molti dei protagonisti a rimembrare il passato, in particolare c'è il professore Del Monte che parla spesso delle innumerevoli Olimpiadi a cui è stato presente: e ha l'aria di voler raccontare prima o poi di quella volta che disse a De Coubertin "Carina l'idea dei Giochi, ma ti ci vorrebbe uno slogan forte".

***

Peraltro il fuso orario costringe tutti loro a lunghe dirette in piena notte, con un attacco diretto ai bioritmi. Fermo restando che al momento la scena migliore è quella dell'altra sera: a Pechino erano le cinque del mattino e in studio Julio Velasco discuteva con Paolo Longo dell'evoluzione consumistica del comunismo cinese.

***

Evoluzioni a cinque cerchi su Raisport: «Non so come si poneva Confucio nei confronti del medagliere olimpico» (Bartoletti). «Al momento la situazione in corsa è stantia» (Bulbarelli). «Perdere questa partita non è decisivo, ma vincerla è meglio». (Pancani). «Vediamo ora il Medagliaro». (Franco Lauro). «I tiratori sono sfavoriti dalla scarsa visibilità che forse è pollution e forse è fog». (Del Monte). «Qui in Cina ci sono le autostrade coi caselli, ma non ho visto il Telepass: forse non l'hanno ancora inventato» (Bulbarelli). «In seconda corsia c'è Pippa Savage. Il nome, è chiaro, non l'aiuta». (Marco Lollobrigida, commentatore del canottaggio, uno nuovo ma da tenere d'occhio)

Antonio Dipollina
per "La Repubblica"

Palinsesti TV