Mediaset, Berlusconi al contrattacco: «Bollorè con Vivendi ci ha ricattato»

Mediaset, Berlusconi al contrattacco: «Bollorè con Vivendi ci ha ricattato»

News inserita da:

Fonte: Adnkronos

E
Economia
  mercoledì, 21 dicembre 2016
 21:26

Mediaset, Berlusconi al contrattacco: «Bollorè con Vivendi ci ha ricattato»«In parole povere» quelli di Vivendi «ci hanno fatto un ricatto, un estorsione. Non hanno mantenuto la parola data. Noi siamo in battaglia e resisteremo». Silvio Berlusconi non ci sta e passa al contrattacco di fronte al tentativo di scalata a Mediaset di Vincent Bollorè. Alla presentazione del libro di Bruno Vespa il Cav alza il tiro:

«Noi ci troviamo in questa assurda situazione di non potere fare acquisti di azioni perchè la legge impone che il socio di maggioranza possa comprare solo il 5% all'anno. Lo abbiamo fatto e ci siamo dovuti fermare qui. Quindi loro hanno avuto buon gioco mentre noi siamo fermi al 40%. Per arrivare al 51%, io spero che quei comitati per la difesa dell'italianità di Mediaset che sono nati possano portarci a contare sul voto di circa il 20% delle azioni che sono nelle mani di differenti azionisti».

L'ex premier dà la sua versione dei fatti e accusa il finanziare bretone di aver tradito la parola data:

«Negli scambi commerciali nel mondo delle imprese quando un soggetto manca di parola di una volta, lo si guarda molto male. Se manca di parola una seconda volta, lo si guarda malissimo. Se manca di parola una terza volta, lo si esclude dal mercato. E Vivendi ha mancato di parola anche più di tre volte. Quindi, noi crediamo che la magistratura dovrebbe darci ragione nelle cause intraprese contro» il colosso francese.

«Con Bollorè -assicura- abbiamo stipulato un contratto, ci sono state trattative per sei mesi e ha firmato un contratto in cui impedisce a Vivendi di avere oltre il 5% dell'azionariato Mediaset. È stato tutto buttato per aria. Ci siamo trovati con Premium che è stato rappresentato come un qualcosa di scadente che non valeva il prezzo del contratto. Quindi, l'azione di Mediaset è stata svalutata, è scesa alla metà del valore che aveva prima».

«Vivendi -avverte Berlusconi- ha anche detto che credeva di essere in un 4 stelle mentre si è trovato in un fast food e questo ha svalutato Premium e Mediaset di fronte agli investitori. Abbiamo presentato degli esposti che secondo i nostri avvocati avranno l'approvazione della magistratura».

«Bollorè -ricorda- ha manifestato il suo interesse per la nostra tv a pagamento. Vivendi, che lui comanda con il 15%, è una società che ha 12miliardi e mezzo di liquidità nelle proprie casse, quindi è potentissima».

«Bollorè è il socio di maggioranza relativa e utilizza questi soldi nella direzione che vuole. In Italia è intervenuto in Mediobanca e attraverso Mediobanca è arrivato a Generali, poi ha comprato il 25% di Telecom. Ci sembrava abbastanza logico che, essendo Vivendi proprietaria di Canalplus, l'unica grande e importante tv francese -sottolinea Berlusconi- volesse avere anche in Italia un'altra tv a pagamento con cui instaurare un rapporto per le produzioni di programmi e creare una concorrenza a Netflix».

Il leader di Fi se la prende pure con la Rai:

«Soffriamo molto il dumping della Rai che con la Sipra ha fatto crollare il mercato della pubblicità. La Rai, oltre a fare servizio pubblico, interviene nel mercato della pubblicità danneggiando Mediaset».

Ultimi Video

Palinsesti TV