Le novità tecnologiche della Rai presentate all'All Digital di Vicenza

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

H
HiTech
  venerdì, 17 giugno 2011
 06:00

Le novità tecnologiche della Rai presentati all'All Digital di VicenzaI grandi "contents provider" mondiali differenziano i mezzi mediante i quali offrono i contenuti agli utenti: TV digitale, satellitare, via cavo, Internet, queste le "vie" utilizzate per raggiungere un pubblico sempre più esigente nel campo della qualità, sempre più indipendente in termini di controllo in tempo reale dell'offerta. Anche la RAI, presente a Alldigital Expo, ha dovuto affrontare questa nuova inesorabile rivoluzione nella fruizione dei contenuti, differenziando i canali utilizzati per raggiungere l'utenza, e moltiplicando gli standard di produzione dei contenuti multimediali.

Marco Torrelli,
responsabile "Impatti Nuove Tecnologie" della Direzione Strategie Tecnologiche della RAI, curatore della presenza RAI alla Fiera del Mondo Digitale, delinea il futuro televisivo per Alldigital, fornendo alcuni dati e trend.

"Se diamo uno sguardo al mercato USA, per molti versi anticipatore dei futuri trend comunicativi del resto del mondo, il 43% del traffico tra le 20 e le 22 è generato dai servizi di streaming." - Dichiara Torrelli - "L'i-player della BBC ha registrato 41 milioni di utenti unici al mese nel 2011, YouTube ha raggiunto, nei 25 Paesi in cui è presente, 500 milioni di utenti unici al mese, mentre il traffico dovuto ai video online ha superato quello del file sharing nel 2010 e continuerà a crescere. L'ultimo rapporto di Informa Telecoms & Media evidenzia che nel 2015 il traffico Internet sarà 7 volte quello di oggi, principalmente grazie all'incremento del consumo video HD e dello sviluppo della TV-Connessa che raggiungerà i 137 milioni di unità vendute entro il 2014".

Ma la differenziazione non è solo sui canali di trasmissione. Anche diversi standard qualitativi sono oramai disponibili all'utenza che, a questo punto, non chiameremo più "televisiva" ma "multimediale".

"A Alldigital il pubblico potrà ammirare anticipazioni di diverse produzioni RAI nel campo del 3D televisivo" - continua Torrelli - " e tutto questo perché la RAI ha una vera e propria storia di sperimentazione e produzione di contenuti con tecnologia stereoscopica. In RAI, le prime riprese tridimensionali risalgono al 2008, con una breve fiction per bambini realizzata dal CRIT e dal CPTV di Torino per "Melevisione". Più recentemente, nel 2009, il corto "Sette luoghi, otto minuti una città", dedicato a Torino e presentato al Premio Italia 2009, che i visitatori di Alldigital 2010 hanno potuto osservare in Fiera presso lo stand RAI.

Nel 2010, "3-Dentro il Rigoletto a Mantova", backstage dell'evento trasmesso in mondovisione da RAI 1. Grazie ad un accordo con il Piccolo Teatro di Milano, è stato ripreso in 3D l'"Arlecchino servitore di due padroni" con Ferruccio Soleri: il filmato di 15 minuti che ne è stato tratto è intitolato "Arlecchino 3D". Da citare anche, per le produzioni storiche, il documentario "Foibe in 3D", diretto da Roberto Olla.

Le novità tecnologiche della Rai presentati all'All Digital di Vicenza

Le nuove tecnologie come il 3D offerte dalla Rai - Foto @Digital-Sat

Ultimi Video

Palinsesti TV