Satellite e digitale terrestre, le altre tv crescono

News inserita da:

Fonte: Il Corriere della Sera

S
Satellite / Estero
  lunedì, 07 luglio 2008
 00:00

Fuga sul satellite. O sul digitale terrestre. Ma solo per chi è dotato di abbonamento (Sky) o di tessera pre-pagata (Mediaset). Con la fine degli Europei — che hanno catalizzato l'attenzione del pubblico tv — l'ascolto si sposta sulla pay.

La crescita dello share delle «altre» è l'effetto incrociato di due fenomeni: il quasi-spegnimento della programmazione sulla generalista, e la riduzione del consumo medio col caldo estivo.

Ma, mentre i generalisti non satellizzati cercano opportunità di consumo fuori dalla tv, quelli dotati di piattaforme alternative sono più propensi a non abbandonare il teleschermo.

Questo spiega i quasi due punti in più di share (15,49%) che le «altre tv» registrano a luglio in prima serata, e i due punti e mezzo (18,06%) nell'intero giorno.

Una crescita che, al netto delle locali, premia «il mondo» Sky, che registra nell'intero giorno share che vanno dal 10,6% (lunedì) addirittura all'11% (venerdì). La giornata di lunedì è esemplare: in serata le ammiraglie perdono 2/3 punti di share, e le «altre» salgono a quota 15% (prima serata) e 22, 55% (seconda serata), merito dei 700 mila spettatori della prima tv di «I Fantastici 4 e Silver Surfer» su Sky e dei 300 mila spettatori di «Lost» su Fox.

Ma l'aspetto più interessante è che le abitudini degli spettatori (specie dei più «avvertiti») cominciano a cambiare: non ci si accontenta più del poco che c'è sulla generalista, si desidera (buona) tv anche d'estate. Una sfida per le reti generaliste e un'occasione da cogliere, per fidelizzare ancor più questo pubblico, per le premium.

Aldo Grasso
per "Il Corriere della Sera"

Ultimi Video

Palinsesti TV