Sfida Sky-Comex: il decoder è mio e lo gestisco io

News inserita da:

Fonte: L'Espresso

S
Sky Italia
  giovedì, 25 ottobre 2007
 00:00
«Dateci la licenza, non potete avere il monopolio dei decoder per la tivù satellitare...

« Nessun monopolio, vogliamo solo difenderci dalla pirateria e con prodotti simili al vostro, su altri mercati, i comportamenti illegali hanno dilagato».

È con concetti simili a questi, immaginari ma molto realisti, che da tre anni si affrontano a muso duro il "Davide" Comex di Ravenna e il '"Golia" Sky Italia.

La Comex, una specie di public company (80 soci, nessuno con più del 15 per cento) che fattura 12 milioni di euro con l'informatica professionale, dal 2004 chiede a Sky la licenza per poter mettere sul mercato un decoder multi-funzione. In pratica, un computer che è in grado non solo di leggere la card della tivù a pagamento del gruppo guidato da Rupert Murdoch, ma anche di navigare su Internet, inviare e ricevere mail, registrare i programmi.

La Comex si è rivolta alla Agcom, l'autorità garante sulle telecomunicazioni presieduta da Corrado Calabro, che nel febbraio scorso ha emesso una delibera in cui si invitava Sky Italia a comunicare entro tutte le condizioni «comprese quelle tecniche, di sicurezza e commerciali, richieste per la concessione della licenza relativa al sistema di accesso condizionato "Videoguard" così come personalizzato per Sky Italia».

La televisione a pagamento ha obbedito e, a marzo, ha reso note le condizioni di sicurezza richieste a tutti i produttori di Set Top Box.

«Abbiamo invitato Comex a discutere nel merito, rendendoci disponibili ad aprire una trattativa. Comex ha declinato l'offerta»
, dice Tullio Camiglien capo delle relazioni esterne di Sky.

«Non è vero, negli atti depositati all'Autorità non c'è traccia di questa disponibilità. Noi vogliamo produrre un ricevitore col nostro marchio, da vendere, con la licenza Sky», ribatte Massimo Zannoni, direttore commerciale e azionista di Comex, «e invece Sky continua a fare obiezioni, e noi non riusciamo a commercializzare il decoder».

Secondo Sky i decoder collegabili a Internet sono pericolosi perché consentono nuove e più insidiose forme di pirateria e ciò, fanno capire, «sarebbe un danno potenzialmente enorme non solo per Sky, ma anche per i produttori e i fornitori di contenuti nazionali e internazionali».

A metà novembre, il consiglio dell'Agcom discuterà della vicenda: metterà la parola fine alla querelle?

Nell'attesa, qualche malizioso immagina che a Mediaset possano seguire con favore la crociata anti-Sky della Comex, una sorta di grimaldello per riaprire i giochi nel settore della pay-tv.

Da Ravenna negano: «Non ci interessa favorire qualcuno. Vogliamo solo poter vendere il nostro decoder».

Maurizio Maggi
per "L'Espresso"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV