Serie B: Datasport scopre la logica dell’offerta Sky

News inserita da:

Fonte: Datasport

S
Sky Italia
  mercoledì, 21 novembre 2007
 00:00
La questione dei diritti tv per la serie B si fa seria. L’emittente satellitare Sky ha proposto alla Lega Calcio la possibilità di trasmettere le gare di serie B, ma le partite sarebbero trasmesse in ‘pay per view’. L’offerta di Sky garantisce la copertura del 95% dei ricavi. Ma con quale logica l’emittente di Murdoch ha avanzato questa offerta? E quanto vale davvero la Serie B? Per capire meglio queste dinamiche Datasport ha intervistato Giovanni Palazzi, presidente della ‘Stageup’, l’azienda di marketing sportivo.

La serie B nel mercato televisivo dello sport in generale dove si colloca?
‘Qui bisogna analizzare due aspetti. Il primo è l’evidenza che ci troviamo in un mercato dove pochi interlocutori comprano. E’ un vero e proprio monopolio. Mediaset e Rai, infatti, comprano altri eventi tralasciando il campionato. Ci troviamo, quindi, in un mercato imperfetto dove il potere è su chi fa la domanda. Il secondo aspetto, invece, è la valutazione di quanto possa interessare l’evento. Per le pay per view la vendita del prodotto avviene attraverso gli abbonati ed è evidente che ci si basa su quanti abbonati potenzialmente possano vedere la B’.

La serie B vale i soldi che chiede?
‘Per questo possiamo fare solo un’analisi oggettiva tra valore e prezzo. Il valore è stimato da un esperto, mentre il prezzo è il pagato corrispettivo del cliente al fornitore. Bisogna capire quante siano le persone che vogliano queste cose. I network che vogliono la serie B non sono molti’.

Per le serie B estere la questione è differente. In Inghilterra ad esempio.
‘Alla base ci sono ragionamenti diversi. In Inghilterra esiste una lega che racchiude tutte le serie inferiori. C'è stata una presa d’atto sul fatto che la Championship fosse un prodotto diverso dalla Premier League. Quindi questo prodotto si promuove con altre logiche, offrendolo sul territorio in modo diverso. Questo in Italia non si è ancora presentato. La serie B italiana non ha ancora maturato l’idea di essere un prodotto diverso. Non si può fare, quindi, un paragone perché non hanno lo stesso mercato televisivo e la stessa offerta’.
 
Salvatore Riggio
per "Datasport"

Ultimi Video

Palinsesti TV