'Ascolti disaggregati quotidiani'. Mockridge li vuole subito

News inserita da:

Fonte: Pubbilicit Italia

S
Sky Italia
  mercoledì, 14 marzo 2007
 00:00
Quindi gli editori prudenti (Tbs, Sony, Digicast, Nbc) dovranno presto decidere se accodarsi a Sky o continuare nella richiesta ad Auditel di riponderazioni mensili.

“Come Sky Italia, siamo decisi a far pubblicare appena possibile, ovvero a inizio aprile, da Auditel i dati di ascolto, anche quotidiani, dei nostri singoli canali: siamo soddisfatti dei risultati dei test e quindi vicinissimi alla firma di un accordo col nostro interlocutore. Se poi altri canali ospiti della nostra piattaforma si comporteranno diversamente, saranno scelte loro”.

Tom Mockridge Tom Mockridge, ad di Sky Italia, è tranchant: noi andiamo avanti per la nostra strada, chi vuole si accodi, se no pazienza. Dichiarazioni che denotano una certa freddezza nei confronti di quel gruppetto di editori satellitari che speravano che Sky si impegnasse insieme a loro nel richiedere ad Auditel correttivi nelle modalità di pubblicazione dei dati, ad esempio ponderazioni su base mensile.

Si tratta come è noto di Tbs per Cartoon Network e Boomerang, Sony Television per Axn, Mtv per Paramount Comedy, Nbc Universal per Studio Universal, e Digicast per Sailing Channel, Jimmy e Season.

“I dati di ascolto canale per canale – afferma l’ad di Sky Italia – si riveleranno importanti per la nostra crescita pubblicitaria quando verranno inseriti nei software dei centri media, ma saranno anche preziosi per dare indicazioni sui contenuti editoriali dell’offerta di Sky”.

Quanto agli sviluppi editoriali, Mockridge dichiara: “Nel 2007 rafforzeremo sempre di più l’area entertainment, probabilmente anche con nuovi canali ma soprattutto con nuovi programmi su Sky Vivo e Sky Show, oltre che sui canali Fox. L’obiettivo strategico à offrire agli abbonati sempre maggior scelta, bilanciando il peso dell’area entertainment con le altre tre di Sky, ovvero calcio, cinema e kids. Il modello è Rai Sat Ragazzi, che da quando ha fatto lo split fra Yoyo e Smash ha triplicato gli ascolti”.

Sulla pubblicità, la volontà è crescere, ma senza strafare: “Il nostro affollamento è più basso delle tv in chiaro, perché il nostro core business sono gli abbonamenti. Comunque oggi abbiamo il 3-4% della raccolta televisiva, una percentuale ancora bassa ma in crescita”. Infine uno sguardo sulle opportunità di mercato:

“Non siamo monopolisti del satellite – sottolinea Mockridge –, ma player televisivi in concorrenza con tutti.  E cerchiamo di ampliare il mercato in ogni direzione: abbiamo appena concluso un accordo con Fastweb che ora veicola via cavo l’intero pacchetto ‘Mondo’, abbiamo canali sull’iptv di Telecom e trattiamo per averli anche sulle iptv di Wind e Tiscali, infine siamo presenti sul dvbh di Tim, Vodafone e La 3”.

Ultimi Video

Palinsesti TV