Vista in Tv (CorSport) - A Stadio Sprint insulti e battute piccanti

News inserita da:

Fonte: Il Corriere dello Sport

S
Sport
  lunedì, 17 novembre 2008
 00:00
La lite è furiosa e va in onda - integrale - a  Stadio Sprint  su  Rai2, protagonisti Enrico Varriale, il conduttore e Walter Zenga, tecni­co del Catania. Antefatto. « Zenga, non ti dimenticare che la Rai ti ha tirato fuori da un certo dimenticatoio e ti ha proposto come apprez­zato opinionista» . Così parlò domenica 9 novembre Varriale dopo l'ennesimo forfait di Zenga ai microfoni Rai. Ieri la replica.

Zenga/ 1: «Avrei preferito che lei non avesse parlato di me alle spalle e non avesse fatto apprezzamenti sul mio conto, sulla mia vi­ta privata e sul mio passato di allenatore» . Varriale/ 1: « Lei, Zenga, è stato un grande portiere, che in carriera ha sbagliato poche usci­te, questa è un'uscita sbagliata, simile a quella che ci costò il Mon­diale del '90 nella semifinale contro l'Argentina. Se vuole parlare di calcio, bene». Zenga/ 2: «Lei deve pensare alle cose della sua fami­glia ». Varriale/ 2: «Lei mi sta minacciando, stia attento a quello che dice». Zenga/ 3: «Che paura che mi fa, mi fa tremare, aspettavo di ve­nire qua per dirglielo». Varriale cerca di chiudere la contesa, ma dice «Parliamo di Brienza... ». Zenga: «Brienza? Mascara, vede che non sa di cosa parla». Avanti così fino a quando Bruno Gentili interviene per « sedare il duello rusticano e spiegare ( ai poveri telespet­tatori, ndr) il perché di tanta acredine» . Qualche ora dopo le parole del direttore di Raisport, Massimo De Luca: « Non posso accettare che Zenga o chiunque altro insinui chissà cosa. E’ necessario un chiarimento per affrontare e risolvere il problema da gentiluomini».

Fuori luogo - C’ è Guida al campionato su Italia 1, c’è Luca Serafini per gli anticipi. Su Palermo-Inter si avventura: « A Palermo si può girare senza scorta anche se si è ricchi e famosi», poi «il Palermo tossi­sce per 45’».

Tempi moderni - Apertura di Sky Calcio Show, da Catania Walter Zenga: « La puni­zione di Ibra era a 124 all’ora? Anche ai miei tempi c’era qual­cuno bravo a tirare le punizioni. Platini, Zico... Maradona, scusate ». Ilaria D’Amico rompe: « Forse Ibra si meritava una multa per eccesso di velocità... ».

Tanto per cambiare - Da Milano, Sky Calcio Show, c’è Adriano Galliani. Che, dopo una serie di domande, ordina (a proposito, da quando gli ospiti deci­dono gli argomenti?): « Basta parlare di mercato, sentiamo la signo­ra Ilaria ». E la D’Amico, un poco imbarazzata: «Io veramente volevo parlare di Benzema... ». Appunto.

Il cartello dei tecnici - Da San Siro, per Sky, Alessandro Alciato a proposito della Panchi­na d’Oro: « Molti allenatori si sono telefonati e messi d’accordo per votare Mancini, perché non ritengono giusto che l’allenatore campione venga mandato via ». Una specie di cartello dei tecnici.

Le gemelline - Antonio Cabrini inviato per Quelli che il calcio su Rai2 per Ata­lanta- Napoli, era in compagnia delle gemelline De Vivo, ex Iso­la e tifose del Napoli. Simona Ventura lo stuzzica: « Diresti anche per loro che hanno un solo neurone che gira in testa? ». Cabrini: « Avrei detto due, loro sono in due... ».

Indovina chi... - E’ il gioco preferito su Sky, dove imperversa Ilaria D’Amico. Che prima lancia, da Genova, « Angelo Palumbo » (si tratta di Palombo), poi convoca in Nazionale « D’Agostini » (trattasi di D’Agosti­no, come le fa notare Mario Sconcerti).

La classifica - Da Genova, per Sky Calcio Show, c’è Angelo Palombo. Cui chie­dono della biografia di Cassano e delle centinaia di donne vantate dal barese. Palombo: « Nulla in confronto a me, io ne ho avute anche il doppio... ». Ilaria D’Amico sorride allo scherzo poi fredda lo stesso Cassano: « Cassano invecchierà presto se fa tutto questo super­lavoro oltre a giocare ». E Massimo Mauro: « Ma cosa ti vai a intrufolare...».

Il... brutto della Diretta - Siamo a Sky Diretta Gol. Rigore a Bergamo, in attesa del tiro li­nea a Milano per vedere un’azione poco significativa. In compen­so si torna a Bergamo quando Hamsik ha già segnato. Ancora Bergamo: Manfredini non viene espulso, come invece sostiene Riccar­do Trevisani: ma il commentatore non se ne accorge subito, e lo an­nuncia dopo circa 8 minuti. Meglio tardi che mai, rigore compreso.

La protesta formale - Aldo Biscardi è a San Siro per Quelli che il calcio di Rai2. Rigore per il Milan, lui commenta: « Il rigore del Milan è netto, anche i difensori del Chievo hanno fatto solo una protesta formale... ».

La moviola - Da studio Massimo Caputi rivede l’episodio del rigore del Milan e aggiorna Biscardi, che rivede il giudizio: « Dalla nostra posta­zione sembrava buono, ma di Caputi non dubito, lui è al di fuori del­la mischia».

Ritirata - Da Bergamo, siamo nel finale, la partita si fa calda, siamo a Quel­li che il calcio, sempre Rai2, la postazione è vicina alla Curva. Cabrini è teso (« tira una brutta aria» ), le gemelline - inesperte della ma­teria - non se ne rendono conto (« ci volevano ammazzare »). Simona Ventura da studio: « Volete andare via prima, meglio chiuderlo qui il collegamento».

Del Neri da assaggiare - Da Bergamo, seconda parte di Sky Calcio Show, ecco Gigi Del Neri. Ilaria D’Amico: « Andiamo ad assaggiare il suo umore... ».

Domande intelligenti - Da Milano, su Sky Calcio Show, arriva Carlo Ancelotti. Ilaria D’Amico gli chiede: « Come sta Borriello, fisicamente e psicologicamente?». Il tecnico del Milan, che «adora» certe domande, ri­sponde al volo: « Fisicamente dovete chiedere ai medici, psicologica­mente dovete chiedere a lui ».

L’uomo dei miracoli - Su Sky Calcio Show c’è Sinisa Mihajlovic. Osserva Massimo Mau­ro: «Se non si interviene sul mercato a questo Bologna serve un miracolo per salvarsi ». E l’allenatore rossoblù: « Ma i miracoli per fortuna succedono... ».

Niente trucchi... - A Novantesimo minuto su Rai2 illumina Giampiero Galeazzi: « Doveva essere un tranquillo week end di terrore è stata una domenica di paura per gli arbitri». Galeazzi/2: «Tre gol di Mascara e non è un trucco». Galeazzi/3: «La Juve è grande, Del Piero è il suo profeta».

Aggettivi e concetti sparsi - A Novantesimo minuto su Rai2. Per Gianni Bezzi « il Bologna è ancora evanescente ma è in ripresa». Per Carlo Nesti « la Fioren­tina schiuma rabbia». Per Gianni Cerqueti «il Chievo era un po’ rat­trappito ».

Emozione derby - Da Roma, per Sky, a bordo campo c’è Stefano De Grandis che racconta di uno striscione dedicato a « Simone, il bambino schiacciato da un albero... »: si chiamava Nicolò, come da striscione, appunto. Poi va avanti ricordando « Simone Sandri ». Che si chiamava Gabriele...

A dieta - Da Roma, collegato con la Domenica Sportiva su Rai2, c’è Delio Rossi. Domanda di Carlo Paris: « Ha vinto chi aveva più fame? ». Risposta: « No, ha vinto chi ha fatto gol ».

Il sorriso di Spalletti - Controcampo su Rete4. Arriva Spalletti, Mosca interviene. Spal­letti: «Buonasera direttore... ». L'altro: « Sono Maurizio Mosca ». Spalletti: « Presidente... onorevole... cavaliere... ». Mosca: « Spalletti, è migliorato tutto dall'ultima volta che è stato da noi ». Il tecnico: «Veramente non ho più vinto dopo che sono stato lì ». Risata. Mosca: « Sonetti... ». E lui: « Sono Spalletti ».

Andrea Fanì e Francesca Fanelli
per "Il Corriere dello Sport"

Ultimi Video

Palinsesti TV