In Cina vietati Topolino e Paperino all'ora di cena in tv

News inserita da:

Fonte: Il Giornale

T
Televisione
  giovedì, 21 febbraio 2008
 00:00

In Cina vietati Topolino e Paperino all'ora di cena in tvAttenzione alle seguenti scene «immorali»: Paperino che prende a calci Qui, Quo e Qua; zio Paperone che stramaledice Rockerduck; Topolino che regala un mazzo di fiori a Minili; Pluto che fa pipì sulla gamba di Pippo; Ciccio che disubbidisce agli zii Orazio e Qarabella. Immagini «fortemente diseducative», almeno a giudizio della Sarft, che non è l'ultimo modello di Suv con i fari a mandorla, bensì l'organismo cinese addetto alla censura televisiva e radiofonica.

La decisione presa dalla «State administration of radio, film and television» di Pechino sembra un'invenzione divertente di Archimede, ma in realtà è serissima: la severa Sarf ha decretato infatti che «i cartoni animati di Paperino e Topolino saranno banditi dagli schermi televisivi cinesi dalle 17 alle 21» (vale a dire le ore di massimo ascolto durante le quali i bambini cinesi restano incollati al video).

Il motivo che ha portato il Minculpop del Celeste Impero ad «arrestare» - oltre alla banda Bassotti - l'intera banda Disney è riconducibile all'esigenza di «creare un ambiente favorevole soprattutto in previsione delle Olimpiadi, che si terranno dall'8 al 24 agosto a Pechino».

In quell'occasione tutti gli occhi del mondo saranno puntati sulla Cina e i «prodotti locali» dovranno offrire il meglio di sé. E tra gli articoli made in China di maggiore prestigio figurano proprio i cartoon «indigeni» che dovranno mantenere un «rapporto di 7 a 3 con le analoghe produzioni straniere».

La linea autarchica che relega in seconda serata Gambadilegno e il commissario Basettoni coincide conia campagna di «moralizzazione del contenuto delle trasmissioni televisive e radiofoniche» che, secondo la politica promossa dal presidente Hu Jintao, devono riflettere «un'immagine armoniosa della società».

Dalla Walt Disney non è arrivato finora nessun comunicato ufficiale, un silenzio che la dice lunga sulla sorpresa che la notizia deve aver provocato nella casa editrice più amata di Paperopoli.

Il primo divieto ai cartoni stranieri -dalle 17 alle 20 - era stato imposto nell'estate del 2006, anch'esso motivato dalla necessità di proteggere l'industria locale, che nel 2007 ha prodotto 186 cartoni con un aumento del 23% sull'anno precedente. Ora è arrivata l'ulteriore «restrizione». Contro la quale i siti interattivi sul web registrano decisi (ma sempre composti) commenti, del tipo: «Non ci sarà più concorrenza e i cartoni cinesi non avranno lo stimolo a migliorare»; «La chiave è migliorare la qualità dei cartoni cinesi, la gente li guarderà quando saranno migliorati».

Nino Materi
per "Il Giornale"

Ultimi Video

  • Sky Wifi, la visione del futuro

    Sky Wifi, la visione del futuro

    Solo chi ha sempre creduto nell’innovazione e nella creatività è in grado di immaginare il futuro.  E solo chi è in grado di immaginarlo può trasformare quella v...
    S
    Sky
      giovedì, 18 giugno 2020
  • ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    La sfida Cina – Stati Uniti, il ruolo dell’Europa, il nuovo ruolo delle città intelligenti e le opportunità nei settori del turismo, della cultura, dei trasporti e dell&rsquo...
    S
    Satellite
      mercoledì, 20 maggio 2020
  • ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    Ecco il primo Tech Talk organizzato da Comunicare Digitale in collaborazione con Natlive. Personalità di grandissimo livello si sono confrontate Martedì 28 Aprile per questo primo approf...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 28 aprile 2020

Palinsesti TV