Crisi Dahlia Tv - Filmmaster: ''Per ora proseguiamo''. La voce dei sindacati

News inserita da:

Fonte: Asca

D
Digitale Terrestre
  lunedì, 17 gennaio 2011
 00:00
Crisi Dahlia Tv - Filmmaster: ''Per ora proseguiamo''. La voce dei sindacatiLe trasmissioni di Dahlia Tv proseguiranno ''in attesa di notizie relative agli sviluppi societari. Lo annuncia l'amministratore delegato di MadeFilmmaster Television, Filippo Chiusano, in un comunicato nel quale ''prende atto e ringrazia i giornalisti della redazione e tutto il personale di produzione e di emissione per il loro atteggiamento serio e responsabile a tutela degli abbonati di Dahlia TV e dei tifosi delle squadre di Serie A e Serie B le cui partite sono trasmesse da Dahlia"

Nella nota Chiusano spiega di ''aver informato il liquidatore di Dahlia, Dott. Mauro Paoloni, della propria volontà di proseguire le trasmissioni, in attesa di notizie relative agli sviluppi societari"

Esplorare tutte le opzioni possibili che salvaguardino l'occupazione diretta e dell'indotto ed ''evitare che carenze regolatorie consentano di fatto la chiusura del nuovo mercato del digitale televisivo, producendo, oltre all'impatto sui livelli occupazionali, anche l'effetto di scoraggiare gli investitori stranieri ad essere presenti nel nostro Paese'. Così, in una nota, le Segreterie Nazionali SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL che giovedì scorso hanno incontrato i rappresentanti del Liquidatore di Dahlia TV ''per acquisire informazioni sulla effettiva situazione ed esaminare le soluzioni possibili atte a garantire continuità di lavoro ai dipendenti e ai lavoratori dell'indotto''.

Nel corso dell'incontro, si legge nel comunicato, "da parte aziendale sono stati illustrati i motivi che hanno determinato l'attuale crisi di Dahlia TV, riconducibili essenzialmente alle scelte di Lega Calcio sulla vendita dei diritti del calcio, intervenute soltanto un mese prima dell'avvio del campionato, che hanno messo in condizione di grave svantaggio competitivo l'azienda. Nonostante gli investimenti sostenuti nell'anno e mezzo di attività di Dahlia di circa 110 mln. di Euro, visti anche i costi di affitto della capacità trasmissiva, la situazione è apparsa alla maggioranza degli azionisti non più sostenibile. Da qui la decisione di mettere la società in liquidazione." I rappresentanti del Liquidatore hanno preannunciato alle Organizzazioni Sindacali l'intenzione di aprire rapidamente la procedura di mobilità nei confronti dei lavoratori interessati.

Le Segreterie Nazionali SLC FISTEL e UILCOM "rimarcando negativamente l'assenza di precedenti relazioni sindacali con Dahlia TV, piu' volte sollecitate, hanno chiesto di esplorare tutte le opzioni possibili che salvaguardino l'occupazione diretta e dell'indotto e l'apertura del mercato digitale televisivo, aggiungendo che intendono richiedere anche ad altri interlocutori coinvolti nella vicenda (il Gruppo TI Media che affitta capacità trasmissiva a Dahlia TV) di farsi parte attiva nella ricerca di tali soluzioni. Il settore televisivo, osservano le sigle sindacali, è già colpito da notevoli difficoltà occupazionali e dalla riorganizzazione legata al passaggio al digitale terrestre e non si può accettare di perdere neanche un posto di lavoro.

Il nodo della vicenda, è peraltro quello della regolazione del mercato televisivo e dunque è necessaria l'attivazione dei livelli istituzionali competenti in materia, tant'è che le organizzazioni Sindacali hanno immediatamente sollecitato il Ministro Romani ad intervenire, richiedendogli un incontro urgente. Va assolutamente evitato che carenze regolatorie consentano di fatto la chiusura del nuovo mercato del digitale televisivo, producendo, oltre all'impatto sui livelli occupazionali, anche l'effetto di scoraggiare gli investitori stranieri ad essere presenti nel nostro Paese. Le parti si sono aggiornate alla sera del 19 gennaio per valutare gli sviluppi che potranno determinarsi a seguito degli interventi sopra citatì"

Ultimi Video

Palinsesti TV