Il 2012 sarà l'anno delle TV, in particolare delle Smart TV

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

H
HiTech
  mercoledì, 25 gennaio 2012
 10:24

Si è da poco conclusa l’edizione 2012 del CES (Consumer Electronics Show) e il messaggio da Las Vegas è chiaro: se il tablet è stata la mania dell’anno scorso, il 2012 è l’anno delle TV, in particolare delle Smart TV. Il più amato dispositivo casalingo nel prossimo futuro sarà sempre più intelligente e connesso.

Si prospetta un futuro radioso per le Smart TV
nel 2012 e sorge dunque l’imperativo per gli inserzionisti di sfruttare appieno le opportunità che questo nuovo mezzo presenta. Secondo quanto riportato da Strategy Analytics, si stima che sono stati oltre 400 milioni i dispositivi Smart TV in uso alla fine dello scorso anno e 1,6 miliardi saranno installati in tutto il mondo entro il 2014.

Nel presente intanto, un'ondata di innovazione del settore TV invade Las Vegas
. Al Ces 2012 i maggiori brand di tecnologia presentano le loro novità: Crystal Led display, capaci di mandare in onda colori al limite del credibile, social TV, Smart TV con tecnologia organica rigorosamente OLED, TV-set LCD LED con tanto di connettività WiFi, interfaccia dedicata per Smart TV e app per l'accesso a Hulu, YouTube e Facebook.

In concomitanza con il rapido diffondersi delle nuove TV connesse in Rete, Luca Di Cesare, Managing Director Italia di smartclip (www.smartclip.com), leader europeo per il video advertising, prospetta le 5 maggiori tendenze del 2012 del settore Smart TV:

1. I grandi eventi spingeranno la domanda

Una recente ricerca di YouGov prevede che i grandi eventi sportivi in ​​programma per il 2012, come le Olimpiadi di Londra e il Campionato Europeo di calcio, saranno driver determinanti per guidare le vendite di Smart TV. Le Smart TV sono, infatti, in grado di fornire agli spettatori informazioni supplementari sulle gare e connettere i social media con il contenuto del video, così che le persone possano condividere le loro esperienze di visione in tempo reale. Inoltre, la possibilità di accedere a contenuti on-demand in viaggio sarà cruciale, per permettere a tutte le persone fuori casa di assistere ai maggiori eventi sportivi, dove e quando lo desiderano.

2. Presenza multicanale

Luca di Cesare, Managing Director Italia di smartclip, avverte “le Smart TV aprono un mondo di opportunità per gli inserzionisti. La presenza del brand su più piattaforme consentirà di offrire soluzioni adv sempre più mirate ed efficaci. Solo per fare un esempio, Apple TV aggiunge all’ecosistema digitale di Apple un altro canale social per i consumatori, trasformando il salotto di casa in un centro multimediale completo. Poiché Apple TV è perfettamente sincronizzata con tutti gli altri dispositivi e con iCloud, capitalizza sul marketing multicanale per raggiungere i consumatori attraverso diversi device. I video sono da considerarsi come l’unico contenuto visualizzabile su qualsiasi piattaforma, dal PC all’iPad, dallo smartphone alle Smart TV. smartclip ha maturato una profonda conoscenza del mercato del video advertising, ed è oggi in grado di studiare soluzioni adv di video pre-roll, l’unico formato che è già uno standard multiplatform, per aiutare gli editori a monetizzare i propri contenuti video premium e gli investitori a pianificare campagne ad altro impatto su molteplici dispositivi.”

3. Social TV
Scambiarsi opinioni in tempo reale con altri spettatori di un programma televisiv
o sta diventando un’abitudine. Il Social TV Trends Report 2011 rivela che oltre tre quarti della popolazione interagisce con altre tecnologie mentre guarda la TV. Per esempio, il 43% degli inglesi commenta lo show TV che sta guardando su Twitter, Facebook o tramite i telefoni cellulari, mentre il 76% naviga in rete, utilizza una game console o ascolta la radio, intanto che la televisione è accesa. Le emittenti TV combineranno video-on-demand, video web e le community di Twitter e Facebook in modo da dare al proprio pubblico la possibilità di interagire con i contenuti televisivi preferiti e prolungare l’esperienza di intrattenimento, mentre agli inserzionisti sarà offerto un modo innovativo per proporsi all’audience.

4. Libertà di domanda

Avendo accesso a tutti i propri contenuti da un unico dispositivo, i consumatori potranno fruire dei propri video dove e quando vogliono. Le Smart TV aggiungono una nuova dimensione alla visione, rendono la vita dello spettatore più facile, con contenuti sempre nuovi e slegati dal palinsesto. Con la possibilità di navigare in Internet dal proprio televisore, si potrà ripetere l’esperienza dal proprio tablet, dalla console di gioco e dallo smartphone con un solo click. Con la Smart TV, gli spettatori potranno votare, accedere a rich-content, blog, tweet e a una infinità di applicazioni, il tutto tramite le impostazioni del loro televisore.

5. L'interattività è la chiave

L’interactive video advertising online sarà efficace nell'era delle Smart TV e offrirà la possibilità agli inserzionisti di produrre contenuti sempre più sofisticati. Gli annunci pubblicitari dovranno essere coinvolgenti e significativi per il target, e ciò spingerà i brand a diventare più creativi.
Dalla gamification della TV alla rivoluzione dell’advertising partecipativo, il valore aggiunto dell’interattività dei contenuti è arrivato a maturazione industriale e conseguentemente, inizia a monetizzare.

Conclude Shirlene Chandrapal, VP Connected TV di smartclip “La maggior penetrazione delle Smart TV consentirà agli inserzionisti di conoscere in maniera approfondita il comportamento del pubblico davanti allo schermo, per poter meglio indirizzare i propri messaggi in maniera efficace. Le Smart TV offrono nuove soluzioni di intrattenimento per la televisione, film, musica e consentono ai consumatori di collegarsi intuitivamente alle nuove forme di entertainment da diversi dispositivi e in qualsiasi posto si trovino. I brand si troveranno in un contesto altamente competitivo in cui dovranno essere ancora più agguerriti per conquistare l’attenzione del consumatore, sempre più frammentata tra innumerevoli messaggi e stimoli che derivano dai molteplici dispositivi”.

Ultimi Palinsesti