Antonio Conte, al centro dello speciale Sky Sport con Giorgio Porrà

Antonio Conte, al centro dello speciale Sky Sport con Giorgio Porrà

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  venerdì, 27 settembre 2019
 06:00

Antonio Conte, al centro dello speciale Sky Sport con Giorgio PorràVenerdì 27 settembre, alle 22.30 su Sky Sport Uno riparte “L’Uomo della Domenica”, il programma di storytelling scritto e condotto da Giorgio Porrà. La nuova stagione parte con Antonio Conte, neoallenatore dell’Inter. La puntata andrà in onda da domani, vigilia di una settimana importante per i nerazzurri, che li vedrà impegnati con la Sampdoria (sabato 28 settembre ore 18 diretta su Sky Sport Serie A e Sky Sport 251), con il Barcellona in Champions League (mercoledì 2 ottobre ore 21 diretta su Sky Sport Uno e Sky Sport 252) e poi nel test match contro la Juventus (domenica 6 ottobre ore 20.45 diretta su Sky Sport Uno e Sky Sport Serie A).

Dopo la quinta vittoria dall’inizio del campionato - record per un allenatore al primo anno all’Inter e record personale di Antonio Conte – l’allenatore pugliese è l’uomo del giorno e tutti attendono la sua prossima prova. Porrà  da domani invece racconterà l’avventurosa biografia del mister dagli occhi di ghiaccio.

“Antonio Conte e la sua visione totalizzante – lo presenta Porrà -. L'uomo che coinvolge e sconvolge, per la leadership dominante, la durezza del metodo, la potenza del messaggio, la rapidità nel portare risultati. Nell'Inter intende riprodurre, alla sua maniera, l'epica mourinhiana, magari spandendo persino più in là il fuoco dell'ambizione. La diversità è quella di chi si impone creando spogliatoi setta, alchimie prodigiose, rivalità sanguinose. Di chi sa vincere al primo colpo in mezzo a qualunque tempesta. Antonio Conte è tornato nel calcio italiano per ribadire la sua convinzione di essere il migliore.”

BEPPE SEVERGNINI:

"Conte è incontentabile, incontenibile, incontestabile. Era così a Siena, a Bari, a Torino, a Londra. Era così in Nazionale. Vedrete: sul palcoscenico interista andrà in scena uno spettacolo avvincente".

ALEX DEL PIERO:

“Ha un focus per il calcio e per il suo lavoro al 100% se non di più, e prende la cosa proprio a livello personale, quindi riesce a trasmettere tutto se stesso nel bene e nel male, molto spesso nel bene per le sue squadre con una voglia di vincere pazzesca, una determinazione pazzesca.”

FABIO CAPELLO:

“Lui giocatore è stato un centrocampista dinamico, con discrete qualità, ma aveva soprattutto una qualità che pochi centrocampisti hanno, la capacità di sapersi inserire e di riuscire anche a fare dei gol.”

ANTONIO CONTE:

"L'insieme dei risultati che ho ottenuto mi hanno cucito addosso una certa immagine. Io creo aspettative. Sono otto stagioni che in serie A non si lotta per il primo posto. Io e l'Inter vogliamo cambiare questo stato di cose. Non dobbiamo essere scintilla, ma dinamite".

GIORGIO PORRA:

"Conte l'incontentabile. Che edifica squadre vincenti plasmandole sulle sue ossessioni. Che se ne infischia di mode, di suggestioni avanguardiste. Che imbottisce ogni missione di furori sacchiani. Che trasforma i veleni in energie, com'era accaduto nel dopo Slavia. Conte l'incontenibile, che insegna solo il suo calcio doc, quello che punta al costante superamento dei limiti, senza barocchismi, urgenze estetiche, ideologie da fondare. Con quel cinema a bordo campo a svelarne di continuo le pulsioni da rockstar.

Conte l'incontestabile, almeno per adesso, perchè la sua nuova Inter, nelle versioni più brillanti, sembra strutturarsi al meglio attorno al suo ferreo dogmatismo, alla sua necessità di imporre la potenza del pensiero collettivo. Del resto è su questa coerenza di metodo, di filosofia, che poggia il suo vangelo, la narrazione dei successi. Certezze che lanciarono la sua Juve verso tre titoli in sequenza, il primo da imbattuta, il terzo col record di punti, che agitarono quella Nazionale operaia che sbalordì l'Europa con la sua furia rottamatrice.

Il copione si rinnova, ma il linguaggio non cambia. L'Inter è stata indottrinata per blindarsi dietro, costruire dal basso, pensare in verticale, intimidire sulle fasce, distribuire le responsabilità offensive. E' stata addestrata per assecondare l'indole dinamitarda del suo comandante. Sinora ha trovato in Sensi il valore aggiunto, in Godin la leadership inseguita, in Lukaku il bomber totale. Un gruppo di granito, mentalmente già adulto, mai sordo alle insistenti sollecitazioni di chi lo guida. Capace di fare punti anche nelle notti in cui subisce a lungo la fantasia altrui, come davanti alla Lazio, con Handanovic migliore in campo, con D'Ambrosio goleador a declinare nel modo più efficace il concetto di club orchestra, con Barella a far impennare le sue quotazioni.

Altra conferma, la sostanza al potere, per Conte non esiste spettacolo più appagante. L'Inter insiste nel fare corsa solitaria, consapevole di aver già risolto il primo problema, convertire al suo progetto anche chi contestava al tecnico i cromosomi bianconeri. E' solo l'inizio, e i decolli di Conte, dal Bari al Chelsea, non hanno mai deluso. E guardando più in là, legittimo supporre che le sue ambizioni si dilateranno ulteriormente.

L'idea è quella di incidere anche sui cardini dell'Interismo, per ripulirlo di quella spiccata tendenza al masochismo, che negli anni, in troppe circostanze, non solo in quel maledetto 5 Maggio, ha finito per trasformarsi in vocazione al martirio. Su Conte, sul suo solido pragmatismo, certa decadente, romantica letteratura non potrà mai fare presa, la pazza Inter è stata spedita in analisi, la sua già racchiude sapori vagamente mourihani, dispone di un vocabolario nel quale la parola sofferenza fa rima solo con vittoria.

Per questo, per molto altro ancora, Antonio Conte è il primo “Uomo della Domenica” stagionale. Perchè sinora, in questo avvio, nessuno, con più prepotenza di lui, ha messo in chiaro il proprio disegno. Imporsi come l'unico, indiscusso, uomo dell'anno

“L’Uomo della Domenica – Antonio Conte” è disponibile anche on demand e su Sky Go.

“L’UOMO DELLA DOMENICA - DISCORSO SU DUE PIEDI”

ANTONIO CONTE  - YES, I CAN

  • Venerdì 27 settembre
    alle 22:30 su Sky Sport UNO e alle 23:00 su Sky Sport Serie A
  • Sabato 28 settembre
    alle 13:30 su Sky Sport Serie A e alle 23:45 su Sky Sport Uno
  • Domenica 29 settembre
    alle 13:00 su Sky Sport Serie A e alle 20:00 su Sky Sport Football

Disponibile anche su on demand e Sky Go

Ultimi Video

Palinsesti TV