#SkyBuffaPresenta, Andrés e Pablo: i due Escobar su Sky Sport

#SkyBuffaPresenta, Andrés e Pablo: i due Escobar su Sky Sport

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  venerdì, 26 giugno 2020
 12:45

«Come direbbe il cinemaniaco, buona visione!»

[Federico Buffa]

#SkyBuffaPresenta, Andrés e Pablo: i due Escobar su Sky Sport«Andrés e Pablo: i due Escobar», è il quinto appuntamento di #SkyBuffaPresenta. Smessi solo temporaneamente i panni del narratore, Federico Buffa accompagna in apertura e chiusura il ciclo di documentari dedicati a grandi personaggi e squadre leggendarie dello sport mondiale. Storie forti e vere, intrinseche dei valori che lo sport nella sua massima espressione è in grado di trasmettere. Questa settimana, in onda, “Andrés e Pablo: i due Escobar”. La straordinaria e tragica ascesa e caduta del calcio colombiano, tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, sarà raccontata attraverso i suoi due principali protagonisti Andrés e Pablo, due anime diverse, che con ruoli diversi per sorte avranno in comune due aspetti  cui saranno per sempre indissolubilmente legati: il cognome e la passione per il calcio.

Era nelle mire del Milan di Capello Andrès Escobar, il calciatore colombiano passato tristemente alla storia per essere stato ucciso a causa di un autogol provocato alla sua nazionale di calcio. Lo racconta Federico Buffa nel suo commento al film "The Two Escobars (Andrés e Pablo: i due Escobar)", che questa sera su Sky Sport rievoca una delle più incredibili vicende sportive mai scritte dalla Storia.

Lo hanno diretto i registi Jeff e Michael Zimbalist, con un accuratissimo lavoro di documentazione sulla Colombia degli anni '90, ovvero uno stato trasformato in far west dalla criminalità organizzata del cartello di Medellin, che ne aveva preso il totale controllo. Il patron di quella gang criminale era un omonimo del calciatore ucciso, anche lui tristemente famoso: Pablo Escobar. Al tempo dei fatti è già stato eliminato (si dice dalla CIA), ma la sua famiglia controlla ancora tutto, compreso il calcio colombiano, una delle grandi industrie del Paese.

Pablo Escobar è un boss ma anche un grande sponsor delle squadre di calcio di Medellin e, in occasione dei Mondiali del '94, della nazionale colombiana, con l'intenzione di portarla al titolo e cavalcarne la popolarità.

Il suo omonimo Andrès Escobar è il capitano di quella nazionale (forse la più forte di sempre), un difensore di grande talento, spinto da passione e patriottismo, ma con la sfortuna di vedersi rimbalzare sulla gamba un pallone che finisce nella rete del suo portiere.

Quell'autogol contro gli Stati Uniti nel Mondiale americano, l'unico nella carriera di Escobar, sarà fatale per le speranze della sua squadra. In Colombia tutto ha un prezzo, anche la vita. Nel calcio vale tutto, tranne una cosa: la morte. Due leggi opposte che si specchiano nella storia dei due Escobar, il cognome più tipico del Paese.

Il coraggioso Docufilm americano indaga sugli intrecci tra il crimine e lo sport ai tempi dei cartelli del narcotraffico. La sorella di Andrès ne racconta l’infanzia difficile e il carattere forte, la lotta per farcela nel calcio. L'ex allenatore Maturana spiega le doti del giovane calciatore: elegante e altruista, lo definiscono "il gentiluomo del calcio". Lo ricordano i suoi ex compagni di squadra rivelando anche la loro paura di entrare in campo. Eppure la nazionale colombiana è forte, vince molte partite internazionali, vediamo le più belle azioni di gioco commentate dalle tipiche telecronache sudamericane, riviviamo le qualificazioni ai mondiali con le azioni vincenti e la esaltante vittoria sull'Argentina. I ragazzi di Maturama diventano un dream-team, bandiera di un Paese poco amato nel mondo. Il presidente colombiano telefona loro, uno ad uno, per motivarli prima delle partite importanti. I colombiani si identificano sempre di più con la loro Nazionale. La squadra ne è orgogliosa anche se avverte l'ostilità internazionale che la identifica con il narcotraffico. L'obiettivo dei giocatori è quello di cambiare l'immagine della Colombia. 

Alla vigilia della Coppa del Mondo degli Stati Uniti nel 1994, un personaggio come Pelé dichiarava che la Colombia per lui era la squadra favorita per la vittoria. Ma dietro la partecipazione della selecciòn cafetera si dipanano retroscena inimmaginabili, che il documentario ricostruisce puntualmente. Trame politiche ed efferatezze criminali che alla fine conducono ad una unica tragedia simbolica, quella di un bravo giocatore di calcio che perde la vita per un banale errore in campo. La maglia numero 2 di Andrès Escobar, ricorda Buffa nel suo commento, sarà poi indossata anche dal futuro interista Ivan Ramiro Cordoba, forse rivolgendo uno sguardo al cielo dove, si pensa in Colombia, brilli una stella per ogni defunto, soprattutto se ucciso per un autogol.

Appuntamento da non perdere con #SkyBuffaPresenta: Andrés e Pablo: i due Escobarda venerdì 26 giugno alle alle 23.45 su Sky Sport Uno e disponibile on demand.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI -  A luglio, spazio a storie che in modi diversi trattano protagonisti dei Giochi Olimpici: il 3 luglio “9,79 - 100 metri di vergogna”, sulla storia di Ben Johnson, recordman sui 100 metri alle Olimpiadi di Seul del 1988; il 10 luglio “I am Ali”, uno sguardo emozionante all’uomo dietro la leggenda, Muhammad Alì, campione ai Giochi di Roma del 1960; il 17 luglio “I am Bolt”, Usain Bolt, un’icona dell’atletica leggera e dello sport intero. Il 24 luglio “Ferrari 312B”, sulle fasi del restauro di una macchina considerata un capolavoro di ingegneria e meccanica, voluto da Paolo Barilla, con interviste ai piloti che l'hanno guidata e al progettista Mauro Forghieri; il 31 luglio “The class of 92”, documentario che celebra la storia del Manchester United e dei suoi fab six: i sei calciatori diventati star, David Beckham, Nicky Butt, Ryan Giggs, Paul Scholes, Phil e Gary Neville. Dalla vittoria della FA Youth Cup nel 1992 al trionfo della Champions League nel 1999 con relativo triplete, la narrazione ripercorre i trionfi di quella squadra intrecciandoli ai cambiamenti sociali e culturali in atto in Gran Bretagna, arricchito dalle interviste agli ex calciatori Zinedine Zidane ed Eric Cantona, all'ex allenatore del Manchester United Eric Harrison, al regista Danny Boyle, all'ex Primo Ministro Tony Blair e a Mani, bassista degli Stone Roses.

PROGRAMMAZIONE
OGNI VENERDÌ ORE 22.30 SU SKY SPORT UNO e NOW TV. On demand su Sky

  • 26 giugno 2020 - Andrés e Pablo: i due Escobar (questa settimana andrà in onda alle 23.45)
  • 03 luglio 2020 - 9,79 - 100 metri di vergogna
  • 10 luglio 2020 - I am Ali
  • 17 luglio 2020 - I am Bolt
  • 24 luglio 2020 - Ferrari 312B
  • 31 luglio 2020 - The class of 92

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV