Digital-News.it Logo
Foto - Studio 6 Sky intitolato a Gianluca Vialli, tributo al suo contributo e alla sua leggenda

Studio 6 Sky intitolato a Gianluca Vialli, tributo al suo contributo e alla sua leggenda

News inserita da:

Fonte: Digital-News (original)

S
Sky Italia

«Oggi il Club è più ricco. Da oggi siamo tutti un po' più ricchi qui a Sky, perché lo studio 6, lo studio dal quale trasmettiamo anche il Club, da oggi è intitolato a Gianluca Vialli, che in questo studio ha passato praticamente tutta la sua carriera a Sky. Da qui trasmettevamo la Champions, da qui ha condotto le sue trasmissioni, Vialli è sempre presente nei nostri pensieri, nei nostri ricordi ed è sempre un esempio per noi che abbiamo lavorato a Sky in tutti questi anni e che continuiamo a lavorare Sky e anche per quelli che da domani lavoreranno a Sky, perché il suo modo di fare, il suo modo di interpretare la professionalità, la dedizione, ma anche la grande amicizia che ci ha regalato, i consigli quotidiani di tutti i giorni, hanno fatto di Vialli quello che è diventato e cioè una leggenda e allora da oggi lo studio 6 è lo studio Gianluca Vialli lo diciamo, possiamo dirlo con un po' di emozione tutti noi perché lo sentiamo tanto vivo Gianluca tutti eravamo molto amici di Luca abbiamo condiviso un sacco di vita un bel pezzo di vita con lui e quindi siamo molto felici di questo.»

Così Fabio Caressa, in apertura della puntata di ieri sera di "Sky Calcio Club", il programma di approfondimento della domenica sera in onda su Sky Sport ha voluto omaggiare il ricordo di Gianluca Vialli con l'intitolazione dello studio 6 del centro di produzione televisiva di Sky Italia a Milano Santa Giulia.


Gianluca Vialli a Sky Sport, 15 anni di competenza e stile nel racconto del calcio15 anni con Sky Sport. Preparatissimo e puntiglioso, allo stesso tempo divertente - ed elegantissimo - davanti a una telecamera. Entrato nella squadra di Sky Sport nel 2003, Vialli ha raccontato i principali eventi, tra cui i Mondiali e la Champions. Ha fatto coppia con Paolo Rossi in “Attenti a quei due”, ha condotto “Codice Rosso” e ricoperto il ruolo di talent per molte campagne Sky, fino al 2018. Ma era soprattutto, per tantissimi, un amico

Gianluca ha fatto parte della squadra di Sky Sport dal 2003 e fino al 2018. Per 15 anni ha portato la sua competenza e preparazione in tv. Conduttore, "talent"-come si usa dire a Sky- in studio e inviato nei grandi eventi calcistici. Vialli è stato anche il volto di tante campagne e promo della piattaforma Sky  

Già nel 2006 Gianluca fa parte della "squadra mondiale" di Sky insieme, tra gli altri, a Paolo Rossi, Ilaria D'Amico e Giuseppe Bergomi

Nel 2007 Gianluca e Paolo sono i protagonisti di "Attenti a quei due” (titolo ispirato al telefilm più celebre degli anni ’70). I due ex calciatori conducono - con l'ausilio di una voce fuori campo- il programma di commento alla Champions tra interviste e gol. E tante risate. Rossi e Vialli nella sigla della trasmissione si rifanno al duo Danny Wilde e Lord Brett Sinclair, interpretati rispettivamente da Paolo (nel ruolo che fu di Tony Curtis) e Gianluca  (che veste i panni di Roger Moore)

Gianluca è stato volto della Champions League di Sky Sport per moltissimi anni con Fabio Guadagnini prima e poi con Fabio Caressa alla conduzione

Nel 2014, da un'idea di Fabio Caressa, nasceva "Codice Rosso". Un ciclo di docu-inchieste di Sky Sport 24 sul mondo del calcio. Vialli ne era il volto e non solo. A Gianluca era infatti affidato il compito di analizzare il momento di crisi del calcio, stimolando idee per ricostruirne l’immagine e la competitività

LA SCHEDA - CHI ERA GIANLUCA VIALLI | Gianluca Vialli se n'è andato nel giorno dell'Epifania, a 58 anni, in una clinica di Londra, lontano dai clamori del mondo del calcio che ha amato e del quale è stato protagonista assoluto, fra gli anni '80 e '90. Prima che il tumore lo mettesse ko, ha vinto tutto quello che poteva. Nato a Cremona il 9 luglio 1964, il suo talento, la gioia che trasmetteva fuori dal campo hanno segnato un'epoca. Così come la sua amicizia con l'attuale ct dell'Italia, Roberto Mancini. Loro due, assieme a un 'gruppo di amici', hanno issato la Sampdoria di Paolo Mantovani (per Gianluca un secondo padre) sul tetto del campionato di Serie A e non solo: le hanno permesso di arrivare un minuto dalla Coppa dei Campioni, vinta a Wembley dal Barcellona grazie a un siluro sparato da Ronald Koeman su punizione. E dire che, in quella sera londinese, Vialli fu più volte a un passo dal vantaggio, graziando il portiere Zubizarreta. Eroe di un calcio senza tempo, icona di spensieratezza e enorme simpatia, poi di eleganza; quell'accuratezza nel vestire, quel suo sapersi mostrare con classe e stile, gli hanno fatto meritare il soprannome di lord del calcio. Nella sua formazione ha influito anche l'ironia di un personaggio assolutamente sopra le righe - dissacrante e carismatico - come Vujadin Boskov. Vialli iniziò la sua carriera da professionista con la maglia della Cremonese, prima di passare alla Sampdoria nel 1984. In blucerchiato ha vissuto le stagioni più intense, vincendo tanto fra Coppa Italia, lo scudetto 1990/91, la Supercoppa Italiana; il titolo europeo per club se lo prese con la Juventus, nella stagione 1995/96, battendo ai rigori l'Ajax nella finale dell'Olimpico di Roma. In bianconero avrebbe rivinto lo scudetto e molti altri trofei, prima di finire al Chelsea come giocatore e, poco dopo, diventandone anche allenatore.

Non gli sono mancate le soddisfazioni in azzurro, dove ha cominciato a segnare nelle giovanili, diventando ad esempio capocannoniere dell'Europeo Under 21 nel 1986, finito alle spalle della Spagna. Intanto, però, era già entrato nel giro della Nazionale maggiore, chiamato da Enzo Bearzot che lo portò ai Mondiali in Messico, dove fu protagonista, sostituendo spesso Bruno Conti sulla fascia destra. All'Europeo 1988, in Germania Ovest, Azeglio Vicini lo schierò nel suo ruolo naturale di centravanti e, l'anno dopo, indossò per la prima volta la fascia da capitano, prima di prendere parte al Mondiale del 1990 che si rivelò una grande delusione per l'Italia e anche per l'attaccante: la sua esperienza con la maglia azzurra sulle spalle si chiuse nel 1992, con un totale di 59 presenze e 16 reti.

Nello stesso anno passò alla Juventus, per quattro stagioni ricche di soddisfazioni. gol e trofei, tra i quali anche la Coppa Uefa e un'altra Supercoppa Italiana, Seguì un triennio al Chelsea, in un'Inghilterra che sarebbe diventata la sua seconda casa. Con i 'Blues' arrivarono altri successi e l'opportunità di cominciare la carriera di allenatore, prendendo il posto sulla panchina di Ruud Gullit, come play manager, riuscendo a portare a casa a fine stagione 1997/98 anche una Coppa delle Coppe. Altre due stagioni e altrettanti trofei non bastarono a evitargli l'esonero nel settembre 2000 e la successiva esperienza al Watford durò un anno solo, convincendolo a guardarsi intorno e trovando una nuova passione nel ruolo di opinionista e commentatore tv. Durante la prima permanenza al Chelsea diventò bersaglio delle accuse di Zdenek Zeman che, nel 1998, rilasciò l'intervista in cui parlava di esplosioni muscolari di alcuni calciatori, fra i quali proprio Vialli. Gianluca non gli perdonò mai quelle dichiarazioni.

Inserito nella Hall of Fame del calcio italiano nel 2015, Vialli si era riavvicinato alla Nazionale fra il 2019 e il 2020, quando - pure in lotta con il tumore al pancreas che lo aveva colpito dal 2017 - fu nominato dalla Federcalcio capo delegazione, al fianco del ct e amico di sempre Mancini. In tempo per festeggiare proprio a Londra il trionfo agli Europei, con un abbraccio da brividi e il pianto liberatorio fra i due ex 'gemelli del gol' sampdoriani al termine della finale di Wembley: quel frame resterà nella storia azzurra e non solo Soprattutto ora che il Lord del gol se ne è andato. Con garbo e stile, come da personaggio, raggiungendo altri grandi del calcio.

📰 LE ULTIME NEWS 🖊️

📺 ULTIMI PALINSESTI 📝

✨ ARCHIVIO VIDEO 🎥 TRE CASUALI OGNI VOLTA! 🔄✨

  • Il nuovo spot di Sky con le esclusive calcistiche della prossima stagione

    Dopo lo spot interpretato da Stefano Accorsi in cui si esaltano sulle qualità del nuovo servizio Sky on Demand in partenza il 1° Luglio, il richiamo degli Europei di Calcio in onda sui canali Rai viene sfruttato da Sky per lanciare i primi spot relativi alla prossima stagione ...
    S
    Sky
      martedì, 12 giugno 2012
  • HBBTV & TV 4.0 (#2) Tech Talk (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Martedi 3 Novembre decimo appuntamento con la nuova stagione dei TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e spagnola, sui temi dei Media, Digitale, Telco, Tecnologia, Industria ed Innovazione. Tech Talk dedicato ...
    D
    Digital-News LIVE
      martedì, 03 novembre 2020
  • La scomparsa di Pietro Mennea: il video con i celebri 200 metri a Mosca 1980

    Ammirando la figura di Pietro Mennea si ha l'impressione di imbattersi in un personaggio appartenente alla leggenda. Un mito per l'atletica mondiale oltre che azzurra, una personalità forte, forgiatasi nel «sud», terra diffidente e di silenzi, ma un profilo esatto dello sprinter più veloce e più testardo mai avuto in Italia risulta essere o...
    S
    Sport
      giovedì, 21 marzo 2013