Romani in Senato: ''A Rai e Mediaset solo metÓ delle frequenze analogiche''

News inserita da:

Fonte: Ansa

T
Televisione
  mercoled├Č, 04 giugno 2008
 00:00
Paolo RomaniRai e Mediaset controllano soltanto metà delle frequenze analogiche censite da poco dall'Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni in collaborazione con il ministero delle Comunicazioni.

Lo ha sottolineato il sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani, illustrando al Senato l'emendamento in materia di frequenze tv al decreto in materia di obblighi Ue, finito al centro delle polemiche nel corso del dibattito alla Camera e modificato dal governo per consentirne l'approvazione.

"In base al catasto delle frequenze - ha detto Romani - Rai e Mediaset ne gestiscono insieme circa il 50%: in dettaglio, la Rai ne controlla il 19%, Mediaset il 22%. Il 40% ├â┬Ę gestito invece dalle emittenti locali. Mi sembra un dato diverso rispetto a chi parla ancora di duopolio".

Quanto alla distribuzione delle frequenze digitali in Sardegna, prima regione passata completamente alla nuova tecnologia, il sottosegretario ha ricordato che "su circa 35 multiplex digitali, solo un terzo ├â┬Ę stato assegnato a Rai e Mediaset; pi├â┬╣ di un terzo ├â┬Ę andato alle emittenti locali, il restante terzo, cio├â┬ę 10 multiplex, ├â┬Ę stato assegnato ad altri soggetti come Telecom, Rete A, D-Free e H3G per i videofonini. Si ├â┬Ę anche creato un 'dividendo digitale' di due multiplex, cio├â┬ę la bellezza di dieci canali, che il ministero pu├â┬▓ attribuire a nuovi soggetti".

Il modello adottato in Sardegna, ha aggiunto Romani, "avviato dal governo Berlusconi, proseguito dall'esecutivo Prodi e poi oggi, ├â┬Ę stato riconosciuto come virtuoso anche dall'opposizione".

Pi├â┬╣ in generale, il sottosegretario ha ribadito che scopo dell'emendamento al dl-Ue ├â┬Ę "dare velocemente e concretamente risposte ai rilievi dell'Europa" che ha gi├â┬á avviato una procedura di infrazione a carico dell'Italia, per evitare il deferimento del nostro Paese davanti alla Corte di giustizia di Strasburgo.

Ultimi Video

Palinsesti TV