Ulisse, il piacere della scoperta: su Rai 3 una serie di 12 nuove puntate

Ulisse, il piacere della scoperta: su Rai 3 una serie di 12 nuove puntate

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

T
Televisione
  sabato, 05 marzo 2011
 06:00

Un appuntamento di Rai3 giunto all’undicesimo anno, firmato da Piero e Alberto Angela. Da sabato 5 marzo, in prima serata, una serie di 12 nuove puntate dedicate alla scoperta delle antiche civiltà del passato, alle esplorazioni e alla scienza.

Presentazione

I viaggi di “Ulisse” continuano anche quest’anno tra i grandi temi della scienza e della storia per accompagnare, ancora una volta, gli spettatori in mondi nascosti o in epoche del passato. “ Ulisse, il piacere della scoperta” è un appuntamento giunto all’undicesima edizione, firmato da Piero e Alberto Angela . Da sabato 5 marzo, in prima serata su Rai3, andrà in onda una serie di 12 nuove puntate dedicate alla scoperta di antiche civiltà, alla scienza e alle esplorazioni.

Alcune puntate di questa nuova edizione saranno ambientate nel grande studio televisivo il cui aspetto richiama un Foro Romano cioè un luogo dove, in antichità, si riuniva la gente, arrivavano notizie, circolavano idee e informazioni per poi essere diffuse e divulgate. La puntata d’inizio sarà un percorso a ritroso nella Roma antica, agli albori dell’Impero Romano. Con l’ausilio di film e ricostruzioni computerizzate si “vivranno in diretta” cruente battaglie e scenari mozzafiato compresa l’ antica Alessandria d’Egitto e il suo Faro, una delle meraviglie del mondo. Tre puntate speciali saranno realizzate interamente in esterna da Alberto Angela e saranno dedicate all’India dei maragià, al Canal Grande di Venezia, alla Civiltà degli antichi Greci e alle loro ricche colonie dell’Italia meridionale.

Per i grandi temi della scienza il programma dedicherà una puntata alla sessualità, osservata dal punto di vista psicologico, medico, comportamentale e un’altra al cervello, a quelle famose 100 miliardi di cellule che, comunicando tra loro, ci rendono umani. Una puntata sarà dedicata alla storia del continente americano, in un viaggio a ritroso, dalla New York di oggi sino alla preistoria.

Grande spazio alla storia del volo tra leggendari  piloti, dal Barone Rosso ai moderni piloti degli aerei da caccia dell’Aeronautica Militare  Italiana. Un curioso percorso intorno a una stanza: la cucina per scoprire origini e  curiosità  dei  cibi più comuni.

E ancora un viaggio intorno al mondo a bordo della Stazione Internazionale Spaziale Orbitante, per scoprire cosa succede nei 90 minuti che occorrono per compiere un intero giro della Terra. Una puntata  sarà dedicata a  uno dei giorni più  tragici  del nostro secolo: l’11 settembre 2001, il giorno  dell’attentato alle Torri Gemelle. Infine, partendo dall’epoca dell’Homo Sapiens si percorreranno le prime tappe della nascita della civiltà.

Le prime due puntate

Sabato 5 marzo, 21.30, Rai3.
Il primo appuntamento con “Ulisse, il piacere della scoperta” sarà dedicato alla nascita dell’Impero Romano, uno dei periodi più importanti per la Storia di Roma. Dal 44 a.C. quando Giulio Cesare muore assassinato agli ultimi istanti della Repubblica.  Attraverso le immagini del film “il Destino di Roma”, diretto da Fabrice Hourlier ricco di spettacolari ricostruzioni virtuali, si conosceranno più da vicino i protagonisti di questi anni cruciali. Bruto e Cassio, Antonio e Ottaviano,  sono l’uno contro l’altro. Saranno  anni di scontri sanguinosi in campo aperto e di vendette feroci. Dopo la battaglia di Filippi, i due vincitori si spartiranno l’Impero. Ottaviano l’Occidente, Antonio l’Oriente, con il favoloso Egitto di Cleopatra. Racconta la storia che, a causa della bella regina, i due generali vittoriosi scatenarono una guerra sanguinosa,  che si concluse  con la battaglia di Azio e la vittoria di Ottaviano che verrà chiamato Augusto e diventerà il primo Imperatore di Roma. La grafica al computer ricostruirà un mondo che non c’è più. Lo spettatore potrà comprendere la vera estensione dei campi di battaglia e cosa realmente volesse dire combattere duemila anni fa. Inoltre, si potrà vedere com’era l’Egitto di quel tempo, la splendida città di Alessandria con i suoi grandiosi palazzi e il Faro, una delle meraviglie del mondo. Non mancheranno le  curiosità, soprattutto, sulla regina Cleopatra. Era veramente così bella? E il suo naso, era davvero un nasone?

Sabato 12 marzo, 21.30, Rai3.
Il programma farà uno straordinario viaggio tra siti, colori e suoni dell’India delle meraviglie. Insieme ad Alberto Angela, per visitare mausolei, templi e residenze principesche di moghùl e maragià. Un percorso che attraversa un paese immenso, con più di un miliardo di abitanti e almeno 25 lingue. L’India è il paese  delle religioni più antiche, degli odori forti, degli sguardi penetranti, e delle  favolose ricchezze ma anche della povertà. Un paese con  una storia antichissima che ha lasciato  siti, templi, monumenti  tra i più spettacolari del nostro pianeta. Tappa ad Agra alla scoperta del Taj Mahal, il  monumento funebre  fatto costruire dal Gran  Mogol per la sua amata sposa morta giovane. Una costruzione simbolo dell’India che coincise con  un periodo di straordinaria ricchezza e tolleranza che ha visto il fiorire  delle arti e della cultura, un’epoca paragonabile, in un certo senso, al nostro Rinascimento.Il viaggio prosegue in  Rajahastan, la terra dei maragià, ricca di favolose città colorate.  Dalla mitica Jaisalmer costruita alle porte del deserto, la romantica Udaipur, fino alla capitale Jaipur, la città rosa, dove con un permesso speciale è stato concesso alla troupe di Ulisse di entrare nel cuore degli appartamenti privati della famiglia del maragià. Si “parteciperà” ad un matrimonio da “mille e una notte” e si potrà “salire” sulle lussuose automobili costruite apposta per i maragià. Poi, la storia del più famoso dei gioielli, il diamante koinhoor oggi sulla corona della regina d’Inghilterra. E infine, in “navigazione” sul fiume Gange, a cui l’India deve gran parte della sua ricchezza materiale e spirituale. L’India è la più grande democrazia al mondo, ma mantiene il sistema delle caste. E’ la nazione che ha più bovini al mondo, ma una parte della sua popolazione soffre ancora la fame. E’ un paese  in cui  quasi il 30% degli abitanti vive con  nemmeno due dollari al giorno, ma secondo le previsioni avrà, nel giro di venti anni un prodotto interno lordo che supererà quello di tutta l’Europa. E’ un paese dove la percentuale di analfabeti è ancora al 40%, ma, in pochi anni,  sarà anche quello che avrà più giovani laureati.

Ultimi Video

Palinsesti TV