Pier Silvio Berlusconi: ''Mediaset non è interessata ai diritti ex-Dahlia''

News inserita da:

Fonte: Ansa / TMNews

T
Televisione
  mercoledì, 23 marzo 2011
 15:48

Mediaset non è interessata al pacchetto televisivo offerto dalla rete Dahlia nel Calcio. Lo ha affermato oggi il vice presidente Pier Silvio Berlusconi durante l’incontro con gli analisti per la presentazione del bilancio Mediaset 2010.

“A noi non interessa in maniera particolare l’offerta che faceva Dahlia - ha detto - con le nostre 12 squadre siamo messi bene, abbiamo un equilibrio tra costi e ricavi e non sentiamo la mancanza delle altre 8. Sul pacchetto della serie B ci stiamo interrogando: non è nei nostri piani, vedremo però se la sua assenza nella nostra offerta ci può penalizzare”

"Vogliamo difendere e consolidare il valore editoriale e commerciale dei nostri canali free, mentre Premium ha una funzione difensiva nei confronti di un operatore in posizione dominante (Sky, ndr) che potrebbe influenzare tutto il mercato televisivo in Italia.Per Mediaset Premium pensiamo di non andare oltre il breakeven, cioè di creare profitto a breve termine, perchè riteniamo sia giusto continuare nella strategia di costruire un business a lungo termine, per il quale contiamo di investire dai 30 ai 40 milioni di euro, bisogna vedere come andranno le cose e come si evolverà il mercato".

"Siamo abbastanza convinti - ha aggiunto - che il peggio in termini di frammentazione degli ascolti sia arrivato e che nei prossimi mesi e anni ci sarà solo una fase di assestamento negli ascolti. Abbiamo ben chiaro che anche il 2011 sarà un anno da affrontare con spirito combattivo" in un quadro che presenta "nuove tecnologie e offerte, spettatori sempre più distratti ed il passaggio definitivo al digitale terrestre. La frammentazione dell' audience - ha sottolineato - è un fenomeno evidentissimo in tutto il mondo".

"In questo contesto - ha mostrato - nel 2010-2011 lo share complessivo di Mediaset (free e pay) è comunque rimasto al 41,4%, rispetto al 42,3% del 2006-2007, con un arretramento solo dello 0,9%. I dati 2010-2011 mostrano uno share Rai al 36,6%, Sky all'8,7% e di altri al 13,3%. Nel 2011, i costi di produzione televisivi aumenteranno del 3% per il lancio del canale all news".

"Stiamo lavorando su altri target che riteniamo avere un alto valore dal punto di vista pubblicitario, il prossimo canale tematico che lanceremo sul digitale terrestre avrà come target i giovani maschi. Sarà in sostanza la versione maschile di La5 e nascerà entro autunno", ha detto ancora Berlusconi.

In aggiunta, a breve debutterà il canale All-news, la risposta del gruppo Mediaset sul digitale terrestre a Sky Tg 24. "Sarà un canale destinato a fare hard-news a livello nazionale e internazionale, proiettato a diffondere notizie video su tutti i supporti tecnologici di cui disponiamo. Saremo agguerriti ed avremo due elementi distintivi: l'equilibrio e la tempestività". Infine, "è probabile che in primavera vengano lanciati nuovi canali dedicati ai film", ha continuato Berlusconi.

Per quanto riguarda invece il servizio Premium Net TV che Mediaset ha lanciato alla fine dello scorso febbraio e permette agli abbonati di Mediaset Premium di accedere a una cospicua serie di contenuti (film, serie tv, eventi sportivi) attraverso internet sono "già 200.000 nostri abbonati si sono attivati".

Pier Silvio Berlusconi: ''Mediaset non è interessata ai diritti ex-Dahlia''

Ultimi Video

Palinsesti TV