Rai2: ''Bernabei una vita per la tv'', speciale con l'ex direttore della Rai

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat / TMNews

T
Televisione
  mercoledì, 18 maggio 2011
 07:00

Ettore Bernabei - RAIMercoledì 18 maggio, nella puntata de "La Storia siamo noi" in onda su Rai2 alle 23.15, Giovanni Minoli incontrerà Ettore Bernabei, in occasione del suo 90° compleanno.

Ex direttore della Rai, presidente onorario della Lux Vide, azienda leader nella produzione delle fiction in Europa, Bernabei discuterà sui temi del mercato televisivo del passato e del presente soffermandosi sul futuro, in particolare sull'importanza del servizio pubblico e di un'adeguata preparazione dei giovani comunicatori.

"Soltanto una televisione, diventata buona maestra, potrà cancellare nel mondo i luna park virtuali dell'egoismo, presentati dalla TV cattiva maestra": lo ha affermato Ettore Bernabei, che per festeggiare i suoi 90 anni, ha tenuto una lectio magistralis all'Università lateranense, sottolineando la degenerazione della tv attuale, a partire dalla nascita delle emittenti commerciali.

Ad applaudire la sua lezione c'erano politici come Gianni Letta e Pier Ferdinando Casini, il direttore generale della Rai Lorenza Lei e il presidente Paolo Garimberti, e molti uomini di spettacolo, da Pippo Baudo a Ermanno Olmi. Bernabei ha sottolineato che la televisione che "per mezzo secolo, ha provocato il disorientamento culturale di tante persone è oggi il mezzo più idoneo a riportare miliardi di uomini e di donne sulla via del vero e del giusto".

Bernabei, direttore generale della Rai dal 1961 al 1974,
dal 1991 è presidente della Lux Vide, società che ha prodotto moltissime fiction di successo. "Quando la RAI ha trasmesso "Sotto il cielo di Roma", uno sceneggiato che ristabilisce la verità su Pio XII nel periodo della occupazione tedesca a Roma, raccolse quasi sette milioni di ascoltatori: un milione e settecentomila in più di quelli che contemporaneamente raccolse Il grande fratello" ha ricordato Bernabei, che ha sottolineato: "Questa è la riprova che la gente non vuole la TV spazzatura. La subisce se non trova altro".

Criticando la mentalità consumistica e la violenza diffusa dalla tv negli ultimi 30 anni, Bernabei ha sottolineato che "con la invenzione di nuove forme di intrattenimento telematico, culturalmente ed artisticamente interessanti per il pubblico, può essere ricostruito quel tessuto di civiltà umana che la televisione consumistica e permissiva ha distrutto negli ultimi decenni".

Bernabei ha anche sottolineato che oggi "dopo significativi e positivi esperimenti in controtendenza, si può ragionevolmente sperare che la TV possa proporre nuovi focolari domestici: di pazienza, di sobrietà, di solidarietà interfamiliare" e ha ricordato che "Per uscire dalla nefasta civiltà dell'egoismo e preparare una civiltà dello altruismo occorre un impegno, generalizzato a tutti i livelli, nelle attività educative e comunicative di buona qualità".

Ultimi Video

Palinsesti TV