Parenzo: ''L'esproprio dei canali 61-69 è una truffa, faremo ricorso''

News inserita da:

Fonte: Corriere.it

D
Digitale Terrestre
  giovedì, 19 gennaio 2012
 16:13

Sandro Parenzo"E' una truffa". Così Sandro Parenzo, azionista di maggioranza e presidente di Mediapason, il terzo gruppo televisivo italiano privato del quale fa parte Telelombardia, sulla norma che sta per essere emanato per liberare i canali televisivi 61-69, assegnati già alle compagnie telefoniche.

La norma, sempre che sia approvata, prevede che le emittenti tv espropriate del proprio canale di trasmissione ricevano una compensazione uguale per ciascuna di esse e diversa solo da regione a regione. Le emittenti lombarde prenderanno ognuna cinque milioni.

L'ammontare complessivo che il governo metterà a disposizione dei rimborsi è di 174 milioni. "Qualsiasi Tribunale europeo non farà passare questa decisione", ha commentato l'imprenditore, aggiungendo: "faremo ricorsi in tutte le sedi. I miei dipendenti immagino che si legheranno alla propria sedia, per non perdere il posto di lavoro".

Lo scorso 29 settembre si era conclusa l'asta per l'assegnazione di frequenze
destinate al servizio della banda larga mobile, con un incasso per lo Stato di quasi 4 miliardi (3.945.295.100). La procedura, durata 22 giorni, ha visto l'assegnazione di frequenze a Telecom Italia, Vodafone, Wind e Tre Italia.

"Lo Stato ha venduto le frequenze 61-69 alla telefonia portando a casa circa 4 miliardi, dei quali, 400 milioni erano destinati al rimborso per le tv espropriate. I 400 sono diventati 240 con un gioco di prestigio, poi, con un'ultima truffa, 170"
, ha aggiunto Parenzo, che incalza: "verrà pagata la stessa cifra per tutte le tv che trasmettono sui canali 61-69, ovvero la tv del parroco che trasmette per 70 persone una messa e lo stesso film tutti i giorni, riceverà lo stesso indennizzo di Telelombardia che produce informazione in diretta per tutta la giornata. La tv del cugino dell'assessore che ha esattamente tre dipendenti, avrà lo stesso di Telelombardia che ne ha 135 fissi e un centinaio di collaboratori per un totale di 240 persone". Parenzo ha ricordato che Telelombardia ha centinaia di impianti di trasmissione e studi attrezzati: "negli ultimi anni abbiamo investito 39 milioni".

Il canale 64, quello sul quale trasmette Telelombardia, oggi copre 12 milioni di abitanti ed è l'unico che non ha interferenze con l'estero. Risulta difficile trovare un canale con le stesse caratteristiche. "Qualora cambiassimo canale ci vorranno anni per spiegare agli spettatori come sintonizzare la propria tv ancora su Telelombardia", ha commentato ancora l'imprenditore.

Sul beauty contest, che domani sarà oggetto di discussione in Consiglio dei Ministri,
Parenzo teme che il governo alla fine non farà una vera asta. "Stiamo a vedere", ha concluso.

Ultimi Palinsesti