Vivendi, non ancora notificata la citazione Mediaset al Tribunale di Milano

Vivendi, non ancora notificata la citazione Mediaset al Tribunale di Milano

News inserita da:

Fonte: RadioCor

E
Economia
  lunedì, 29 agosto 2016
 21:43

Vivendi, non ancora notificata la citazione Mediaset al Tribunale di MilanoAl gruppo Vivendi non è stata notificata - al momento della pubblicazione dei conti semestrali - la citazione presentata da Mediaset al Tribunale di Milano per ottenere l'esecuzione dell'accordo su Premium e un risarcimento dei danni. Lo indica il gruppo francese nella relazione sui conti semestrali, annunciati il 25 agosto. Come si legge nel documento nella parte dedicata ai contenziosi legali, «il 19 agosto Mediaset ha annunciato di avere intentato un'azione legale contro Vivendi presso un tribunale di Milano per ottenere l'esecuzione dell'accordo di partnership concluso l'8 aprile, associata a una richiesta di risarcimento di danni. Ad oggi, tale citazione non è stata ancora notificata a Vivendi».

La relazione sui conti semestrali di Vivendi ripercorre le varie tappe del dossier ora sfociato in un contenzioso, a partire dall'accordo di aprile che prevedeva lo scambio del 3,5% del capitale di Vivendi con il 3,5% di Mediaset e il 100% della pay tv Mediaset Premium. Il 25 luglio, «Vivendi ha proposto a Mediaset una struttura alternativa» che prevede lo scambio del 3,5% del capitale di Vivendi contro il 20% di Mediaset Premium e il 3,5% del capital de Mediaset «e come saldo un'emissione da parte di Mediaset di obbligazioni convertibili in azioni Mediaset a favore di Vivendi, con scadenze annuali successive. Tale struttura permetterebbe di allineare pienamente gli interessi dei due gruppi.

Una partecipazione diretta in Mediaset Premium permetterebbe a Vivendi di apportare subito il suo savoir-faire nella pay-tv, mantenendo intatta l'efficacia delle sinergie tra le attività tv a pagamento e quelle gratuite all'interno del gruppo Mediaset. Una tale proposta presenta un progetto più ambizioso» e «conferma la volontà di Vivendi di costruire una grande alleanza strategica con Mediaset e Mediaset Premium». Al tempo stesso, la relazione ripete quanto il gruppo francese ha indicato giovedì nel comunicato sui conti, suscitando una dura reazione di Mediaset. Vivendi spiega che l'accordo di aprile si basava su ipotesi finanziarie inviate da Mediaset nel marzo 2016, che avevano sollevato interrogativi da parte del gruppo francese. «Dalla due diligence successiva all'accordo realizzata da Deloitte e dall'analisi di Vivendi è emerso che le cifre fornite prima della firma non sono realistiche e si basano su basi artificialmente incrementate».

Questa situazione «ha indotto le parti a cercare di rinegoziare i termini del contratto in giugno. Mentre proseguivano i contatti con Vivendi, Mediaset e Fininvest hanno bruscamente lanciato attacchi mediatici a danno degli interessi e dell'immagine di Vivendi». Il gruppo francese indica anche che la Commissione Ue non si pronuncerà sull'operazione mentre le parti sono ancora in trattative e che senza il via libera Ue l'accordo decade il 30 settembre. Come è noto, nella serata di giovedì Mediaset ha diffuso a sua volta un comunicato in cui indicava «che quanto dichiarato (da Vivendi, ndr) è destituito da ogni fondamento giuridico e commerciale».

Ultimi Video

Palinsesti TV