Vivendi, lettera ai dipendenti Canal+:

Vivendi, lettera ai dipendenti Canal+: "Tagli necessari per non rischiare fallimento pay-tv"

News inserita da:

Fonte: RadioCor

S
Satellite / Estero
  venerdì, 22 aprile 2016
 06:00

Vivendi, lettera ai dipendenti Canal+: "Tagli necessari per non rischiare fallimento pay-tv"In Canal Plus «continueremo a ridurre quello che è inutile e a reinvestire nei contenuti per i nostri schermi». Così Vincent Bollorè, presidente e primo azionista di Vivendi, si rivolge ai dipendenti della pay tv del gruppo in una lettera per motivare i drastici risparmi resi necessari dalle perdite.

«Non potevamo rischiare di vedere una delle nostre filali storiche trascinarci nel suo fallimento», sottolinea Bollorè che attacca «le spese esagerate». È stata così presa la decisione di «non spendere gli abituali milioni di euro per il Festival di Cannes, aumentando al tempo stesso gli investimenti sull'apparato cinematografico a Cannes, ma sopprimendo le spese per feste, relazioni pubbliche e camere con vista mare. In un periodo difficile facciamo la scelta di investire nei programmi per i nostri abbonati».

Nella lunga lettera Bollorè ripercorre la storia di Canal Plus che, creata 30 anni fa da Havas, ha sempre avuto «una vita movimentata», fatta da «periodi di gloria» seguiti da «perdite colossali», nuovi successi e ora, dopo l'arrivo sul mercato di concorrenti come BeIn Sports e Netflix, ancora in rosso. Le catene Canal Plus hanno perso 180 milioni nel 2014, 260 nel 2015 e rischiano di perderne 400 nel 2016.

«A fronte di questa terribile situazione, l'equipe di Vivendi ha accettato di fare il suo dovere impegnandosi in un tentativo di riassetto», scrive Bollorè, che sottolinea quanto ha detto anche all'assemblea degli azionisti Vivendi, ovvero che il gruppo non può mettere mano al portafoglio all'infinito per coprire le perdite di Canal Plus, gravato anche da 1 miliardo di euro di indebitamento.

Ultimi Video

Palinsesti TV