Schermaglie Olimpiche - Un'impresa da insonni e il festival del replay

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

S
Sport
  giovedì, 14 agosto 2008
 00:00

La Pellegrini alle 4 di notte significa sette-otto milioni di telespettatori in meno rispetto a una simile finale previstain orari umani. Colpa del fuso orario e degli americani che hanno imposto il nuoto nella loro prima serata. Ma serve per valutare quanto e diversa un'Olimpiade lontana da una vicina. Va detto che poisulle varie reti l'intera gara durante la giornata è stata riproposta almeno quindici volle.

***

Galeazzi si collega da Roma con Olimpia Magazine, è depressissimo perché il canottaggio va male e si sfoga in malo modo contro Julio Velasco che gli aveva contestato una frase infelice sui calciatori che non danno lustro al paese. Velasco ha abbozzato, schivando signorilmente lo straccio che volava.

Da settimane Carlo Paris propone i suoi lirici servizi sulla vita comune in Cina. Ne ha girati centinaia, dopo quello sui ravioli della signora Wu ieri a Olimpia Magazine ne ha proposto uno su un'altra signora che accudisce cormorani. In uscita Galeazzi gli ha fatto grandi complimenti precisando che Paris è più bravo coi cormorani che col calcio. Il sospetto è che lo pigliasse un po' per il lato B. Ma forse no.

***

Devono essere volate davvero parole grosse verso Raisport dai fanatici del calcio se ieri l'esilarante e inguardabile Italia-Camerun è stata salvaguardata fino all'ultimo, con l'assalto di Sanzo relegato spesso nella finestrella in basso. Per di più c'è stato il problema di spostare il Tg2 delle 10.45 (autentiche scene di disperazione in tutto il paese) con il coordinatore De Paoli che ha ringraziato venti volte quelli del Tg2 per la loro sensibilità. Cose turche.

***

Involtini da Raisport. «Questo impianto può ospitare fino a 4.852 spettatori» (Failla). «Queste ginnaste cinesi pesano solo 32 chili, meno di un cane lupo medio» (Dal Monte). «C'è un grande sconfitto nel nuoto: quella linea verde che si vede, non vince mai». (Bartoletti vola altissimo, ma in studio nessuno ride). «Alle gare di canottaggio c'è un clima maledetto, fino a 95 gradi di umidità» (Galeazzi). «Ecco il destro di Russo. Uè, alora?». (Mario Mattioli sollecita i giudici che non assegnano il colpo all'azzurro). Cerboni: «Secondo un tabloid Usa Phelps mangia tre pasti al giorno da quattromila calorie ciascuno». Galeazzi: «Non è possibile».

Dossena: «Dal 1982 è passato davvero tanto tempo». Civoli: «Ma tu sei sempre uguale». Dossena: «Ti ringrazio». (Italia-Camerun)

Antonio Dipollina
per "La Repubblica"

Ultimi Video

Palinsesti TV