Diritti Tv Serie A 2018 - 2021, se MediaPro modifica pacchetti nuova consultazione

Diritti Tv Serie A 2018 - 2021, se MediaPro modifica pacchetti nuova consultazione

News inserita da:

Fonte: Ansa

S
Sport
  sabato, 17 marzo 2018
 06:00

Diritti Tv Serie A 2018 - 2021, se MediaPro modifica pacchetti nuova consultazioneNon solo a Sky e Mediaset, Mediapro conta di distribuire i diritti tv ad almeno una compagnia telefonica e a un operatore Ott, quelli che trasmettono on demand su Internet. La società spagnola ha iniziato le trattative da qualche settimana e ora può definire i pacchetti, dopo il via libera dell'Antitrust all'operazione che frutterà 1 miliardo e 50 milioni di euro a stagione per il prossimo triennio alla Lega. «È stato confermato quello che speravamo e ora inizieremo a parlare con la Lega», spiegano da Mediapro commentando la decisione del Garante, che ha dato il benestare all'assegnazione del pacchetto global, chiarendo che la società audiovisiva deve operare come intermediario, rivendendo i diritti ad altri soggetti con modalità eque, trasparenti e non discriminatorie.

La Lega può inviare la comunicazione di assegnazione a Mediapro, che ha una settimana per versare 50 milioni di euro e 21 giorni per le garanzie finanziarie da 1,2 miliardi. I manager catalani si confronteranno con la Lega e l'advisor Infront per le modalità di rivendita, con la convinzione che non serva un'approvazione dei nuovi pacchetti da Antitrust e Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in quanto basterà attenersi alle linee guida già convalidate dalle due Authority.

Ad esempio, a Mediaset potrebbe essere riproposto il pacchetto da 8 squadre per cui aveva offerto 200 milioni a gennaio, con l'inclusione della Roma per spronare al rilancio il Biscione. Nella trattativa con Sky si potrebbero valorizzare maggiormente le esclusive. Mentre a Telco (un negoziato è ben avviato) e Ott (Perform in primis) Mediapro offrirebbe pacchetti confezionati, con commenti pre e post partita e telecronache. Con tutti gli operatori gli spagnoli si impegnano a combattere la pirateria. Dall'Antitrust spiegano però che le modifiche ai pacchetti previsti nel bando per operatori tradizionali (quello andato a vuoto) necessitano di un passaggio alle Autorità, che hanno 60 giorni per esprimersi. In questo scenario, si rischia di arrivare a maggio-giugno per la sub-licenza dei diritti tv. «Come club dobbiamo decidere in fretta», ha notato il n.1 del Torino, Urbano Cairo. Lunedì la Lega colmerà il vuoto al vertice eleggendo Gaetano Miccichè, presidente di Banca Imi, del gruppo Intesa Sanpaolo, candidato proposto dal commissario Giovanni Malagò.

DIRITTI TV SERIE A 2018 - 2021 - ARCHIVIO DIGITAL-NEWS.IT

Ultimi Video

Palinsesti TV