Ti Media, il cda fa il punto su ascolti con i risultati di Gennaio in prime time

News inserita da:

Fonte: Ansa

E
Economia
  mercoledì, 16 gennaio 2013
 06:00

Ti Media fa il punto sul 'dopo-Stella' e in particolare, a quasi un mese dall'avvio del lavoro di revisione dei palinsesti che dovrebbe continuare fino a fine gennaio, sugli ascolti dove cominciano a vedersi i primi risultati.

Sul tavolo dei consiglieri è immaginabile che siano arrivati i dati Auditel di gennaio che mostrano una media totale di giornata dello share al 4,28%, in crescita del 13,5% rispetto allo stesso periodo del 2012 e ancor più significativo il risultato del prime time dove la quota di La7 è salita al 6,14% (+41,5% rispetto all'analogo periodo l'anno scorso).

Effetto Santoro ma non solo perchè tutti i programmi di informazione su cui l'amministratore delegato Marco Ghigliani ha deciso di puntare sembrano andare bene, in particolare Otto e Mezzo. Maggiori efficienze dalla rimodulazione del day time con significativa riduzione dei costi che nelle attese dovrebbero aggirarsi intorno ai 25 milioni di euro, era la sfida lanciata a dicembre.

«La volontà di consolidare e migliorare i nostri ascolti ci ha portato alla decisione di avviare un piano di razionalizzazione del nostro palinsesto che, come è nella vocazione della Rete, punterà sull'informazione e l'approfondimento in prime time con il grande valore della nostra squadra» aveva dichiarato Ghigliani.

Il board ha anche adottato la nuova edizione del Codice etico e di condotta del gruppo Telecom Italia, recentemente approvata dalla capogruppo e, si legge in una nota, ha deliberato di avvalersi della facoltà di derogare agli obblighi di pubblicazione dei documenti informativi in occasione di operazioni significative di fusione, scissione, aumento di capitale mediante conferimento di beni in natura, acquisizioni e cessioni.

Ai consiglieri di Ti Media inoltre dovrebbero inoltre essere stato riportato l'esito della concomitante riunione del comitato endoconsiliare che segue il processo di dismissione.

Palinsesti TV