Mediaset: impellente trovare modo per deconsolidamento Premium

Mediaset: impellente trovare modo per deconsolidamento Premium

News inserita da:

Fonte: Mi.Fi.

E
Economia
  lunedì, 03 ottobre 2016
 19:08

Il boccone e' li', sul tavolo. Si chiama Premium, e' la pay tv digitale di Mediaset. Il network di Cologno Monzese da tempo cerca un alleato, o meglio un compratore. Anche perche' il business e' costoso (non che il Biscione non abbia le spalle larghe per sostenerlo) ma soprattutto poco redditizio: dal 2005, la piattaforma non ha mai visto l'utile, e se l'anno scorso ha perso 83 milioni, al 30 giugno scorso il rosso era di 100 milioni.

Nonostante cio', scrive Milano Finanza, il progetto e' sempre stato difeso e sostenuto dai vertici del broadcaster della famiglia Berlusconi. Era ed e' il baluardo anti- Sky Italia (presente sul mercato dal 2003) per evitare il monopolio. Ora, pero', la necessita' di trovare il modo di deconsolidare Premium e' impellente. Anche perche' dalla prossima primavera partira' la doppia corsa ai diritti della serie A e della Champions League (oltre alla sorella minore, Europa League), i due bocconi piu' ambiti per una televisione che, come il competitor satellitare, giorno dopo giorno, deve conquistare nuovi abbonati, ma soprattutto cercare di non perderli.

Per i diritti 2015-2018 del massimo campionato di calcio nazionale (le partite delle migliori otto squadre) e per le immagini in esclusiva della prestigiosa competizione continentale, Premium ha sborsato 1,6-1,7 miliardi. Un investimento elevato che ancora non e' stato ammortizzato. Anche perche' la piattaforma e' ferma alla soglia dei due milioni di abbonati.

Ultimi Video

Palinsesti TV