Vivendi, il blitz infiamma Mediaset. Fininvest denuncia «manipolazione del mercato»

Vivendi, il blitz infiamma Mediaset. Fininvest denuncia «manipolazione del mercato»

News inserita da:

Fonte: RadioCor

E
Economia
  martedì, 13 dicembre 2016
 19:14

Vivendi, il blitz infiamma Mediaset. Fininvest denuncia «manipolazione del mercato»La battaglia attorno a Mediaset per il momento, ha fatto felice soprattutto la Borsa. Il titolo ha guadagnato il 31% a 3,58 euro dopo aver fatto una puntata a 3,68 euro. La famiglia Berlusconi certamente non ha gradito il blitz di Vivendi. Resta il fatto che per effetto della scalata il patrimonio di Fininvest è salito di circa 300 milioni. Nonostante questo, a casa del Cavaliere non hanno preso bene la notizia dell'assalto architettato dall'ex amico Vincent Bollorè. Ha annunciato di aver già iun mano il 12% e punta ad arrivare al 20%. Evidentemente una mossa di disturbo considerando che il controllo di Mediaset è saldamente nelle mani della dell'ex presidente del Consiglio.

Oltre al 34,7% in possesso di Fininvest, c'è un altro 3,5% di azioni proprie possedute dalla stessa Mediaset. Tuttavia arrivando al 20% Bollorè potrebbe puntare a costituire una minoranza di blocco che darebbe spazio nelle assemblee dei soci. Per contrastare l'iniziativa, Fininvest ha comunicato di avere presentato nella giornata odierna una denuncia per manipolazione di mercato ala Procura di Milano e anche, per conoscenza, alla Consob. A preparare l'atto è stato l'avvocato di fiducia di Silvio Berlusconi e della finanziaria presieduta dalla figlia primogenita Marina, Niccolò Ghedini. Una mossa dovuta, secondo Fininvest, che tende a proteggere i propri interessi e quelli della società televisiva sotto scacco da fine luglio, quando il gruppo transalpino che fa riferimento a Vincent Bollorè aveva fatto marcia indietro rispetto all'accordo vincolante sottoscritto dalle parti in causa lo scorso 8 aprile e relativo alla cessione della pay tv Premium e al concambio azionario tra le due società.

L'offensiva di Vivendi, che dopo mesi di stallo sulla finalizzazione dell'accordo strategico con Mediaset relativo alla vendita di Premium e allo scambio incrociato del 3,5% del capitale tra i due gruppi, ha completamente sorpreso gli operatori finanziari: 'Cambia completamente lo scenario per Mediaset - sottolineano gli analisti di Equita perchè si crea un rilevante «speculative appeal» sul titolo, perchè il progetto di Vivendi di creare un gruppo media in Sud Europa passa per la convergenza con le telecoms e quindi con Telecom Italia, perchè riteniamo che Vivendi sia interessata ad una soluzione rapida del conflitto su Premium, considerando che nel 2017 ci saranno le aste per i diritti di Champions e Serie A e Sky avrebbe un importante vantaggio'. La casa di investimento ha alzato a 3,4 euro il target di prezzo su Mediaset (oggi superato dalle quotazioni) attendendosi un possibile «scontro per il controllo di Mediaset» e ricordando che «Fininvest può acquistare fino al 5% all'anno fino al raggiungimento del 50%». La holding della famiglia Berlusconi, che possiede attualmente il 34,7%, ha reagito definendo «ostile» l'operazione di Vivendi e annunciando oggi una denuncia davanti alla Procura della Repubblica di Milano per manipolazione del mercato nei confronti di Vivendi. Anche la Consob resta in all'erta per accertare la correttezza delle operazioni vista anche i bruschi movimenti del titolo.

Nella partita con Mediaset, 'Vivendi si è ripresa la palla, comprando titoli della società italiana e annunciando che intende acquistare fino al 20%. Un cambiamento di tattica - scrive la 'Lex Column' del Financial Times - dopo l'accordo di ottobre e il ripensamento di luglio per Vivendi che ha 'un manager intelligente, nella persona dell'industriale e miliardario Vincent Bollore«. Il fatto è che dopo il 'volt facè estivo di Vivendi su Premium, i titoli Mediaset hanno perso il 30%, il che rende sottovalutato il business televisivo della società. Se si sottrae il valore di Mediaset Espana e di Ei Tower, risulta che le attività italiane nella tv rappresentano solo un terzo dei 5 miliardi di euro di valore d'impresa di Mediaset. Per gli analisti di Berenberg valgono il doppio, riferisce, il Ft. Quindi, Vivendi ha 'semplicementè preso posizione in un asset di valore. In ogni caso, 'il gioco di Bollorè è troppo veloce per il suo più anziano avversariò, Silvio Berlusconi, che dopo avere perso il controllo del Milan, ora - secondo il FT - potrebbe perdere il controllo di Mediaset.

Ultimi Video

Palinsesti TV