MediaPro: «Con più concorrenza prezzo per utente cala. Siamo pronti a fare i distributori»

MediaPro: «Con più concorrenza prezzo per utente cala. Siamo pronti a fare i distributori»

News inserita da:

Fonte: Ansa

E
Economia
  lunedì, 26 febbraio 2018
 19:44

MediaPro: «Con più concorrenza prezzo per utente cala. Siamo pronti a fare i distributori»La Serie A porta alle tv 2 miliardi di euro, anche in un mercato senza concorrenza, con un campionato dal potenziale inespresso. Ne sono sicuri i vertici di Mediapro, certi di aver realizzato un buon affare, vincendo con un miliardo e 50 milioni il bando per rivendere i diritti tv come intermediario indipendente per il 2018-21. Anche se restano convinti che la soluzione più redditizia sia il canale tematico. Lo scenario è ancora poco chiaro, in attesa che si pronunci l'Antitrust sull'assegnazione alla media company con base a Barcellona. Attendono i club, alcuni incalzati dai tempi delle fideiussioni; i telespettatori, ansiosi di sapere dove e a che prezzi vedranno le partite da agosto; e i broadcaster come Sky, che ha sollevato dubbi sul fatto che Mediapro agisca da broker e non da editore.

Il presidente Jaume Roures e il socio storico Tatxo Benet sorridono di fronte alle minacce legali e allo scetticismo sulle garanzie finanziarie. «Venderemo questa sede...», scherzano attraversando studi televisivi e cabine regia nel palazzo sulla Diagonal di Barcellona, un migliaio di dipendenti dentro e un'immensa bandiera catalana fuori. Una redazione integrata di 100 giornalisti realizza telecronache, servizi e statistiche per LigaTv, Gol e beIN Sports. «Vorremmo una struttura così per la Serie A», racconta Benet, mostrando le tecnologie per produrre la Liga e le iniziative per promuoverla nel mondo. Mediapro vuole replicare il modello in Italia, dove ha creato una filiale e rilevato la società di produzione Euroscena di Luigi Sciò, specializzata nel calcio e in grandi eventi. «Se non convinciamo i club a fare il canale - dice Benet -, faremo solo distribuzione. Lo sappiamo fare». La promessa è prezzi più bassi per gli abbonati. «Come? Il calcio genera alle tv minimo 2 miliardi» calcolano i vertici di Mediapro, saldi al comando anche dopo l'ingresso dei cinesi di Orient Hontai: «In Italia il prezzo dei dritti era fermo da anni ma ci sono più abitanti e abbonati che in Spagna. Manca la concorrenza fra operatori». La loro idea è che «distribuendo su più piattaforme si raggiungono più tifosi e cala il prezzo. In Italia c'è un'offerta a un prezzo molto alto e una molto bassa. Cerchiamo sempre la sintesi fra la più economica e la più completa. Nell'ottica del canale tematico, per Serie A e B stimiamo un prezzo di 35-40 euro».

Fra satellite e digitale ora si parte da 20-30 euro, a seconda delle promozioni, a salire dopo 1-2 anni.  «Il problema di Sky è che ha spostato il fatturato dal calcio su altri prodotti meno sentiti dall'abbonato». Così l'ad di Infront, Luigi De Siervo, l'advisor che affianca la Serie A nella vendita dei diritti tv. «Su un valore ipotetico di 40 euro, loro raccontano che 21 sono per il pacchetto basic e 19 per il calcio, quando in realtà il cliente ne spenderebbe anche 30, 32 o 35 solo per il calcio», ha detto De Siervo ai media italiani invitati a visitare la sede di Barcellona di Mediapro, che ha vinto il bando per rivendere i diritti tv della Serie A come intermediario indipendente. «Il tentativo di questa operazione è riportare il calcio al centro e raccontare il valore che gli abbonati gli riconoscono - ha spiegato l'ad di Infront -. Negli ultimi anni Sky ha gonfiato la sovrastruttura editoriale delle piattaforme e comprando canali ha aumentato i costi fissi. Tant'è che la frase più bizzarra in un anno di trattative è stata: 'Noi siamo disposti a pagare il calcio la differenza per fare zero margine alla fine dell'anno'. Come a dire, prima dobbiamo pagare tutto il resto e quello che ci resta ve lo diamo. Così alla fine i soldi non c'erano mai». In Spagna si parte da un minimo di 17 euro al mese sulle piattaforme OTT, che trasmettono on demand su internet, finora fuori dal mercato dei diritti del calcio in Italia.

Mediapro è pronta a produrre le partite del campionato di Serie A, almeno per gli operatori OTT, che trasmettono on demand su internet. «Ci sono soggetti come Amazon che sono interessati al nostro calcio ma non vogliono aprire struttura editoriale e chiedono un prodotto finito» ha spiegato l'ad di Infront, Luigi De Siervo, ai media italiani invitati a Barcellona visitare la sede di Mediapro, la società spagnola che ha vinto il bando ridistribuire i diritti della Serie A come intermediario indipendente. «Mediapro può produrre le partite, il bando parla di distribuire agli operatori e confezionare prodotti audiovisivi. E va fatto per aprire il mercato a soggetti che altrimenti restano fuori», ha aggiunto De Siervo, che ieri è volato a Londra per incontrare i manager di Perform, la media company che ha partecipato agli ultimi due bandi per operatori tradizionali per i pacchetti destinati a Internet, con offerte però sotto il prezzo minimo.  

Di certo Mediapro vuole negoziare la produzione dei match coi club (ora 6 lo fanno in proprio, 14 con Infront) per dare un'identità al campionato, passando anche per prati curati e spalti pieni. «Non è facile? La Liga ha una locomotiva, Real-Barcellona. La Serie A almeno 4: manca solo che il treno sia ben agganciato e prenda ritmo - dice Roures -. Però i club non devono difendere interessi particolari, in Lega serve una governance forte e bisogna avvicinare i fan. In Spagna abbiamo spezzettato tutte le partite non per farle vedere in Cina ma per valorizzare le piccole squadre con due ore di esposizione esclusiva in tv».

DIRITTI TV SERIE A 2018 - 2021 - ARCHIVIO DIGITAL-NEWS.IT

Ultimi Video

  • 65 anni di notizie della RAI

    65 anni di notizie della RAI

    65 anni fa nasceva la televisione italiana. Dopo un annuncio letto da Fulvia Colombo la mattina di domenica 3 gennaio 1954, il primo programma in onda è 'Arrivi e partenze', condott...
    T
    Televisione
      giovedì, 03 gennaio 2019
  • Da sempre insieme, Elena Piacenti canta Sergio Endrigo per lo spot TIM

    Da sempre insieme, Elena Piacenti canta Sergio Endrigo per lo spot TIM

    Ascoltate questo video e chiudete gli occhi. Sicuramente riconoscerete la celebre "Io che Amo Solo Te" di Sergio Endrigo, diventata la colonna sonora di una nota compagnia di telecomunicazioni...
    T
    Televisione
      mercoledì, 02 gennaio 2019
  • Video Tutorial | Calcio Sky sul digitale terrestre

    Video Tutorial | Calcio Sky sul digitale terrestre

    Sky Sport sul digitale terrestre - il meglio del grande sport, anche in HD. 2 canali di sport, Sky Sport Uno e Sky Sport 24. Lo spettacolo unico del calcio europeo con tutte le partite delle squad...
    S
    Sky
      venerdì, 03 agosto 2018

Palinsesti TV