Adsl italiane troppo care? Non Ť questo il problema

News inserita da:

Fonte: panorama.it

H
HiTech
  mercoled√¨, 03 gennaio 2007
 00:00
√ɬą una cosa che leggo spesso: associazioni dei consumatori e giornalisti, quando vogliono denunciare il fatto che le nostre Adsl costano troppo, presentano le offerte francesi a comprova. Basta andare oltralpe per trovare Adsl super veloci a met√ɬ† prezzo, con illimitate telefonate incluse nel canone - si vedano per esempio le offerte di Free.

In realtà, questa è un'argomentazione demagogica. A ben vedere, non sono le Adsl italiane a essere troppo care. Ma sono quelle francesi a essere un record: non solo in Europa, ma nel mondo. Tempo fa ne lessi sul Wall Street Journal: un giornalista americano invidiava i francesi. Diceva che le loro Adsl riuscivano a battere (per prezzi e prestazioni) anche quelle americane.

Il record francese continua a crescere: √ɬ® appena cominciata la guerra dei prezzi anche per le offerte su fibra ottica. Fino a qualche mese fa, i collegamenti in fibra erano venduti agli utenti residenziali solo da France Telecom: 50 Mbps per 70 euro al mese, con le telefonate a numeri di rete fissa e l'Ip Tv inclusi. Quest'inverno √ɬ® arrivato Free anche nel mercato della fibra, con offerte a partire da 20 euro al mese. E, pi√ɬĻ di recente, anche Erenis, che in questo stesso prezzo include 60 Mbps, le telefonate gratis verso 100 Paesi e la Tv.

I prezzi delle Adsl italiane, soprattutto dopo il salto a 2 Megabit (a fronte di un canone restato a 19,95 euro al mese- 16,90, con Tele2), si difendono bene, sulla carta. Sono tra le pi√ɬĻ economiche in Europa. √ɬą in Spagna e in Europa dell'Est che i consumatori farebbero bene a protestare per i prezzi alti. Nel Regno Unito √ɬ® difficile, invece, trovare Adsl che siano vere flat.

Di solito, le offerte britanniche includono una quantit√ɬ† limite di GB scaricabili al mese. Segno che √ɬ® un mercato pi√ɬĻ evoluto del nostro: i provider non hanno pi√ɬĻ bisogno di fondare il proprio business attirando i consumatori che fanno molto peer to peer.

Il problema della banda larga italiana è in realtà un altro: la pochezza delle infrastrutture alternative. Domina la rete in rame di Telecom, come mezzo per la banda larga. La fibra di Fastweb copre l'ultimo miglio di pochi utenti, in grandi città.

Non c'è una rete via cavo coassiale (a differenza di quasi tutti gli altri Paesi europei). Il WiMax, banda larga wireless, non è stato ancora lanciato (caso unico in Europa). Ne derivano due conseguenze negative: livelli di copertura banda larga inferiori alla media europea e grosse differenze tra le velocità reali e quelle pubblicizzate (di picco).

Sui problemi di copertura, certo, incidono altri fattori (l'orografia, la struttura della nostra rete che √ɬ® molto parcellizzata). Ma il solo antidoto √ɬ® favorire la creazione di altre infrastrutture. Crescerebbe cos√ɬ¨ anche la concorrenza vera, quella cio√ɬ® pi√ɬĻ indipendente dalle infrastrutture di Telecom Italia e sar√ɬ† incoraggiato l'arrivo di Adsl che siano veloci non solo sulla carta ma anche nella realt√ɬ†.

Ultimi Video

Palinsesti TV