Le Universitŗ si affacciano al mondo dell'Internet-Tv

News inserita da:

Fonte: La Repubblica - Affari & Finanza

I
Internet e Tv
  luned√¨, 12 febbraio 2007
 00:00

L'Italia √ɬ® stato il paese pioniere dell'Iptv con Fastweb che ha introdotto nel 2001 il servizio di trasmissione di contenuti televisivi via Internet, grazie al cablaggio in fibra ottica, e che possono essere visti nel televisore di casa. Lo ricorda con orgoglio√ā¬†Fabio Violante, docente del Politecnico di Milano, e amministratore delegato di Neptuni, una societ√ɬ† impegnata nell'ottimizzazione del servizio Intenet-Tv (Iptv).

Nonostante siano passati diversi anni, sei per la precisione, ammette per√ɬ≤ Violante, sono ancora sporadici gli utilizzi dell'Iptv nel campo della formazione, e questo per diverse ragioni: √ā¬ęPrima di tutto l'ancora bassa penetrazione di questo servizio fa s√ɬ¨ che i contenuti prescelti siano solo quelli di elevato appeal, come i film, e poi vi sono ancora molti docenti convinti che la qualit√ɬ† della didattica non possa prescindere dall'aula√ā¬Ľ.

Eppure, secondo Violante, la piattaforma Intemet-Tv offre un notevole potenziale per i corsi a distanza, in quanto, oltre ad assicurare tutti i vantaggi dell'e-learning (visione quando si vuole, possibilit√ɬ† di pause e ripetizioni, interattivit√ɬ†, autoverifica), ne permette l'utilizzo ad una platea maggiore, essendo logicamente pi√ɬĻ numerosi i possessori di televisioni rispetto a quelli di computer.

Che vi sia un potenziale mercato, anche se non elevato, per la formazione on line, √ɬ® confermato da Telecom Italia, che nel 2006 ha lanciato il servizio di Iptv √ā¬ęAlice home tv√ā¬Ľ. Infatti, una ricerca condotta nel 2006 ha evidenziato come il 5 per cento degli intervistati dichiarasse di essere molto interessato ad utilizzare corsi on line, mentre un altro 21 per cento si mostrava abbastanza interessato. Non sono certo le stesse percentuali che si registrano per i contenuti classici, ed √ɬ® per questo motivo che in questa prima fase siano stati prescelti film (il video on demand riguarda migliaia di film) e canali tv (diverse decine).

√ā¬ęPer il momento √ʬĬĒ ammette Mario Gelmini, responsabile marketing di Telecom Italia per fonia e servizi broad band √ʬĬĒ non pensiamo di proporre corsi on line, ma siamo pronti a valutare progetti per ritagliare sulla piattaforma Iptv una rete dedicata, per esempio, ad una universit√ɬ† ed ai suoi studenti√ā¬Ľ. D'altronde, sottolinea Gelmini, l'Iptv consente una definizione molto elevata delle immagini, senza contare il vantaggio di vedere le immagini direttamente sulla televisione, tutte circostanze che potrebbero indurre ad una maggiore fruizione dei corsi a distanza.

Anche Violante √ɬ® convinto che l'Iptv potrebbe favorire lo sviluppo di ulteriori corsi universitari on line, ma precisa subito che √ā¬ęrestano√ā¬†i timori che i diritti di autore vengano compromessi, sebbene la copiatura dall'apparecchio televisivo causa un peggioramento della qualit√ɬ†, a differenza della duplicazione con un computer√ā¬Ľ. In effetti, al d√ɬ¨ l√ɬ† del fenomeno delle universit√ɬ† telematiche, gli atenei pi√ɬĻ prestigiosi procedono con cautela sul versante dei corsi on line, come riconosce Ferdinando Pennarola, delegato della Bocconi per l'e-learning: √ā¬ęL'utilizzo del web ha attualmente una finalit√ɬ† ausiliaria alla didattica, e non sostitutiva. In definitiva l'insegnamento in aula costituisce uno strumento insostituibile per garantire la qualit√ɬ† della docenza, tanto √ɬ® vero che nessun corso di laurea √ɬ® in e-learning. L'unica esperienza di e-learning √ɬ® il master Mba, definito part-time, che prevede l'erogazione del 60 per cento delle lezioni attraverso il web√ā¬Ľ.

Ciò non impedisce alla Bocconi di avere diverse applicazioni che utilizzano Internet per la trasmissione di videolezioni. Innanzitutto c'è la diretta via web di una, due lezioni serali a settimana di master della Sda, a cui partecipano gli studenti che non possono andare dì persona in aula; in questo modo gli allievi possono seguire, dal proprio computer, il docente e vedere le slides utilizzate, e porre anche domande attraverso un sistema di chat. E poi il web casting, ossia l'accesso direttamente dal sito Internet dell'università alle lezioni di alcuni corsi, che rappresentano anche una sorta di vetrina dell'università, essendo visibili da tutti.

Anche la Luiss sta cominciando ad avvalersi del web: è infatti previsto nel prossimo master executive Mba l'utilizzo della piattaforma e-learning per esercitazioni, letture, test, case studies, forum, secondo la tempistica dettata dal docente, e con l'assistenza di un tutor.

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      gioved√¨, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      luned√¨, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoled√¨, 22 luglio 2020

Palinsesti TV