Sarah Varetto: «Su SkyTG24 focus per temi riforma anche via social»

Sarah Varetto: «Su SkyTG24 focus per temi riforma anche via social»

News inserita da:

Fonte: Adnkronos

S
Sky Italia
  venerdì, 30 settembre 2016
 12:44

Sarah Varetto: «Su SkyTG24 focus per temi riforma anche via social»«Questa volta, prima ancora del confronto fra il sì e il no, è fondamentale che i telespettatori conoscano e comprendano i contenuti della riforma: per questo, già dalla prossima settimana, proporremo, con l'ausilio di animazioni infografiche, anche sui nostri profili social, degli approfondimenti, 'spacchettando' per temi la riforma».

Lo annuncia all'AdnKronos il direttore di SkyTg24 Sarah Varetto.

«Credo che dopo quanto abbiamo visto accadere con Brexit, con parte dell'elettorato inglese che ha capito cosa aveva votato solo nei giorni seguenti, come dimostra la successiva l'impennata di ricerche via web sulle parole 'European Union', abbiamo una responsabilità in più», sottolinea. «Il tema non è semplicissimo e ancora nelle scorse settimane i sondaggi dicevano che il 60% degli italiani non avevano idea dei contenuti di questa riforma costituzionale. Noi cercheremo di colmare questa carenza, con dei focus, tema per tema, che rendano chiari ed accessibili i contenuti della riforma, andando anche a verificare man mano, con dei vox populi, il livello di comprensione da parte dei cittadini», aggiunge il direttore. «Sfrutteremo anche il seguito che godiamo sui social media (solo su Twitter oltre 2,5 mln di follower, ndr.) per veicolare queste schede di animazione infografica», sottolinea Varetto.

Anche i confronti

«che sono diventati un pò la nostra 'cifra' di comunicazione per gli appuntamenti elettorali, saranno questa volta divisi per temi, per argomenti: non ci limiteremo alla contrapposizione tra sì e no sull'intera riforma, anche se sarebbe più facile e probabilmente più spettacolare buttarla in 'caciara' tra i sostenitori dell'una e dell'altra parte; o ancora fare del referendum sulla riforma, come sta già ampiamente accadendo altrove, un referendum sulla permanenza del governo. Come direttore di una testata all news sento forte la responsabilità di rendere un vero servizio di informazione ai cittadini perchè possano votare in modo consapevole per una riforma così importante».

Quanto al regolamento sulla par condicio, non ancora varato, il direttore assicura di aver sempre puntato con SkyTg24:

«al rispetto di una parità di condizioni sostanziale e non solo formale: spero che l'Authority concordi sul fatto che in questo caso vada fatta conoscere la riforma più che calcolare con il cronometro gli interventi. Anche perché questa volta i soggetti in campo non sono solo i partiti, ci sono sia tra i sostenitori del sì che tra quelli del no entità diverse».

Varetto è convinta che in ogni caso:

«la par condicio come l'abbiamo conosciuta finora andrebbe aggiornata ai cambiamenti in atto nel mondo della comunicazione: è paradossale e anche un pò demenziale fissare regole ferree ad esempio per i tg e poi lasciare che sui social media si possa fare qualsiasi cosa, compreso non rispettare il silenzio preelettorale... Forse certe regole non hanno più molto senso», conclude.

Ultimi Video

Palinsesti TV