The Young Pope, gli episodi 3 e 4 stasera su Sky Cinema 1 HD e Sky Atlantic HD

The Young Pope, gli episodi 3 e 4 stasera su Sky Cinema 1 HD e Sky Atlantic HD

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  venerdì, 28 ottobre 2016
 06:00

The Young Pope, gli episodi 3 e 4 stasera su Sky Cinema 1 HD e Sky Atlantic HDDopo il debutto record di The Young Pope,  arriva domani il secondo appuntamento con gli episodi 3 e 4 in onda in prima visione tv dalle 21.10 su Sky Atlantic HD e Sky Cinema 1 HD disponibile anche su Sky Go, Sky On Demand e in streaming su NOW TV, la internet tv di Sky.

THE YOUNG POPE, la serie TV firmata dal Premio Oscar® Paolo Sorrentino, una produzione originale Sky, HBO e Canal+, prodotta da Wildside e coprodotta da Haut et Court TV e Mediapro, ha debuttato lo scorso venerdì con ascolti record: 953 mila spettatori medi per i primi due episodi, record assoluto per il debutto di una serie tv Sky sulla piattaforma, superando anche l’esordio di Gomorra – La serie e +42% rispetto a 1992, arrivando addirittura a triplicare il debutto su Sky di serie cult celebri a livello mondiale come Game Of Thrones, ben 4 volte quello di Westworld e True Detective, e  6 volte quello di House Of Cards su Sky Atlantic.

Considerando anche i passaggi dei sei giorni successivi alla prima messa in onda, i due episodi hanno raggiunto una media di circa 1 milione 800 mila spettatori, con quasi 2 milioni di spettatori per il primo episodio. La serie ha inoltre suscitato reazioni molto positive della critica italiana e internazionale.

Il terzo episodio partirà dal discorso d’insediamento di Pio XIII, che ha ribadito come Lenny non si lasci manovrare dai poteri forti del Vaticano. Questo va in conflitto con i piani del Segretario di Stato che vedeva in quel giovane e apparentemente manipolabile cardinale americano la figura di transizione di cui la Chiesa aveva bisogno. Voiello, appoggiato da alcuni Cardinali, comincia così a tramare contro Lenny ma Pio XIII con un breve comunicato letto da Suor Mary riesce a disorientare ulteriormente l’opinione pubblica e la Curia.

Nel quarto episodio, Voiello architetta uno scandalo per screditare il Pontefice. Lo fa ricattando Ester, devota e religiosissima moglie di una guardia svizzera, affinché seduca il Santo Padre. In Vaticano, intanto, arriva la notizia di un pastore della provincia di Roma, che afferma di aver visto la Madonna e per questo chiede di essere riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa. Non è l’unico scossone: il Papa incarica il timoroso cerimoniere vaticano Gutierrez a indagare su uno scandalo di pedofilia in cui è coinvolto un alto prelato americano, il Cardinale Kurtwell e annuncia l’ennesimo provvedimento reazionario: stavolta nel mirino ci sono gli omosessuali.

La serie, prima ancora del debutto, è stata venduta da FremantleMedia International in oltre 80 Paesi che sommati ai territori già coperti dai broadcaster co-produttori (Sky, HBO, CANAL+, MediaPro) fa arrivare a 110 il numero record dei Paesi in cui la serie – ad oggi – sarà in onda, dal Madagascar agli Stati Uniti. Un numero destinato a crescere, sono ancora in corso, infatti, numerose trattative. Un record anche in termini di prezzi di vendita: in Islanda, Giappone, e in generale in tutta l’Asia, The Young Pope ha segnato in tal senso il primato per una serie in lingua inglese. 

Giovane e affascinante, l’elezione di Pio XIII sembrerebbe il risultato di una strategia mediatica semplice ed efficace del collegio cardinalizio. Ma, com’è noto, le apparenze ingannano. Soprattutto nel luogo e tra le persone che hanno scelto il grande mistero di Dio come bussola della loro esistenza. Quel luogo è il Vaticano, quelle persone sono i vertici della Chiesa. E il più misterioso e contraddittorio di tutti si rivela Pio XIII. Scaltro e ingenuo, ironico e pedante, antico e modernissimo, dubbioso e risoluto, addolorato e spietato, Pio XIII prova ad attraversare il lunghissimo fiume della solitudine dell’uomo per trovare un Dio da regalare agli uomini. E a se stesso.

Il cast, oltre al protagonista Jude Law, include il Premio Oscar® come migliore attrice Diane Keaton, Silvio Orlando, Scott Shepherd, Cécile de France, Javier Cámara, Ludivine Sagnier, Toni Bertorelli e James Cromwell.

La serie – presentata come evento speciale Fuori Concorso alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia– è stata accolta con entusiasmo dalla stampa internazionale “Un’idea ingegnosa e una struttura narrativa mai vista prima d’ora” (Variety), “The Young Pope è divertente, imprevedibile e irriverente” (The Hollywood Reporter), “Candidato ad essere il capolavoro di Sorrentino” (The Economist), “Paolo Sorrentino esordisce in tv con potenza e grazia” (Indiewire), “The Young Pope è unico: è televisione d’autore” (Esquire), “Law ci regala la sua migliore interpretazione di sempre” (The Times).

La serie è stata già venduta da FremantleMedia International in oltre 80 Paesi che sommati ai territori già coperti dai broadcaster co-produttori (Sky, HBO, CANAL+, MediaPro) fa arrivare a 110 il numero record dei Paesi, dal Madagascar agli Stati Uniti, in cui - per ora - i 10 episodi della serie andranno in onda. Un numero destinato a crescere: sono ancora in corso, infatti, numerose trattative.

I PERSONAGGI

LENNY BELARDO (Jude Law) è il primo Papa italoamericano della storia, nonché il più giovane di sempre. A soli quarantasette anni, infatti, è diventato Pio XIII. Lenny è sempre stato un Cardinale mite e ubbidiente e la sua elezione risulta inaspettata, sia per la giovane età sia per lo scarso peso politico. Secondo alcuni, però, sono proprio questi i motivi per cui è stato eletto. Ma Lenny, grazie a una svolta aggressiva e reazionaria del suo Pontificato, dimostrerà di sapersi affrancare da chi vorrebbe manovrare la mano del Santo Padre: il suo mentore, il Cardinal Michael Spencer e il Segretario di Stato, Angelo Voiello. Accanto a lui c’è solo Suor Mary, la donna che lo ha accolto in orfanotrofio quarant’anni prima e che, in assenza dei genitori naturali, gli ha fatto da madre. L’essere stato abbandonato da piccolo è la sua più grande ferita, ciò che lo rende un Papa diverso dagli altri: Lenny, prima ancora di essere un Pontefice conservatore, è un uomo tormentato e abbandonato da chi l’ha messo al mondo. E, sentendosi tradito, ha sviluppato nel corso degli anni un rapporto turbolento con la fede anche se oggi al suo destino sono legate le sorti di milioni di fedeli in tutto il mondo.

SUOR MARY (Diane Keaton) è una donna dallo sguardo intelligente e molto bella. Per Lenny è una madre: è stata infatti lei ad accoglierlo nel cortile dell’orfanotrofio quando i genitori lo hanno abbandonato. Ed è grazie a lei se Lenny è diventato un buon cristiano. Secondo Mary, addirittura un santo. Per questo motivo, appena salito sul trono Pontificio, Papa Pio XIII la vorrà al suo fianco. Suor Mary è una donna dal carattere forte. In apparenza, un corpo estraneo tra le complesse trame di potere vaticane. Malgrado la sua poca esperienza politica, però, Lenny le conferirà la carica di Segretario particolare del Papa e lei dimostrerà di essere abile a calarsi anche in questo nuovo ruolo, in apparente antagonismo con il Segretario di Stato Angelo Voiello.

CARDINAL VOIELLO (Silvio Orlando) è il Segretario di Stato, un uomo sulla sessantina con una perenne espressione furba. Originario di Napoli, conosce molto bene le stanze e i segreti della Santa Sede: su di lui sono stati scritti numerosi saggi e, senza troppa fantasia, la stampa lo descrive come l’uomo che sta dietro le quinte. Avrebbe potuto aspirare al ruolo di Pontefice, ma Voiello sembra calato alla perfezione nel suo ruolo da Segretario di Stato. Rispetto a molti altri sacerdoti, inoltre, sa benissimo di non essere un santo anche perché ama la squadra di calcio del Napoli quasi quanto Dio. Quando Lenny sale al soglio di Pietro, Voiello cerca di contenere le derive più pericolose di questo Pontefice reazionario e ingestibile, utilizzando abilmente una tattica da doppiogiochista. Ma, purtroppo per lui, Pio XIII è un avversario più tenace del previsto.

Il CARDINAL DUSSOLIER (Scott Shepherd) è un uomo affascinante ed è il miglior amico di Lenny Belardo. Cresciuti insieme nell’orfanotrofio di Suor Mary, una volta diventati adulti le loro strade si sono divise: Lenny è finito sotto l’ala protettrice di Spencer, Dussolier ha studiato teologia e ha deciso di girare il mondo in missione, per portare la voce di Dio agli ultimi della Terra. Non ha mai avuto l’aspirazione di far carriera, eppure quando Lenny diventa Papa la sua vita cambia drasticamente: Pio XIII decide che sarà il nuovo Prefetto della congregazione per il clero, dovrà selezionare aspiranti sacerdoti in tutto il mondo. Ma per Dussolier, che ormai da anni ha una doppia vita, non sarà facile capire cosa significa essere un buon sacerdote.

SOFIA DUBOIS (Cécile de France) è la giovane e affascinante responsabile del marketing e della comunicazione del Vaticano. Laureata in una prestigiosa università americana, gestisce l’immagine del Vaticano con piglio da imprenditore e pensa di poter sfruttare la giovane età e il bell’aspetto del nuovo Pontefice per promuovere l’immagine della Chiesa e il merchandising. Ma il nuovo Papa vuole fare dell’assenza la sua cifra perché ritiene che questo alimenti la curiosità e Sofia dovrà rivedere presto i suoi progetti. Nata sulla diffidenza, la relazione tra i due si trasformerà in una cordiale amicizia basata sull’ironia.

MONSIGNOR GUTIERREZ (Javier Cámara), il maestro di Cerimonie di origine spagnola, ha cinquantacinque anni e un’aria mite e dimessa. Grazie alla sua sincerità d’animo e alla sua estraneità agli intrighi di potere in Vaticano, attrae la curiosità di Lenny Belardo. Tra il Pontefice e Gutierrez nasce un rapporto fatto di piccole e grandi confidenze. Proprio per questo motivo, il Cardinale diventa un’arma molto preziosa nelle mani di Voiello e di tutti gli antagonisti del Papa che ne conoscono i segreti. Lenny Belardo, sorprendentemente, decide quindi di affidargli un compito molto difficile: dovrà andare negli Stati Uniti per una missione apparentemente al di sopra delle sue forze.

ESTER AUBRY (Ludivine Sagnier) ha trentacinque anni, una bellezza immacolata e una incrollabile fede in Dio. Sposata con Peter, guardia svizzera in Vaticano, il suo più grande sogno è diventare madre. Ma Ester è sterile e confida nella preghiera per realizzare il suo sogno. La sua fede l’avvicina a Lenny di cui capisce subito la profondità del messaggio: immobile e penitente prega di notte in piazza San Pietro e per questo il Papa la nota. Tra i due nasce una amicizia, che cambierà per sempre la vita della giovane donna e, in qualche misura, anche quella di Pio XIII.

CARDINAL SPENCER (James Cromwell) è uno dei Cardinali più influenti del Vaticano e, secondo molti, avrebbe potuto ambire a diventare Papa. Teologo finissimo, per buona parte della sua vita Spencer ha insegnato all’università, dove ha conosciuto Lenny e lo ha formato facendone il suo pupillo: è proprio a Belardo che ha lasciato il suo posto a capo della Chiesa di New York, quando è stato chiamato a Roma. Spencer ha scelto il giovane Lenny perché lo ritiene grigio e malleabile, caratteristiche che il Cardinale ha sempre amato nei suoi sottoposti. Durante il Conclave, però, qualcosa va storto: Spencer, a sorpresa, non ha i voti necessari e alla fine i Cardinali convergono su Lenny Belardo, suo protetto. Voci di corridoio parlano di una mezza vittoria di Spencer, ma il Cardinale sa benissimo che non sarà lui il Papa occulto. Ha intuito che Lenny è pronto a sacrificare il suo mentore

CONTATTI SOCIAL

Ultimi Video

Palinsesti TV