Da oggi su Sky, Mondiali «Italia '90, quattro settimane che hanno cambiato il mondo»

Da oggi su Sky, Mondiali «Italia '90, quattro settimane che hanno cambiato il mondo»

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa)

S
Sky Italia
  mercoledì, 23 novembre 2022
 12:16

Da oggi su Sky, Mondiali «Italia '90, quattro settimane che hanno cambiato il mondo» Italia '90, quattro settimane che hanno cambiato il mondo: la serie Sky Original che in tre puntate ripercorre le emozioni del Mondiale che ha cambiato le regole del gioco. Su Sky Sport Calcio da mercoledì 23 novembre, per tre sere, alle ore 23.00

Ci sono stati 21 Mondiali nella storia del calcio, ma solo uno ha cambiato il gioco: Italia '90. Il Mondiale italiano del 1990 è stato un torneo come nessun altro. Ha segnato una svolta drammatica verso un nuovo ordine mondiale per la FIFA, le associazioni calcistiche e i tifosi di tutto il mondo. È stato l'inizio della fine per la carriera di Maradona ed è stata la prima volta per nazionali con poca tradizione calcistica come Irlanda, Emirati Arabi e Costa Rica. Italia '90 rimane uno degli eventi più seguiti nella storia della televisione. Ha fatto sì che si ampliasse il numero di tifosi di calcio, non solo agli uomini della classe operaia, ma anche alle famiglie e alle classi medie. Ha reso celebrità i calciatori, ispirato il cambiamento di alcune regole sul campo e ottenuto posizioni in classifica per le canzoni a lui associate. Un momento chiave per la commercializzazione del gioco che ha inaugurato una nuova era di crescita esponenziale che nessuno si aspettava. In quattro settimane di una mite estate mediterranea, quanto è accaduto sul campo è stata a dir poco un'opera italiana. Le nazioni perdenti hanno trionfato portando sorpresa e gioia a tutti coloro che lo hanno guardato; i titani vacillarono e si schiantarono senza tante cerimonie; i paesi condannati ritrovarono la strada della redenzione; e una squadra che sapeva che non avrebbe mai più giocato insieme ha mostrato uno spirito vittorioso, come forse non si vedrà mai più.

BLACK FRIDAY SKY valido fino al 28/11/2022
SKY TV + SKY SPORT A SOLI 30,90 EURO AL MESE PER 18 MESI.
IN OMAGGIO UNA XBOX SERIE S DEL VALORE DI 299 EURO
PRENOTA UNA CHIAMATA SENZA IMPEGNO PER MAGGIORI INFO!

Il primo episodio

Tra imprese inaspettate e problemi di ordine pubblico, la Coppa del Mondo 1990 dimostra sin da subito di essere un torneo come nessun altro. Estate 1990. L'Inghilterra è nota per i tifosi violenti e, dopo un disastroso Europeo '88, una squadra da buttare. “Eravamo preoccupati per gli hooligan”- racconta l'organizzatore del Mondiale Luca Di Montezemolo- “così li ho messi su un'isola, la Sardegna”. Luca e il suo team affrontano una corsa contro il tempo per preparare le sedi: scioperi, ritardi, costi che sfiorano i 4 miliardi di dollari. Rivela l'incontro critico con il Papa, quando accettò di benedire il torneo. “All'ultimo minuto dell'ultimo giorno era tutto pronto”. Nella partita di apertura, nessuno pensa che il Camerun abbia alcuna chance contro i campioni dell’Argentina. È una squadra di dilettanti, abituata a giocare su campi in terra battuta e quando vedono Diego Maradona destreggiarsi con un pallone a San Siro, a Milano, sono terrorizzati. Il difensore Victor Ndip rivela come di aver minacciato di uccidere Maradona se fosse entrato nella sua area. Il Camerun ottiene due espulsioni, ma – in qualche modo – sconfigge l'Argentina con nove uomini. Allo stesso modo, nessuno si aspetta che Totò Schillaci faccia parte della squadra italiana: è così poco conosciuto che Panini non gli regala una figurina nell’album di Italia '90. Nella prima partita entra come sostituto, poi segna al primo tocco. Da quel momento, tutto ciò che tocca "si trasforma in oro". La partita di apertura dell'Inghilterra contro l'Irlanda è un pareggio, 1-1, descritto come "la peggior partita di sempre". L'Inghilterra poi pareggia con l'Olanda e batte l'Egitto. La partita contro il Belgio è in stallo, con un solo minuto ai rigori, quando Paul Gascoigne corre a metà campo, conquista un calcio di punizione e poi mette la palla per David Platt per portare a casa uno dei gol più belli mai segnati da un inglese. È il coronamento di uno straordinario viaggio di redenzione. "Ho pensato, possiamo vincere", ricorda Gascoigne.

Il secondo episodio

Mentre il Camerun si fa strada fino ai quarti di finale, la Jugoslavia si prepara a giocare quella che sarà la sua ultima partita. Otto mesi prima di Italia ‘90, cade il muro di Berlino. Jurgen Klinsmann ricorda l’impatto sulla squadra della Germania Ovest: i tifosi si innamorano della loro bandiera per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale. La squadra batte la Jugoslavia 4-1 nella gara d'esordio. Le stesse forze post guerra fredda si fanno sentire in Camerun, dove una crisi economica ha lasciato il paese in bancarotta. Nel disperato bisogno di una vittoria, il presidente Paul Biya chiede che Roger Milla, 38 anni, torni a giocare. Milla segna due volte contro la Romania, i suoi festeggiamenti diventano virali in un'era pre-internet. Il Camerun diventa la prima squadra africana in assoluto a raggiungere la fase a eliminazione diretta. I loro avversari QF? L'Inghilterra. "I rapporti degli scout dicevano che sarebbe stata una delle partite più facili della Coppa del Mondo", afferma Terry Butcher. Rivive i preparativi in ​​camerino, mentre immagina di essere "una tigre in gabbia" mentre ascolta gli Iron Maiden. Il Camerun sta vincendo 2-1 fino a quando due rigori di Lineker spezzano i cuori africani. “Abbiamo perso l'opportunità di scrivere la storia”, ricorda Ekeke, “ma per un Occidente abituato a vedere i bambini morire di fame e la guerra, abbiamo dato all'Africa un'altra immagine”. La Jugoslavia evita un'uscita anticipata, ma è inghiottita dalle divisioni interne: un giocatore riceve minacce di morte e l'allenatore Osim è coinvolto in uno scandalo. In risposta, il fuoriclasse Stojkovic segna due gol brillanti per battere la Spagna. Il primo lo vede scattare per una sessantina di metri tra le braccia dell'orso Osim, un serbo che abbraccia un bosniaco in una delle immagini più avvincenti di Italia ‘90. Nei quarti di finale, la Jugoslavia affronta l'Argentina, costretta a giocare in dieci per quasi tutto il match dopo l'espulsione dell'uomo incaricato di marcare Maradona. Il capitano jugoslavo Faruk Hadzibegic racconta il suo errore ai calci di rigore. Si rivela un momento decisivo: l'ultimo tiro per la sua squadra. Dieci mesi dopo la guerra avvolge la regione e una Jugoslavia unificata non scenderà mai più in campo.

Il terzo episodio

Totò Schillaci, il ragazzino di strada di Palermo, ha sulle sue spalle le speranze di una nazione in semifinale contro l'Argentina. Per l’Italia è la prima partita giocata a Napoli, la patria adottiva di Maradona. Diego gioca spietatamente sul suo status divino chiedendo alla città di sostenere l'Argentina. La partita va ai rigori. Schillaci e suo padre rivedono la fine di quella partita per la prima volta in 30 anni. Il momento nel quale gli Azzurri vengono sconfitti “è stato come se ti cadesse il mondo addosso”.

Nell'altra semifinale, l'Inghilterra affronta la Germania Ovest. Il giorno della partita, Paul Parker è intimorito dai "muscoli scolpiti sui corpi dei tedeschi". È inorridito quando la palla rimbalza su di lui nella porta dell'Inghilterra. Poi, a 9 minuti dalla fine, crossa per Lineker per il pareggio. "Sei fuori dalla merda!" grida Gazza. Finisce con la sconfitta ai rigori e gli iconici strappi di Gazza. “È stato come morire”, dice Terry Butcher. Ma 100.000 persone si presentano ad accoglierli all'aeroporto di Luton. “Sei andato ai Mondiali da giocatore”, dice Gazza, “torni da eroe nazionale”. La Germania Ovest vince una finale terribile, con straordinarie scene negli spogliatoi girate su una super-8 del cancelliere Helmut Kohl che si congratula con i giocatori e Lothar Matthaus nudo che tiene in alto il trofeo. In seguito, il divieto ai club inglesi viene revocato e viene lanciata la Premier League. Italia '90 rimane un Mondiale unico.

La programmazione di Italia '90 su Sky

Mercoledì 23 novembre

  • Ore 23.00: Episodio 1 su Sky Sport Calcio

Giovedì 24 novembre

  • Ore 23.00: Episodio 2 su Sky Sport Calcio

Venerdì 25 novembre

  • Ore 23.00: Episodio 3 su Sky Sport Calcio

SCOPRI SKY GLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV.
DA 11,90 EURO AL MESE CON 3 MESI DI SKY TV E NETFLIX INCLUSI
CLICCA QUI E PRENOTA UNA CHIAMATA SENZA IMPEGNO PER MAGGIORI INFO!

Ultimi Palinsesti