Darwin Pastorin: un modo diverso di vedere il calcio

News inserita da:

Fonte: Il Giornale

T
Televisione
  mercoledì, 21 febbraio 2007
 00:00
D'accordo, gli ascolti non sono certo esaltanti, ma se si dovessero giudicare i programmi di La7 dallo share non se ne salverebbe quasi nessuno.

Tuttavia, tra le tante trasmissioni che le tv piccole e grandi dedicano al calcio parlato, uno spa­zio più che dignitoso l'ha conquistato Le partite non finiscono mai (lunedì, ore 23,15).

Niente di rivoluzio­nario, perché non deve essere facile rinunciare com­pletamente al solito modo di intendere il bar sport: gettare l'osso della polemica in mezzo a un'orda di opinionisti-tifosi per poi vedere - come direbbe Jannacci - l'effetto che fa (e che è sempre uguale, impron­tato al caos primordiale di antico stampo biscardiano).

Però la trasmissione inventata da Darwin Pastorin tenta perlomeno qualche percorso laterale, qual­che direttrice non scontata.

Come nell'ultima punta­ta, quando ha messo a confronto il mondo del calcio con quello del rugby, e un campione strafamoso e pagato come Gigi Buffon (ospite fisso ogni settimana) con la nostra nazionale di palla ovale dove il più fortu­nato guadagna intorno ai 35rnila euro l'anno a fronte di allenamenti più duri e ,con l'unico vantaggio di potersi permettere pasti al­l'insegna del «tutto dop­pio»: doppia pastasciutta, doppia bistecca, e così via.

Altra differenza, origine di qualche divertita punzec­chiatura in studio: chi gio­ca a rugby sa, ovviamente, quanti giocatori scendono in campo in una partita di calcio, mentre Buffon (e con lui, forse, la maggior parte dei calciatori) non sa quanti giocatori formano una squadra di rugby.

Tra i pochi a saperlo c'è senz'altro Gennaro Gattuso, cal­ciatore con l'anima del rugbista, uno di quelli capaci di dare anche una spiegazione autocritica al perché il calcio risenta di un clima sovraeccitato che altri sport come il rugby non conoscono: «È anche colpa di noi giocatori, che dovremmo dare per primi il buon esempio».

Le partite non finiscono mai tenta il non facile compromesso tra l'esigenza di non rinunciare alla vivacizzazione polemica, affidata alle punzec­chiature di Aldo Agroppi e a qualche puntura di spil­lo di Zibi Boniek e Carolina Morace, e la ricerca di un atteggiamento dialettico più articolato e meno emoti­vo al fenomeno calcistico.

Un discorso a parte merita Darwin Pastorin, che si è via via defilato dal ruolo di conduttore per lasciare il timone della trasmissione all'ottima Cristina Fantoni.

Non è chiaro se il passag­gio di consegne sia stato consensuale, o frutto di una più naturale predisposizione della Fantoni a condur­re il programma con il giusto piglio.

Fatto sta che è la prima volta che, in un mondo sostanzialmente ma­schilista a cominciare dall'ambiente calcistico, le ge­rarchle della conduzione si sono presto rovesciate a vantaggio di una donna.

Roberto Levi
per "Il Giornale"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV