DIGITAL-NEWS

Si informa che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al fine di inviare servizi e messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione. Se si desidera saperne di più leggere l’informativa. Se si vuole negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare qui. Chiudendo questo banner si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Digital-Forum

UE sotto fuoco di critiche, Arriva riforma copyright e tlc. Resta blocco canali tv esteri

News inserita da:

Fonte: Ansa

Satellite / Estero

Non sono ancora state ufficialmente presentate, ma hanno finora sollevato più dubbi e critiche che altro. Sono le riforme Ue del copyright e delle regole per il settore delle telecomunicazioni, che la Commissione presenterà la prossima settimana a Strasburgo, verosimilmente mercoledì salvo cambiamenti. Nonostante la promessa di mettere fine al divieto di accesso dei contenuti esteri, continuerà a non essere possibile abbonarsi per esempio ai programmi di Netflix in Gran Bretagna dall'Italia. Sarà però più facile per tv, radio e piattaforme online acquistare i diritti per diffondere film e musica in più Paesi. I media potranno chiedere a servizi come Google News un pagamento per gli articoli che rilanciano - ma non sarà una tassa sui link, assicurano a Bruxelles - mentre servizi come Whatsapp o Skype dovranno sottostare a regole su sicurezza e privacy come gli operatori tlc. E gli utenti avranno più libertà di cambiare fornitori anche in caso di pacchetti tv-internet, sebbene per le associazioni di consumatori ci siano rischi per la concorrenza. I due pacchetti, molto complessi e che la Commissione Ue sta ancora limando, dovevano inizialmente essere presentati separatamente verso metà e fine settembre, poi i tempi si sono accelerati dopo le fughe di notizie e le critiche ricevute da più parti, dai produttori audiovisivi ai consumatori.

Sul fronte copyright, nonostante la portabilità dei contenuti quando si viaggia temporaneamente all'estero sia già stata assicurata, resterà vietato fare 'shopping' dei programmi preferiti offerti su canali o piattaforme internet di un altro Paese. I broadcaster, però, in base al principio del paese d'origine, potranno acquistare in una volta sola i diritti per diffondere lo stesso film o serie tv online nei diversi stati membri in cui sono presenti. Una mossa duramente criticata da molti produttori ed emittenti che temono, come l'Associazione tv commerciali europee (Act), che così facendo si crea un sistema in cui tutte le licenze diventano paneuropee, quindi più care, con il risultato che solo i giganti come Netflix o Amazon Prime potranno acquistarle. Fuori dal pacchetto Ue resta comunque la questione sport, in quanto partite di calcio o gare sportive non sono protette da copyright ma dai diritti esclusivi alla diffusione. Un cambiamento, invece, che per i consumatori europei del Beuc è ancora troppo timido: «La Commissione dovrebbe fare quello che ha promesso, mettere fine al geoblocking» anziché restare vittima dell'industria audiovisiva che «sembra non volere rispondere ai trend del consumo online». Critiche anche per la mano tesa a editori e media, che dà loro il potere negoziale (ma non l'obbligo di esercitarlo) di avere una remunerazione da parte degli aggregatori di notizie come Google News che riprendono stralci o link di articoli.

I consumatori temono che si ritorca sui consumatori che dovranno pagare per accedere alle notizie, e gli editori hanno paura di perdere visibilità. «Non è assolutamente una tassa Ue sui motori di ricerca», ha messo in chiaro Bruxelles, ma si tratta solo di «garantire agli editori i diritti affini». Frizioni anche per la proposta, sul fronte regole tlc, di estendere ai fornitori di servizi di messaggistica e chiamate vocali via internet come Skype o Whatsapp alcuni ma non tutti - tiene a precisare la Commissione - obblighi su sicurezza e tutela della privacy finora imposti solo agli operatori tradizionali, che da tempo si lamentavano per la disparità di trattamento. Una partita complessa e ancora aperta, in cui dovranno intervenire anche Consiglio e Parlamento Ue.

Vuoi inserire le nostre News nel tuo sito? Clicca Qui.

Ulefone Vienna
Prova Tecnica Telefonia

Ulefone Vienna

Smartphone
Gearbest Z68
Prova Tecnica High Tech

Gearbest Z68

Multimedia Player
Uhans U 200
Prova Tecnica Telefonia

UHANS U200

Smartphone
Zeblaze Crystal Smart
Prova Tecnica Telefonia

Ultimi Video

  • NOW TV - Be a woman, be what you want

    NOW TV - Be a woman, be what you want

    NOW TV ha realizzato una campagna composta da un video e da alcune card iconografiche con l’obiettivo di celebrare alcune icone del cinema, e non solo, in tutte le loro sfaccettature. Il claim d...

    Sky

      mercoledì, 08 marzo 2017
  • NOW TV lancia la sua offerta in HD con un divertente spot

    NOW TV lancia la sua offerta in HD con un divertente spot

    Sulla piattaforma di streaming di Sky, NOW TV, i film, le serie tv, le produzioni originali Sky, compresi gli show, sono disponibili anche in alta definizione. Si potrà così vivere al me...

    Sky

      venerdì, 24 febbraio 2017
  • 63 anni fa nasce la televisione italiana, RAI. Era domenica 3 Gennaio 1954

    63 anni fa nasce la televisione italiana, RAI. Era domenica 3 Gennaio 1954

    3 gennaio 1954. E` domenica. Dopo cinque anni di sperimentazione da Torino e due da Milano, la televisione italiana, organizzata dalla RAI, è pronta a partire ufficialmente, giungendo fino...

    Televisione

      martedì, 03 gennaio 2017

Palinsesti TV