Digital-News.it Logo

Tlc: la pubblicità comincia a sedurre gli operatori mobili europei

News inserita da:

Fonte: key4biz.it

M
Mobile Tv
Servono già per comunicare, scaricare la musica, navigare su internet, effettuare piccoli pagamenti. Ora, la nuova frontiera dei telefonini sembra quella della pubblicità: un?opportunità di profitto già ben sviluppata in Asia che sembra cominciare a sedurre anche l?Europa.
 
Se infatti, in un primo momento gli operatori del Vecchio Continente si dimostravano scettici nei confronti della trasformazione del cellulare in nuovo privilegiato strumento di marketing, le cose sembrano pian piano cambiare e gli advertiser e compagnie telefoniche stanno cominciando a valutare le opportunità del business.
 
Anche gli utenti sembrano più propensi a ricevere sms pubblicitari sul telefonino, a patto che si tratti di spot mirati e ? soprattutto ? che consentano di usufruire dei servizi  in maniera gratuita o quanto meno scontata.
 
Molte aziende di successo, tra cui Coca Cola, Reebok, Jaguar, Peugeot e Air France hanno già utilizzato il telefonino come veicolo pubblicitario, trasmettendo pubblicità sotto forma di sms, banner per la versione mobile dei loro siti, o di contenuti speciali da scaricare. Forme di promozione che tuttavia hanno riscosso successo soprattutto sui mercati asiatici.
 
Anche gli operatori occidentali, tuttavia, hanno finito per credere alle opportunità del marketing mobile: in Francia, ad esempio, Orange offre agli advertiser un pacchetto pubblicitario ?triple play? che abbina ai canali tradizionali ? internet e tv ? anche il telefonino.
 
Il telefonino, del resto, è uno dei mezzi di comunicazione dai quali più difficilmente l?utente si separa e rappresenta dunque un canale tra i più privilegiati per gli advertiser.
Si tratta inoltre di uno strumento estremamente ?flessibile? che apre diverse opportunità e permette di diversificare l?offerta nei modi più disparati. Un sito di viaggi, ad esempio, può comunicare ai potenziali clienti informazioni sponsorizzate sul meteo.
 
Prima che il mobile advertising possa affermarsi come medium pratico, dicono gli analisti, bisogna risolvere alcuni aspetti fondamentali, tra cui i modelli di business, la condivisione dei profitti, oltre a questioni prettamente tecniche come la misura dello schermo dei cellulari, disponibilità di banda, interoperabilità delle reti e ancora il tipo, la lunghezza e la frequenza degli spot e via dicendo.
 
Se tutto andrà per il verso giusto, comunque, il settore dovrebbe decollare per generare quest?anno introiti per circa 1,5 miliardi di dollari, più o meno il doppio dello scorso anno.
 
Dopo aver invaso le strade, la televisione, internet e ogni mezzo di comunicazione disponibile ? ivi comprese diverse parti del corpo di irriducibili della reclame ? gli spot pubblicitari diventeranno dunque onnipresenti anche sui telefonini?

Alessandra Talarico
per "Key4biz.it"

📰 LE ULTIME NEWS 🖊️

📺 ULTIMI PALINSESTI 📝

✨ ARCHIVIO VIDEO 🎥 TRE CASUALI OGNI VOLTA! 🔄✨

  • Accordo Sky - Mediaset - Annuncio TG1 del 31/3/2018 ore 13:30

    Sky Italia e Mediaset/Rti hanno siglato un duplice accordo commerciale che porta molti benefici agli abbonati Sky attuali e che consente ai telespettatori italiani di avere un’offerta Sky anche sul Digitale Terrestre. Grazie a un primo accordo relativo ai contenuti, 5 canali di cinema e 4 canali di serie tv attualmente dispon...
    T
    Televisione
      sabato, 31 marzo 2018
  • A Unomattina Estate si confonde il nome del pony.... col padrone

    Ad UnoMattina Estate Week End, durante l’angolo dedicato agli animali, la conduttrice Ingrid Muccitelli presenta due piccoli pony. Poi accarezzandoli, si rivolge alla padrona: “Che carini! Ma chi dei due è Lavinia e chi Fragolina?”. A quel punto la padrona un po' imbarazzata: “Beh, Io sono Lavinia”. Tratto da...
    C
    Curiosità
      mercoledì, 15 giugno 2011
  • Il broncio del bambino deluso allo stadio di baseball, web e tv ridono

    Il piccolo tifoso dei Giants è imbufalito: la pallina di baseball finisce sugli spalti ma non è lui a prenderla, bensì una ragazza davanti. E allora mette in scena un repertorio di smorfie che non passano inosservate neanche ai commentatori in tv. I quali non possono fare a meno di riderci sopra. Ma c'è il...
    C
    Curiosità
      lunedì, 25 luglio 2011